Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

VERSO UN NUOVO INIZIO, LA SERIE A 2020-21 - IL PUNTO SULLE SQUADRE DELLA SERIE A

  • Scritto da Marco Sito

IMG 20200822 123516Neanche il tempo di smaltire una stagione logorante e complicata per tanti motivi di cui ormai siamo tutti noi completamente coinvolti che la Serie A, si riappresta ad iniziare la nuova stagione calcistica 2020-21, con data d'inizio fissata per il 19 settembre. In questi giorni di caldo rovente e totale preoccupazione per il rialzarsi del numero dei nuovi casi positivi al Covid-19 anche in Italia, il calcio italiano ha chiuso i battenti della stagione 2019-20 con la scorsa notte amara per l'Inter che, carica di grandi aspettative, ha perso la finale di Europa League contro il Siviglia mancando la grande occasione di rialzare un trofeo a 10 anni di distanza dagli ultimi successi europei e in provincia, precisamente a la Spezia, dopo 114 anni di storia per la prima volta proprio lo Spezia giunge in serie A.

Sono giorni carichi di tensione anche per il legame tra calcio e Covid dove in questi giorni sta dilagando con notevole rapidità il numero dei calciatori risultati positivi al Covid-19 dopo aver staccato la spina dalla stagione passata e che tuttavia, fa si da creare ancora dubbi sul regolare svolgimento del calcio d'inizio che avverrà il 19 settembre, nonostante le secche smentite della federazione convinta e sicura che il tutto avverrà senza frizioni e che dunque ci sarà l'inizio della nuova stagione come ampiamente programmato e ufficializzato per il 19.

Venendo al calcio giocato, analizzando le rose, il quadro delle squadre che parteciperanno alla prossima serie A è ormai stabilito in attesa del calendario delle partite, dove si prospetta una stagione particolarmente misteriosa e intensa. Iniziando dalla Juventus campione d'Italia, si prospetta una stagione enigmatica, si è puntato per la panchina sull'esordiente Andrea Pirlo, una leggenda del calcio giocato che è alla sua assoluta prima esperienza su una panchina e gli è stata affidata probabilmente la più bollente di tutte dove oltre a vincere, sarà obbligato a convincere puntando su una rosa che verrà con ogni probabilità rinnovata con un conseguente ricambio generazionale che vedrà tanti calciatori in partenza tra cui Higuain, Khedira, Douglas Costa per non dimenticare i già ceduti Pjanic (con conseguente arrivo di Arthur dal Barcellona) e Matuidi. Chi è chiamato a sfruttare questo periodo di transizione della Juventus dominatrice in Italia ormai da quasi 10 anni è sicuramente l'Inter, protagonista di una vera rivoluzione lo scorso anno che ha portato alla costruzione di una solida base sotto la gestione di Antonio Conte ma che nella prossima nuova stagione, può già metter in discussione il progetto avviato solo un anno fa a causa dei dissapori interni tra Conte e la proprietà cinese che proprio in questi giorni, dovrà sciogliere le riserve sul tecnico leccese che dalle ultime dichiarazioni dopo la sconfitta in finale di Europa League è al passo d'addio, lamentando una situazione personale di totale precarietà dal punto di vista della propria serenità; tuttavia l'Inter anche sul mercato ha già messo a segno un grande colpo come Achraaf Hakimi, uno dei migliori prospetti al mondo come terzino, dove con ogni probabilità sulla panchina interista non troverà più Conte ma, riproponendo ancora uno schema avvenuto diverse stagioni fa sempre alla Juventus dall'attuale direttore sportivo nerazzurro Giuseppe Marotta, verrà sostituito da Massimiliano Allegri, con qualche possibilità per Mauricio Pochettino, di essere lui, se la scelta non ricadesse su Allegri, il candidato principale in panchina per l'Inter qualora Conte andasse via. Per quanto riguarda invece le altre inseguitrici, situazioni molto più chiare le vivono Napoli e Milan; il Napoli ripartendo da Rino Gattuso, è chiamata a riscattare una stagione deludente salvata dalla vittoria in coppa Italia, anche qui il piano di rinnovamento della rosa è ben strutturato in quanto dopo l'addio di Callejon, il Napoli ha investito pesantemente per prendere la punta Victor Oshimen dal Lille, probabile sostituto di Milik destinato alla cessione, è in trattativa per prendere un esterno d'attacco dove il nome forte è quello di Jeremie Boga (risultato positivo al Covid proprio in queste ultime ore), un centrocampista come Jordan Veretout e un difensore centrale dove appare vicino l'arrivo dell'esperto difensore greco Sokratis Papastathopoulos dall'Arsenal mentre in odor di cessione oltre al già citato Milik, ci sarebbero Allan, Hysaj, Maksimovic oltre a Koulibaly che a meno di clamorose offerte, resterà a Napoli. Il Milan invece puntando su Pioli in panchina, reduce da un periodo post-Covid convincente al punto da meritare la conferma e scartare l'ipotesi che era ormai certa dell'arrivo del tedesco Ralf Rangnick in panchina, punterà su una rosa che nelle ultime settimane ha trovato un equilibrio ben stabile, una base solida dove Ibrahimovic dovrà essere ancora una volta il perno principale del progetto, in attesa che il suo rinnovo venga ufficializzato. Nel frattempo in casa rossonera, il mercato propone il nome di Serge Aurier, terzino Tottenham e di Bakayoko, un ex Milan che tornerebbe volentieri coi rossoneri. La Lazio reduce da un campionato da sogni infranti, tanto che per un periodo sembrava essere la favorita allo scudetto nel periodo pre-Covid, dovrà vivere un anno cercando la stabilità nell'Europa che conta in quanto dopo anni di assenza, la stagione 2020-21 sarà l'anno della Champions League, guidata da Simone Inzaghi e tuttavia illusa dalla speranza di poter acquistare un campione come David Silva dal Manchester City passando alla Real Sociedad in Spagna e rifiutando la Lazio che ora, dopo tale beffa, cerca un altro grande nome sulla piazza tra cui si vagliano le ipotesi di James Rodriguez e quel Felipe Anderson che ha già vestito la maglia biancoceleste. Altra squadra avvolta dal mistero è la nuova Roma di Dan Friedkin, nuovo proprietario statunitense della società capitolina, leader della vendita del marchio Toyota negli Stati Uniti e uno degli uomini più ricchi degli Usa, che dovrà fare i conti con una nuova strutturazione della società dal punto di vista manageriale e tecnico, pronto a vivere la sua presidenza a Roma da vincente dato il pesante investimento effettuato per acquistare la maggioranza della società, in attesa di vedere le mosse di mercato e come rinforzare una rosa in netto bisogno di acquisti importanti. La magia dell'Atalanta non dovrà esser più tale nella prossima stagione ma assoluta certezza, divenuta ormai una clamorosa realtà della nostra serie A grazie alle idee lungimiranti della società bergamasca che ha puntato su Gian Piero Gasperini in panchina che ha creato la sua macchina perfetta pronta a fare un ulteriore step di qualità che ormai anno dopo anno si verifica in modo costante e magari con qualche rinforzo dal mercato, puntare a qualcosa di davvero importante. Sarà un anno importante per le deluse della scorsa stagione come la Fiorentina del presidente Commisso, pronto a investire sul mercato con acquisti importanti ripartendo dal genio di Frank Ribery, per il Torino affidato al nuovo tecnico Marco Giampaolo e per il Cagliari che invece ha puntato su Eusebio Di Francesco. Ripartono invece dalle conferme di Ivan Juric il Verona, reduce da una strepitosa annata, così come il Sassuolo di De Zerbi e il Bologna di Mihajlovic, Claudio Ranieri con la Sampdoria e Luca Gotti con l'Udinese pronte a recitare ruoli non marginali nel campionato, mentre un'incertezza più caotica invece regna a Parma dove la conferma di Roberto D'Aversa in panchina non è così scontata dopo l'addio del direttore sportivo Faggiano passato al Genoa, e proprio il Genoa che dopo l'addio del tecnico Davide Nicola potrebbe puntare proprio su D'Aversa per la panchina. Sarà infine l'anno dei sogni per le neopromosse Benevento, intenzionata a sorprendere con un gran mercato, Crotone e l'esordiente Spezia in A, dopo 114 anni della sua storia.