Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Dalle tele di Luca Giordano al mare di Parthenope: il palcoscenico di NarteA si tinge di “blu”

  • Scritto da Annacarla Tredici

captivi 20loc copyNapoli si tinge di blu: nell'ambito di Maggio dei Monumenti 2015, l'Associazione Culturale NarteA porta in scena due eventi culturali, tra percorso guidato e teatro, con uno solo e unico fil rouge.

Nel centro storico di Napoli esiste un luogo dove tutto sembra possibile, perché ogni cosa pare essere rimasta com'era: un teatro tutto "terreno", tutto vero, si scopre attraverso i quattrocento anni di storia del seicentesco complesso del Pio Monte della Misericordia, una delle più importanti e antiche istituzioni benefiche napoletane, in scena con "Captivi". Sabato 16 maggio 2015 (ore 18:30 e ore 20:00) un'emozionante visita guidata teatralizzata animerà il percorso dalla Quadreria alla Chiesa del Pio Monte con lo scopo di rivivere le storiche vicende partenopee intrecciate alla Redentione dei Captivi. Un evento che parte dal passato, toccando argomenti sempre attuali e un'attenta indagine storica – partendo dai beneplaciti e dagli albarani, o meglio i documenti sui quali erano registrati i dati dei prigionieri riscattati –, arricchita dall'arte del teatro. Quasi duecento dipinti, tra cui risaltano i lavori di Luca Giordano e Caravaggio, e una ragguardevole collezione di argenti, mobili, libri antichi saranno lo scenario perfetto di una storia fortemente intessuta sulla profondità dei sentimenti umani. Oltre ad ammirare il celebre quadro delle Sette opere di Misericordia del Caravaggio, il pubblico sarà catapultano nella pièce teatrale, scritta da Febo Quercia di NarteA, interpretata dagli attori professionisti Roberto Albin, Marianita Carfora e Antonio Perna, che si alternerà alla visita guidata dei molteplici ambienti presenti nell'intera struttura. Costumi di Antonietta Rendina. Per partecipare all'evento, è obbligatorio prenotarsi ai numeri 339.7020849 - 334.6227785 per limite posti disponibili, la quota di partecipazione è di €15,00 per gli adulti

Domenica 17 maggio (ore 11:00), si riscopre l'origine di Napoli con "Pathenope – Dal mare al centro della città": partendo dal punto dove la sirena Parthenope decise di lasciarsi morire fino a raggiungere quello che, attraversando Largo di Palazzo, meglio conosciuta come Piazza del Plebiscito, fino ai primi del 900 fu il cuore pulsante della città si giungerà a Piazza Trieste e Trento e il "suo" Gambrinus. Uno splendido viaggio nella storia di Napoli che partirà dal famoso Borgo Marinari, luogo costruito nel 1800 e inizialmente destinato ad ospitare le famiglie dei pescatori e le loro imbarcazioni, e dall'esterno di Castel dell'Ovo, il castello partenopeo più antico di tutti, che sorge sull'antico isolotto di Megaride e che domina la costa. Attraverso personaggi di epoche passate, si salirà per via Santa Lucia per arrivare a scoprire anche la storia del Teatro San Carlo, il più importante teatro della città di Napoli, e la Galleria Umberto I, capolavoro di ferro e vetro costruito nel XIX secolo. La visita guidata teatralizzata si concluderà nel poderoso Maschio Angioine, dove le storie di re e regine non finiscono mai di stupire. Per partecipare all'evento, è necessario prenotarsi ai numeri 339.7020849 - 334.6227785, la quota di partecipazione è di €10,00 per gli adulti