Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Procida 2022 - Proiezione docufilm "La cultura di un'isola", lunedì 28 novembre

  • Scritto da Simona Pasquale

Procida2022 - La cultura di unisola

Lunedì 28 novembre alle ore 10:00 presentazione alla cittadinanza, presso il cinema Procida Hall (Procida, Via Roma n.1), del corto documentario "La cultura di un'isola" scritto e diretto dal regista Cristiano Esposito a cura di EsseCcì Scripts e prodotto da Procida TV. Realizzato con fondi POC Campania 2014/2020 per Procida Capitale 2022 e promosso da Regione Campania, Fondazione Campania dei Festival e Procida Capitale Italiana della Cultura 2022, il film racconta il mondo della pesca, la sua cultura e le opportunità lavorative, a cavallo fra tradizione e innovazione, offerte dalla pesca tradizionale, dal pescaturismo, dall'itticoltura e dalla gastronomia.

Integrare le narrazioni del programma di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022, mettendo al centro la pesca; un patrimonio di conoscenze da preservare, tramandare e rinnovare che per l'isola non rappresenta esclusivamente, un'attività economica primaria, ma una fondamentale ricchezza culturale e antropologica, alla luce della quale descrivere i cambiamenti sociali e ambientali, mostrando l'evoluzione del rapporto tra uomini e mare – e le prospettive offerte dalla pesca tradizionale, dal pescaturismo e dall'itticoltura – nel suo senso antico ed in quello moderno, offrendo ai giovani procidani un'occasione, al tempo stesso, di rinnovare il legame con le proprie radici e di aprirsi a nuove prospettive di vita.

È l'essenza del corto documentario "La cultura di un'isola", prodotto da Procida TV, scritto e diretto dal regista Cristiano Esposito a cura di EsseCcì Scripts. Realizzato con fondi POC Campania 2014/2020 per Procida Capitale 2022 e promosso da Regione Campania, Fondazione Campania dei Festival e Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 il film, che verrà presentato lunedì 28 novembre alle ore 10:00 presso il cinema Procida Hall (Via Roma n.1), illustra alcune fra le diverse forme di impresa presenti sul territorio – pesca a circuizione, pescaturismo e itticoltura – attraverso testimonianze a bordo e in laboratorio, integrate da interviste al biologo marino e ricercatore presso la Stazione Zoologica "Anton Dohrn" Valerio Zupo, al giornalista Ciro Cenatiempo, all'antropologo docente presso l'Università di Salerno Ugo Vuoso, al responsabile commerciale del Consorzio Pescato Procidano Antonio Veneziano, allo chef Aniello La Muro. L'evento, al quale è prevista la partecipazione dei rappresentanti istituzionali, costituirà un'occasione per i ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado, studenti dell'IC. "A. Capraro" e dell'II.SS. "F. Caracciolo – G. da Procida" di incontrare alcuni imprenditori dell'isola come, Michele Trapanese fondatore dell'azienda "Echinoidea" che pratica l'allevamento sostenibile dei ricci, i pescatori Gennaro Manfredi e Antonio Trapanese; figure in grado di fornire spunti su approcci moderni e non convenzionali al mondo del lavoro, in diretto contatto con la ricerca scientifica e in grado di perseguire obiettivi di innovazione tecnologica e culturale nell'approccio alla risorsa mare, originalità e tutela ambientale, creando opportunità di lavoro dirette e indirette. La conduzione sarà affidata a Emanuele Auletta, giovanissimo autore e scrittore isolano.

Add a comment

Al TK di Castellammare il film sui fratelli Abbagnale, campioni di canottaggio

  • Scritto da Emma di Lorenzo

Due conIl centro di produzione teatrale Casa del Contemporaneo inaugura la sua stagione al TK di Castellammare di Stabia dal titolo evocativo "Coltivare arte" in due giornate: sabato 26 novembre alle 17.00 per la rassegna Young propone lo spettacolo "A pesca di emozioni" destinato a famiglie e bambini dai 3 anni (ingresso €8). Domenica 27 novembre ore 19.30 la stagione serale si apre con "Due con. La storia dei fratelli Abbagnale", il primo docufilm sui leggendari campioni di canottaggio italiano: i fratelli Abbagnale.

A questa prima proiezione pubblica al cinema, al di fuori di un festival, saranno presenti i fratelli Giuseppe e Carmine Abbagnale, il timoniere Peppiniello Di Capua e uno dei registi, Gianluca De Martino, assieme a una delegazione di dirigenti della Federazione Italiana di Canottaggio, che ha concesso il patrocinio all'iniziativa rafforzando il comune impegno nella sensibilizzazione di giovani e giovanissimi al tema dello sport con la partecipazione delle scuole a una proiezione dedicata, nei giorni successivi.

Ancora, domenica 27 novembre sarà inaugurata "Mare di Stabia", la mostra fotografica di Pino Finizio, visitabile al TK fino al 28 gennaio 2023.

Il film evento "Due con. La storia dei fratelli Abbagnale" ripercorre la vita e i successi di Giuseppe e Carmine Abbagnale, pluricampioni mondiali e olimpici di canottaggio ed eroi italiani tra gli anni '80 e '90, portando questa disciplina alla ribalta mediatica.

I fratelli, originari di Pompei e allenati proprio a Castellammare di Stabia, nel Circolo Nautico Stabia, divisi tra la fatica e lo studio, raccontano per la prima volta la storia dei loro incredibili successi internazionali, attraverso repertorio inedito, testimonianze di appassionati, giornalisti e avversari storici. Un avvincente racconto di vittorie raggiunte con passione, etica e sacrificio. Un viaggio emozionante in un recente passato leggendario dello sport italiano. L'inizio giusto per una stagione che, con il suo titolo "Coltivare arte", vuole abbracciare ogni ambito che riesce a dare ampio senso alla parola 'cultura'.

Grazie a sacrificio, passione e forza di volontà, i due fratelli hanno dimostrato di poter raggiungere ogni traguardo: Oro ai Giochi olimpici di Los Angeles nel 1984 e a Seul nell'88, Argento ai Giochi olimpici a Barcellona nel '92, campioni mondiali dall'81 al '91 e dal '97 al '98. Attraverso repertorio inedito, testimonianze di appassionati, giornalisti e avversari storici, viene ripercorsa per la prima volta l'avvincente storia dei "Fratelloni d'Italia" e i loro incredibili successi internazionali accompagnati dal fedele timoniere Peppiniello di Capua.

"La storia dei Fratelli Abbagnale - hanno spiegato i registi Felice Valerio Bagnato e Gianluca De Martino - ha appassionato l'Italia tenendo incollati alla tv migliaia di italiani. La loro è una storia di successo sportivo, sacrificio e passione, in cui si sono identificate migliaia di persone nel periodo della rinascita e di benessere alla fine degli anni '80. Giuseppe e Carmine Abbagnale sono ancora per molti un ricordo vivo e il simbolo di un periodo storico di grande mutamento culturale e sociale, che si intreccia con importanti eventi internazionali che i Fratelli hanno attraversato e segnato con la loro barca da canottaggio".

Il film ha aperto l'8a edizione del Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo (2022)."Due con. La storia dei fratelli Abbagnale", scritto e diretto da Felice Valerio Bagnato e Gianluca De Martino, è una produzione Solaria film e Peacock film, in collaborazione con Rai documentari e RSI televisione Svizzera.

Nella stessa giornata, sarà inaugurata l'esposizione fotografica di Pino Finizio, dedicata al mare di Castellammare di Stabia: barche dei pescatori che dondolano leggere prima di partire, alle prime luci dell'alba, imbarcazioni da diporto, grandi e piccole che affollano, soprattutto in estate, le acque della città stabiese, scuole di vela e di canottaggio, che hanno portato il nome di Stabia in tutto il mondo e le grandi navi costruite nei Cantieri. Questi i soggetti delle fotografie di Pino Finizio, musicista per professione e fotografo per passione, napoletano di nascita, ma stabiese di adozione.

L'evento è patrocinato della Federazione Italiana di Canottaggio.

La serata di domenica 27 novembre di Castellammare di Stabia è a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Add a comment

"Tutti per Tutti" il nuovo mockumentary del ciclo "Ventidue"

  • Scritto da Simona Pasquale

Ventidue - Carlo Scotto di SantoloMartedì 22 novembre, alle ore 20:22, verrà pubblicato in rete, sul canale YouTube @procidatv "Tutti per Tutti", il settimo mockumentary del ciclo "Ventidue" il progetto a cura di Nuvola TV e Procida TV, sostenuto dal Comune di Procida e patrocinato da Procida Capitale Italiana della Cultura 2022.

Andare oltre l'inganno semantico della perfezione, per imparare a capire e conoscere le infinite sfumature della realtà, le sue tante "differenze" alcune delle quali, difficili da accogliere poiché richiedono attenzione e pazienza. Tante attenzioni quante sono le differenze, le diversità, le disabilità. Così diverse tra loro, anche quando la definizione clinica è la stessa, da richiedere momenti di confronto continuo tra famiglie, associazioni e istituzioni, per dar vita ad un rinnovato concetto di città e società, nel quale declinare in modo nuovo e arricchire di ulteriori sguardi, tutti egualmente degni di rispetto e considerazione i termini – ingannevoli anch'essi – "accessibilità" e "inclusività".

È l'essenza del tavolo "Tutti per Tutti" la rete di associazioni protagonista del settimo mockumentary del ciclo "Ventidue", la serie di documentari di narrazione a cura di Nuvola TV e Procida TV dedicata ai progetti di comunità, promossi e sostenuti dal Comune di Procida e inseriti nel programma di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 in virtù del loro radicamento sul territorio. Girato nei locali della discoteca isolana 404 Not Found, il film breve di narrazione verrà diffuso in rete martedì 22 novembre alle ore 20:22 sul canale youtube della televisione locale (@procidatv). La prossima ed ultima uscita è fissata giovedì 22 dicembre.

Interprete del cortometraggio, accompagnato dalla fisarmonica dal musicista Gianpaolo Viceré, è Carlo Scotto di Santolo, 22 anni, procidano, partecipante assiduo ai laboratori del tavolo e attore appassionato: «recitare è un dono – dice Carlo – e partecipare alle attività del tavolo mi è piaciuto. È stato bello».

Add a comment

"Napoli Magica” - La Locandina del film di Marco D'Amore al cinema dal 5, 6 e 7 dicembre

  • Scritto da Simona Martino

napoli magica

Svelata la locandina di Napoli Magica, il nuovo film diretto e interpretato da Marco D'Amore evento speciale al cinema il 5, 6 e 7 dicembre distribuito da Vision Distribution. Il film sarà presentato in anteprima nel corso della 40esima edizione del Torino Film Festival, in Fuori Concorso.

Napoli Magica è un film Sky Original, prodotto da Sky e Mad Entertainment in collaborazione con Vision Distribution. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Marco D'Amore e Francesco Ghiaccio.

Cosa cerchi in Napoli quando la abiti da sempre o quando la visiti per la prima volta? Perché la sua anima è così diversa dalle altre? Dove risiede la sua magia? Marco D'Amore vuole scoprirlo e per farlo esiste un unico modo: deve attraversarla e perdersi per trovare l'inaspettato incanto. Bisogna scavare la pietra di tufo dei suoi sottofondi per disseppellire i suoi misteri e le sue leggende, i suoi spiriti, le voci antiche, i suoi fantasmi e i suoi miti. Il dedalo di cunicoli scavati per tremila anni è tomba dei segreti su cui poggia l'intera città.
E poi dalla realtà si passa alla favola, e così in Napoli Magica i luoghi iconici - il cimitero delle Fontanelle, Castel dell'Ovo, la cappella del Cristo Velato, le Catacombe di San Gaudioso - prendono vita mentre i volti della gente incontrata in strada si contrappongono ai personaggi del mito (la sirena Parthenope, il munaciello, le anime pezzentelle, Pulcinella).
In questo viaggio, la città assume forme e contorni nuovi suscitando sentimenti contrastanti, in un continuo gioco di opposti. Napoli è uno sguardo o un'infinità di vedute, come se la si osservasse dalle alture dei colli che la circondano, o dai sotterranei che la trapassano o infine, attraverso gli occhi di tutte le anime che fino ad ora l'hanno abitata in superficie o nelle sue cavità. Napoli Magica dà del "tu" al mistero e attende risposte mai rivelate dagli oracoli.

NAPOLI MAGICA è un film Sky Original.
Una produzione Sky e Mad Entertainment in collaborazione con Vision Distribution.
Soggetto e sceneggiatura di Marco D'Amore e Francesco Ghiaccio.
Regia di Marco D'Amore.
Prodotto per Sky da Roberto Pisoni, Dino Vannini, Gaia Pasetto.
Prodotto per Mad Entertainment da Luciano Stella, Maria Carolina Terzi, Lorenza Stella, Carlo Stella.

Add a comment

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI SALERNO

  • Scritto da Ilaria Cuomo

foto De Cesare MarioSi accendono ufficialmente i motori del Festival Internazionale del Cinema di Salerno che avrà luogo da lunedì 28 novembre a sabato 3 dicembre e che tornerà in presenza al teatro Augusteo - sua location d'eccezione – dopo ben due anni di assenza a causa della pandemia da Covid-19.

«Quest'anno il Festival rappresenterà per Salerno un'occasione per ritessere una trama con il proprio passato, pur proiettandosi sempre al futuro. Torniamo, infatti, nel teatro che per anni ha fatto da cornice alla kermesse e che è stato, altresì, palcoscenico di molte edizioni; senza dimenticare altre storiche location quali: il Teatro Verdi e il Cinema Capitol. Siamo molto felici del lavoro svolto fin ora e siamo certi che, per questa 76esima edizione, soddisferemo il nostro pubblico grazie ad un programma di qualità, capace di coinvolgere un importante ventaglio generazionale». Racconta il Patron Mario De Cesare.

Il cartellone di quest'anno promette di essere indimenticabile e proporrà anche film di registi provenienti dall'Ucraina e dalla Russia, a dimostrazione che il mondo del cinema è in grado di unire i talenti artistici oltre la più severa crisi geopolitica degli ultimi decenni. Non solo, per i sei giorni di Festival, oltre alle consuete proiezioni – mattutine e pomeridiane – destinate agli studenti di tutte le scuole, sono previsti open forum che vanteranno la partecipazione di ospiti d'eccezione che saranno presenti anche alla serata conclusiva di sabato 3 dicembre.

Add a comment