Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Federico II e Getplus: firmato accordo per lo sviluppo del progetto Next per veicoli modulari nei sistemi urbani

  • Scritto da Maria Esposito

moduli Next foto 3L'intesa anticipa ulteriori iniziative che vedranno coinvolti l'Ateneo per la verifica tecnologica e di sistema di alcune importanti innovazioni realizzate da questa dinamica azienda. Getplus è una società tecnologica di gestione del traffico di merci e persone che sta sviluppando un nuovo sistema di mobilità elettrica con l'utilizzo di un nuovo veicolo denominato 'PODS'.

Il mondo della mobilità è in rapida trasformazione e la Federico II partecipa alla innovazione industriale e alla formazione di una nuova generazione di tecnici di elevata qualificazione in grado di gestire veicoli, infrastrutture e servizi di trasporto del futuro. I punti di forza della soluzione Next sono la modularità e la flessibilità, in grado di esprimere il massimo del proprio potenziale se declinati all'interno del paradigma CCAM - Cooperative, Connected and Automated Mobility.

'I progetti in corso in Federico II, compreso quelli legati al neo-costituito Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, le lauree triennali e magistrali in particolare quella internazionale in Transportation Engineering and Mobility, i dottorandi di ricerca industriali, la Task Force di Ateneo per la Smart and Sustainable Mobility, le iniziative con i più importanti stakeholder del settore sono tutti tasselli di una strategia di lungo respiro che proietta l'Ateneo napoletano all'avanguardia della rivoluzione nei trasporti' dichiara Cino Bifulco, professore di Ingegneria dei trasporti e responsabile dell'accordo per l'Ateneo Federico II.

'La conformazione modulare dei PODS di Next assieme al software di gestione della flotta permette l'abbattimento di circa il 60% del traffico urbano di merci e persone. La Federico II attraverso le sue eccellenze ingegneristiche affiancherà Getplus come partner per lo sviluppo e l'ottimizzazione del prodotto, affiancandosi al team internazionale che attualmente sta sviluppando i veicoli fra Padova e Dubai. Inizia un percorso italiano di eccellenza nella mobilità elettrica sostenibile', dichiara il membro del board con delega alle relazioni esterne della Getplus, Domenico Giudici.

Add a comment

Gusto Italia coast to coast: Tappa a Villammare

  • Scritto da Rosmarinonews

gusto italia in tour villamare

Gusto Italia continua a percorrere le rotte delle località marinare più ricercate della Campania. Da giovedì 4 agosto a domenica 7 agosto giungerà sul lungomare di Villammare, nel profondo Cilento costiero.
Al centro del Golfo di Policastro, la località del comune di Vibonati è ormai da anni Bandiera Blu e si fregia delle 2 Vele assegnate dalla Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano.

Si tratta della quarta tappa estiva 2022 della fiera dell'enogastronomia, dell'artigianato e del turismo, la quale consente di fare una spesa consapevole e a km zero, potendo dialogare direttamente con produttori e artigiani.
Un progetto dell'Associazione Italia Eventi, presieduta da Giuseppe Lupo, che gode del Patrocinio dell'Unione Nazionale Organizzatori Eventi, della Camera di Commercio di Salerno, del Parco Nazionale del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni e del Comune di Vibonati, grazie alla disponibilità del sindaco Manuel Borrelli.

"Sosteniamo le produzioni familiari e di nicchia, creando un'occasione di vendita diretta nelle più belle località del cento sud Italia. Villammare torna ad accogliere Gusto Italia da diversi anni perché condivide i nostri principi ed è vicina al Made in Italy di qualità", sottolinea Giuseppe Lupo.

Sabato e domenica, per la gioia dei più piccoli e degli appassionati, andrà in scena anche Giorgio Ferraiolo con l'antica tradizione del Teatro dei Burattini.

Tra i prodotti presenti in questa tappa liquori artigianali di varie tipologie e il famoso liquore alla canapa Cannabis prodotto a San Cipriano Picentino. Non mancheranno i peperoni cruschi, la pasta artigianale, le conserve, i legumi lucani e un vino dolce di tradizione medievale ottimo per accompagnare i dolci, da Grumento Nova anche formaggi (tra cui il Canestrato di Moliterno) e salumi lucani. Da Taverna, in Calabria, arriverà un bel carico di prodotti, tra nduja e tipicità. Made in Cilento, invece, una serie di conserve, patè, paste ed olio evo. Dall'Irpinia diversi i salumi e i formaggi di qualità, ottime anche le birre artigianali di un'azienda proveniente dall'Emilia Romagna.
Tanti i dolci tipici di tradizione napoletana, calabrese, pugliese e siciliani, tra cui le lingue di Procida e la liquirizia calabra. Presenti anche i mieli biologici realizzati a Capaccio Paestum, colorate e divertenti caramelle e il mitico waffelino di Angri preparato in tanti gusti diversi, proprio come le crepes.
Per gli appassionati di prodotti di artigianato calamite artigianali da Cava dei Tirreni, borse e gioielli artigianali lavorati ad Avellino, t-shirt, zaini e cappelli in canapa, ceramica di Somma Vesuviana e, dal Cilento, anche cristalli profumati e lampade in cristallo.

Media partner dell'evento sono il blogzine di gastronomia e turismo Rosmarinonews.it e Radio Castelluccio.

Le prossime tappe di Gusto Italia:

  • dal 12 al 15 agosto: Sapri
  • dal 18 al 21 agosto: Minori
  • dal 24 al 28 agosto: Acciaroli
Add a comment

JAZZ IN VIGNA: MUSICA, CIBO E VINO NEI VIGNETI DEI CAMPI FLEGREI

  • Scritto da Carmen Cerchiaro

imm cop jazz in vignaSettimo appuntamento col "JAZZ IN VIGNA" per sabato 30 luglio a partire dalle ore 21.00 nella splendida location dell'Agriturismo Il Gruccione della famiglia Iovino.

Un'oasi al centro dei Campi Flegrei con uno splendido panorama sul golfo di Pozzuoli.

Serate all'insegna dell'enogastronomia tra i colori e i profumi del tramonto puteolano e l'ottima musica dei Quartieri Jazz, che dopo le degustazioni dei prodotti tipici della natura, delizieranno gli ospiti con uno splendido scenario tra i vigneti del Montespina. Un connubio studiato ad hoc alla ricerca di un piacere autentico che coinvolga tutti i sensi.

A salire sul palco i Quartieri Jazz ed il loro Neapolitan Gipsy Jazz con Luigi Esposito alla fisarmonica Mario Romano alla chitarra manouche, Gianluca Capurro alla chitarra classica e Dario Franco al basso. La storica formazione presenterà al pubblico un viaggio musicale attraverso i loro due album: " 'E strade ca portano a Mare " e l'ultimo lavoro discografico "Le 4 giornate di Napoli" ispirato alla rivolta partenopea.
Il loro sound frizzante e sanguigno riproduce i colori e gli umori della magica e vivace realtà della città.
Un jazz in cui predomina l'aspetto compositivo, dal sapore indiscutibilmente mediterraneo, capace di affascinare con suggestioni derivanti da differenti culture musicali e al contempo di trascinare il pubblico nei momenti più ritmati.

Add a comment

Innovazione: le nanotecnologie spiegate a bambini e ragazzi per avvicinarli alle materie STEM

  • Scritto da Sara Napolitano

Mauro FerrariLe nanotecnologie spiegate a bambini e ragazzi per avvicinarli alle materie Stem, le discipline scientifiche. Parte così in progetto STEM4Napoli promosso da La compagnia dei Figliuoli, l'associazione che ha rilanciato a Napoli Il Nuovo Bianchi e l'Istituto Scuole Pie Napoletane.
Il progetto è stato presentato a Napoli in occasione del laboratorio "Nano Piccerella" organizzato in collaborazione con l'Accademia di Gagliato Globale nel corso del quale gli scienziati ed esperti pratici hanno aiutato i bambini e ragazzi tra i 6 e i 15 anni ad avvicinarsi alle nanotecnologie e alle scienze.

"Il progetto STEM4Napoli- dichiara il presidente de La compagnia dei Figliuoli Carmine Esposito- nasce per avvicinare sin da piccoli i bambini alle materie scientifiche e dare così più opportunità professionali da adulti. Napoli è ormai un punto di riferimento globale per i talenti, anche grazie all'impegno dei nostri atenei a partire dalla Federico II, ed è importante che il mondo della scuola faccia la sua parte.
La Compagnia dei Figliuoli è nata per dare parità di accesso ad un'istruzione dagli standard elevati, promuovendo al contempo l'educazione civica, il rispetto dell'ambiente, la convivenza tra famiglie di diverso background e quartiere; lo abbiamo fatto con successo rilanciando Il Nuovo Bianchi dal 2019 e dal 2021 rilanciando l'Istituto Scuole Pie. Il rilancio di Napoli passa anche dalla scuola e noi vogliamo fare la nostra parte. E lo facciamo sia con l'attività ordinaria che con laboratori e iniziative integrative come quella sull'educazione ambientale organizzata con Marevivo".

La giornata si è aperta con l'incontro dei ragazzi con lo scienziato Mauro Ferrari, accademico bioingegnere e ricercatore italiano, impegnato principalmente nella ricerca sulle nanotecnologie e nel campo della bioingegneria applicate in medicina.
La Compagnia dei Figliuoli è l'associazione senza scopo di lucro costituita per rilanciare nel 2018, in collaborazione con la Fondazione Grimaldi, l'attività di istruzione iniziata dall'Istituto Bianchi quando i padri Barnabiti, che per oltre 150 anni avevano portato avanti l'Istituzione educativa, hanno scelto di passare la gestione all'Associazione.
E dal 2021 l'Istituto Scuole Pie Napoletane di Fuorigrotta, istituzione fondata dai Padri Scolopi nel 1954 e portata avanti con successo fino a quest'anno scolastico, è stato affidato a La Compagnia dei Figliuoli.

Per maggiori informazioni sull'Accademia di Gagliato Globale e su Mauro Ferrari:

Accademia di Gagliato Globale
L'Accademia di Gagliato Globale (AGG) è stata fondata sul principio che il talento è universale, ma l'opportunità no. In un mondo che fa affidamento sulla scienza per risolvere i nostri problemi più complessi, troppe comunità sono tagliate fuori dal lavoro quotidiano dell'innovazione e dell'istruzione scientifica e tecnologica. In tali contesti, adulti e bambini spesso perdono opportunità di apprendere e di impegnarsi con la scienza e la tecnologia, e gli scienziati perdono preziose opportunità di imparare dai laici il cui know-how culturale e pratico potrebbe fornire innovazioni e soluzioni più vantaggiose.
AGG cerca di colmare questa opportunità e il divario di comunicazione supportando i professionisti STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) che tornano nelle loro comunità di origine come modelli di ruolo e ambasciatori dell'ingegnosità STEM. I membri dell'AGG, chiamati accademici, hanno il compito di aprire le porte alle possibilità illimitate nell'istruzione e nelle carriere STEM.
AGG incoraggia i professionisti STEM a diventare filantropi STEM sviluppando eventi nelle loro comunità di origine che collegano esperti e innovatori STEM con i membri della comunità locale.

Mauro Ferrari
Mauro Ferrari, nato a Padova nel 1959, è un accademico e imprenditore, impegnato nella ricerca sulle nanotecnologie applicate alla cura dei tumori. Dopo la laurea in Matematica all'Università di Padova si trasferisce negli Stati Uniti, dove nel 1987 consegue il Master e il Ph.D. in Ingegneria Meccanica alla University of California di Berkeley e inizia subito la carriera come professore di Ingegneria dei Materiali e Ingegneria Civile. Dal 2000 al 2006 è professore ordinario di Ingegneria Meccanica e di Medicina Interna, e direttore del dipartimento di Ingegneria Biomedica alla Ohio State University. Contemporaneamente studia medicina e collabora con il National Cancer Institute a Bethesda, dove dirige il lancio del programma federale USA di nanotecnologia applicata al cancro, con un investimento superiore a un miliardo di dollari. Nel 2006 si trasferisce in Texas, dove è professore ordinario di Medicina Interna e direttore del dipartimento di Nanomedicina alla University of Texas di Houston e professore ordinario di Terapie Sperimentali (University of Texas M.D. Anderson Cancer Center). Assume quindi l'incarico di presidente e amministratore delegato del Methodist Hospital Research Institute per dieci anni, e a seguire la presidenza, durata tre mesi, dell'European Research Council. Attualmente è presidente e amministratore delegato di BrYet Pharma, consigliere d'amministrazione di Arrowhead Pharmaceutics e professore di Scienze Farmaceutiche all'Università di Washington. In Italia è membro (straniero!) dell'Accademia Nazionale delle Scienze "dei Quaranta", e ha ricevuto lauree ad honorem dalle università di Napoli Federico II e di Palermo. Oltre a un lunghissimo curriculum di premi, incarichi e partecipazioni a ricerche dalle quali sono nati alcuni dei farmaci più innovativi per la cura dei tumori, Mauro Ferrari conta 60 brevetti a suo nome e oltre 500 pubblicazioni su riviste internazionali.

Add a comment

Vivere la Reggia di Caserta attraverso la Musica: concerti-matinée alla Castelluccia nel Parco Reale del complesso vanvitelliano

  • Scritto da Marco Pirollo

LES BRASSEURS 1Vivere la Reggia di Caserta immersi nella musica, questo lo scopo del ciclo Musica & Green, due concerti-matinée alla Castelluccia nel Parco Reale della Reggia di Caserta, proposto dall'associazione Anna Jervolino e dell'Orchestra da Camera di Caserta.

Questi gli appuntamenti:

- Domenica 31 Luglio musica regale con i Dodici Divertimenti di Giovanni Paisiello dedicati a Caterina II di Russia a cura del Wind Young Ensemble, giovane formazione sorta sotto l'egida dell'Orchestra da Camera di Caserta, già apprezzata nell'ambito della Festa della Musica svoltasi presso il Museo. La formazione che vedrà Antonio Troncone & Carlo Liucci ai flauti; Emanuele Palomba & Sabrina Viti ai clarinetti; Nico Rodrigues & Dennis Marzano ai corni e Alfonso Valletta al fagotto.

- Domenica 14 Agosto, Paesaggi Sonori con il quintetto di ottoni Les Brasseurs: cartoline sonore di Francia, Italia e America con musiche di Rossini, Verdi, Dukas, Gershwin e Traditional Jazz. Formato da Dario Tarozzo&Francesco Ulivi alla tromba; Gabriele Ricci al corno, Antonio Mascherpa al trombone e Salvatore Continenza alla tuba Les Brasseurs Quintet si è costituito nel 2019 dall'incontro di cinque talentuosi giovani musicisti italiani e ha tenuto numerosi concerti con repertori che spaziano dal Barocco al Novecento.

I concerti avranno inizio alle ore 11.30. La partecipazione all'iniziativa rientra nel costo ordinario del biglietto o abbonamento al Museo.

Add a comment