Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Hunger Games, edito da Mondadori il prequel della saga!

  • Scritto da Giancarlo Piccolo

hunger-games-stasera-in-tvDal 19 Maggio, Hunger Games. Ballata dell'usignolo e del serpente è disponibile in tutte le librerie e nei migliori store online.

Il prequel della famosa saga di Suzanne Collins, ambientato 64 anni prima gli eventi che hanno visto protagonisti Katniss Everdeen (Jennifer Lawrence) e Peeta Mellarc (Josh Hutcherson), narra le vicende del futuro presidente di Capitol City Coriolanus Snow, nemico della rivoluzione e spietato assassino.

Nel romanzo, l'appena diciottenne Snow, rampollo della borghesia cittadina, perde i genitori e cade in disgrazia. Vive per un certo periodo con la cugina Tigris (la stilista incontrata ne Il canto della rivolta) e «signoranonna» ma le sue sorti prendono una piega diversa quando si troverà a fronteggiare gli Hunger Games come mentore di Lucy Gray - ironia della sorte - tributo femmina del Distretto 12. Lucy è la ragazza più fragile dei 24 partecipanti e per tirarla fuori sana e salva, il giovane Snow si impegnerà a giocare brillantemente d'astuzia.
Una delle differenze principali rispetto alla trilogia originaria riguarda la modalità del racconto. Questa volta non è il protagonista a parlare in prima persona (come faceva Katniss) ma la scrittrice stessa che ci accompagna nell'infanzia e nell'adolescenza del futuro presidente offrendo delle attenuanti per i suoi comportamenti spietati. In origine, infatti, Snow non era un tiranno senza cuore, ma una vittima di quel sistema di oppressione e ingiustizie tipico di Capitol City.
La versione degli Hunger Games, proposta nelle 600 pagine di questo nuovo racconto, inoltre, mostra giochi ancora più crudeli e terrificanti: i giochi nell'Arena sono e devono rappresentare una punizione esemplare utile a scongiurare altri ribellioni; non sono ancora concepiti come forma di intrattenimento da reality show. Nel libro, infatti, i Tributi non sono beniamini delle folle, ma animali incatenati, senza cibo né acqua, alla mercé di tutto e tutti.