Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

A Postiglione il Caimano d’oro 2019

  • Scritto da Libera Niglio

fjfjvjIl caimano d'oro è un riconoscimento prestigioso per gli sport acquatici, nato nel 2004 per volere della Società Sportiva Coser Nuoto di Civitavecchia, i primi premiati furono Marcello Guarducci per il nuoto e Gianni De Magistris per la pallanuoto.
Da allora l'assegnazione di questo premio è diventata una consuetudine, siamo giunti quest'anno alla sedicesima edizione, negli anni sono stati premiati Eraldo Pizzo considerato il miglior pallanuotista italiano di tutti i tempi, Massimiliano Rosolino uno dei campioni più medagliati della storia del nuoto italiano, Carlo Pedersoli ex campione di nuoto, meglio conosciuto meglio come Bud Spence,r primo uomo in Italia ad infrangere la barriera del minuto nei 100 msl .

Per la pallanuoto oltre a Pizzo lo hanno ricevuto: Pierluigi Formiconi, Alfio Flores, Alessandro e Roberto Calcaterra, Tania Di Mario, Carlo Silipo, Sandro Campagna, Francesco Attolico, Gianni de Magistris, Fabio Conti, Marco Galli, Stefano Tempesti, Maurizio Felugo, Marco Del Lungo e un anno fa Ratko Rudic premio alla carriera.
Quest'anno invece il galà degli sport acquatici, ha premiato un grandissimo nuotatore e pallanuotista napoletano, nonché vicepresidente della Fin, Francesco Postiglione. Grande ranista, pluricampione italiano nei 200 metri e campione europeo junior a Leeds 1989 nei 100 e 200 metri, ha partecipato da nuotatore anche ai Giochi di Barcellona '92. Postiglione è stato anche il difensore delle tante battaglie rossoverdi, calottina numero 2, con il Posillipo ha vinto 3 Scudetti e 3 Champions League, 7 medaglie con il Settebello tra cui il bronzo alle Olimpiadi '96, l'argento ai Mondiali 200e 3 l'oro agli Europei '95.
Personalmente è colui che mi ha fatto amare questo sport all'inverosimile, sempre disponibile e presente, l'ho visto negli anni fare da tutor ai più giovani senza mai stancarsi e senza la alterigia che molto spesso campioni del suo calibro hanno nei confronti delle nuove leve, possiamo dire, senza possibilità di smentite, grande uomo e grande sportivo.
Grintoso e combattivo Francesco Postiglione ha ottenuto questo premio per i suoi trascorsi da nuotatore, mentre per la pallanuoto quest'anno il premio è andato ad Alessandro Bovo campione olimpico, mondiale ed europeo e autore del grande slam con il Settebello di Ratko Rudic, è infatti passato dall'oro olimpico al titolo mondiale, passando per due vittorie ai campionati europei. Da allenatore ha esordito su una panchina di serie A1 nel 2008 alla guida della Leonessa Brescia.
Salta agli occhi degli appassionati di pallanuoto che grandi assenti di questo albo d'oro sono due grandi pallanuotisti napoletani, Franco e Pino Porzio. Franco attualmente presidente onorario dell'Acquachiara e Pino l'allenatore più vincente di sempre, ora coach del Canada chissà se il prossimo anno non saranno proprio loro i destinatari del caimano d'oro, questo è quello che personalmente mi auguro e insieme a me i tanti appassionati di pallanuoto.