Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Giovedi e Venerdi, con le proiezioni di due docu film e talk coi protagonisti, al Museo FRaC continua VISIONNAIRE22

  • Scritto da Giulio Di Donna

De Andre poster copy

Dopo gli eventi del 25 e 28 agosto (la masterclass con il M° Aurelio Canonici dal titolo "Ennio Morricone: una lezione in musica" e la proiezione del docu-film ENNIO del regista Giuseppe Tornatore) continua - fino al 18 settembre - Visionnaire22, la rassegna dell'audiovisivo che giunge alla seconda edizione nata dalla sinergia tra il Museo FRaC-Baronissi (Fondo Regionale d'Arte Contemporanea) diretto da Massimo Bignardi, e l'associazione Tutti Suonati, con il patrocinio e il contributo del Comune di Baronissi. La direzione artistica è di Andrea Avagliano, la consulenza cinematografica di Massimiliano Palmese.

I prossimi due appuntamenti sono un focus su Fabrizio De Andrè e la rinomata scuola cantautorale genovese:
Giovedì 1° settembre dalle ore 19:00 (ingresso libero) ci sarà in esclusiva regionale la proiezione del docu-film "DeAndrè #DeAndrè Storia di un impiegato" già presentato alla 78° Mostra Internazionale denl Cinema di Venezia. Ospite della serata la regista Roberta Lena che dialogherà con la giornalista Erminia Pellecchia. A seguire il concerto dei Litteitaly duo che faranno un omaggio a Farizio De Andrè.
L'opera ripercorre il concerto di Cristiano, il figlio di Faber, che ha portato sul palco il concept album del padre riarrangiato. Un tour, quello di Cristiano, della durata di due anni che ha omaggiato Fabrizio De André con le sue stesse note. Cristiano è uno dei volti, insieme a quelli di Dori Ghezzi e Filippo De André, a raccontare Faber, scavando nella memoria alla ricerca dei ricordi con questo uomo divenuto una leggenda della musica italiana.
Si approfondisce De André non solo come cantautore, ma anche come padre addentrandosi nella sua sfera più privata, e vengono raccontate anche vicende note, ma dalla versione del figlio e da una prospettiva più familiare. Cristiano ricorda i giorni trascorsi nella casa sarda di Portobello, dove Fabrizio dava vita a quell'album, circondato dagli amici e colleghi. Quello che ne viene fuori è un ritratto esclusivo di De André, che si sofferma sul legame tra padre e figlio, accomunati dall'amore per la musiva e dal pensiero sociale, cose che hanno permesso un passaggio di testimone, che non è semplicemente il nome illustre, ma un'eredità artistica e politica importante.

Venerdì 2 settembre dalle ore 19:00 (ingresso libero) "La Nuova Scuola Genovese" di Yvan Dellacasa e Paolo Fossati.
Introduce e coordina il talk il Prof. Lello Savonardo (Coordinatore del corso di Laurea in Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica - Università di Napoli Federico II).
Il documentario incentrato sulla "scuola genovese", movimento culturale nato negli anni '60 e attivo in particolare nel capoluogo ligure e nel cantautorato italiano. Di questa corrente fanno parte grande nomi, come quelli di Gino Paoli, Luigi Tenco, Umberto Bindi, Bruno Lauzi, Fabrizio De André, ma accanto a loro si stanno facendo conoscere nuove leve della canzone d'autore, come Tedua, Izi, Bresh, Vaz Tè, Nader, Guesan, Demo. Noti solamente con uno pseudonimo, questi artisti, per lo più rapper, stanno applicando alla musica contemporanea e alle sue recenti evoluzioni gli insegnamenti ricevuti da quei padri che hanno portato in alto lo stendardo della scuola genovese.
È così che due generazioni, apparentemente lontane tra loro, si incontrano e si incrociano, mostrando come, nonostante la forma possa sembrare diversa, rimanga la voglia di esprimersi con parole profonde e di denunciare le mutazioni della società.

span style="text-decoration: underline;" />Il programma delle prossime settimane tra proiezioni e talk prevede</span>:</p> <p>Giovedì 8 settembre <strong>Donne in musica con Giovanna. Storie di una voce.</strong> (<strong>Italia</strong>, 2021), ospite la regista <strong>Chiara Ronchini</strong>. Presenta <strong>Stefano Valanzuolo</strong> (<strong>RAI Radio 3 Suite</strong>).<br />Domenica 11 settembre <strong>Donne in musica con Senza Fine</strong> (Italia, 2021) di <strong>Elisa Fuksas</strong>. Ospite <strong>Alfonso Amendola</strong> (<strong>UniSa</strong>).<br />Giovedì 15 settembre <strong>Via con Me</strong> (Italia, 2020) ospite il regista <strong>Giorgio Verdelli</strong> con <strong>Pasquale Scialò</strong> che presenta i libri <strong>Paolo Conte</strong> (<strong>Sperling & Kupfer</strong>) e <strong>Storia della canzone napoletana vol.II</strong> (<strong>Neri pozza</strong>). Modera il giornalista e autore televisivo <strong>Gino Aveta</strong>.<br />Venerdì 16 settembre <strong>Omaggio a Pier Paolo Pasolini</strong> con <strong>"LA GIAGUARA - inseguendo Laura Betti e Pasolini"</strong> di e con <strong>Elena Bucci</strong> (produzione <strong>Le belle bandiere</strong>). <strong>Renzo Paris</strong> presenta il libro <strong>"Pasolini Moravia"</strong> (<strong>Einaudi</strong>)<br />Domenica 18 settembre <strong>PREMIO ALLA CARRIERA</strong> all'attrice napoletana <strong>Marina Confalone</strong>.</p> <p>Tra gli eventi speciali sulla magnifica <strong>Terrazza degli Aranci</strong>, situata nell'antico <strong>Convento Francescano di Baronissi</strong> oggi sede del <strong>Museo FRaC</strong>: <strong>Simona Boo in</strong> concerto l'11 settembre nella serata intitolata <strong>"Donne in musica"</strong> e il 15 settembre <strong>Roberto Colella</strong> (<strong>La Maschera</strong>).</p> <p>Inoltre nell'ambito di <strong>VISIONNAIRE22</strong> è allestita la mostra di<strong> "ARMANDO CERZOSIMO - Appunti per un'iconografia della canzone"</strong> che inizia venerdì 2 settembre (alle ore 18.30).<br />Curata da <strong>Massimo Bignardi</strong> direttore del Museo-FRaC, la mostra propone un repertorio di immagini tratte dall'archivio del fotografo <strong>Armando Cerzosimo</strong>: un repertorio che attraversa i luoghi della musica, ovvero che si fa da guida immaginativa ai personaggi, alle scene, alle trame dei docufilm proiettati nel suggestivo scenario della Terrazza degli aranci.<br />In mostra, sedici fotografie di grande formato disegnano le tracce di un viaggio tra luoghi che sollecitano la memoria, accompagnandola, nello spazio dei ricordi con la silenziosa armonia di una melodia francese, del suono delle elettriche londinesi, del canto che sale dal <strong>Tago</strong>.</p> <p>"Sono immagini - osserva Prof. Massimo Bignardi Direttore del Museo FRaC - che ripropongono nella nostra mente luoghi che fanno da scenografia alle tante canzoni a'stipate' nella memoria; vere e proprie 'colonne sonore' della nostra vita. Cerzosimo ha incontrato, nel corso degli anni, la <strong>Londra</strong> dei <strong>Beatles</strong>, la <strong>Parigi</strong> con le strade che ascendono a <strong>Montmartre</strong> fino a <strong>Place du Tertre</strong> con l'aria bohemien di <strong>Aznavoir</strong> oppure il lungo <strong>Senna</strong> avvertendo l'eco delle canzoni della <strong>Piaf. Vale</strong> anche per la <strong>Roma</strong> di <strong>Moriconi</strong>, di <strong>Venditti</strong> con <strong>'il Cupolone'</strong>, la <strong>Genova</strong> di<strong> De André</strong> e dei cantautori della nostra generazione, oppure la <strong>Sicilia, Nicosia, Siracusa</strong> fermando spazi e figure, come fossero un solo luogo. Inoltre, la rapida discesa dal <strong>Bairro Alto</strong>, da <strong>Chiado della vecchia Lisbona</strong>, inseguendo la malinconia del 'fado'. La fotografia di Cerzosimo, in particolare quella in bianco e nero, lascia trasparire la sua innata capacità di guardare oltre la dimensione delle cose reali, di lasciare lo sguardo libero di incontrare la 'visione', vale a dire quel connubio tra l'emozione, sensazione propria di un incontro improvviso e, al tempo stesso, il trasporto del ricordo che la memoria ci consegna".</p>""