Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

ESG - Il 22 novembre a Napoli l'evento: "Innovazione d'impresa e finanza sostenibile: leve per la transizione ESG”

  • Scritto da Sara Napolitano

Innovazione dimpresa e finanza sostenibile leve per la transizione ESG

"Innovazione d'impresa e finanza sostenibile: leve per la transizione ESG": questo il tema del convegno, che si svolgerà il 22 novembre alle 15 a Napoli a Palazzo Ischitella, promosso dal Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni dell'Università di Napoli Federico II in collaborazione con il Gruppo Industriale Tecno (www.tecnosrl.it), società Elite leader nei servizi alle imprese per il monitoraggio delle performance industriali e la sostenibilità ambientale.
L'evento è organizzato nell'ambito della decima edizione della Settimana dell'Investimento Sostenibile e Responsabile, promossa dal Forum per la Finanza Sostenibile, il principale appuntamento in Italia dedicato all'Investimento Sostenibile e Responsabile.
Nel corso dell'evento si affronteranno - in due momenti di confronto - il tema della transizione delle imprese verso modelli di business innovativi e sostenibili.
Introdurranno l'evento il Presidente e fondatore del Gruppo Tecno Lombardi, il docente di Istituzioni di Diritto Pubblico dell'Università Federico II Renato Briganti, il ricercatore di economia e gestione delle imprese all'Università Federico II Giovanni Landi e il professore di Economia e Gestione delle Imprese all'Università Federico II Mauro Sciarelli.
L'evento si aprirà con la prima tavola rotonda su "L'integrazione dei principi di sostenibilità nei processi di innovazione industriale" a cui prenderanno parte il Direttore Innovability del Gruppo Enel Ernesto Ciorra, il professore Emerito di Scienza e Tecnologia dei Materiali, Università Federico II e Presidente Incubatore Materias Luigi Nicolais e il docente in strategia e sostenibilità all'UCL School of Management Paolo Taticchi.
Seguirà la tavola rotonda su "Gli strumenti di investimento a supporto della transizione sostenibile delle imprese" a cui prenderanno parte il Consigliere indipendente di Etica SGR Marco Carlizzi, il docente di Economia e Gestione delle Imprese, Università Vanvitelli e Presidente di Sviluppo Campania Mario Mustilli e il responsabile Innovation & Technology Hub di The European House Ambrosetti Corrado Panzeri.
Concluderà i lavori, che saranno moderati dal giornalista de Il Sole 24 Ore Simone Filippetti, il Segretario Generale del Forum per la Finanza Sostenibile Francesco Bicciato.

"Le motivazioni che spingono le aziende ad intraprendere un percorso sostenibile- dichiara Presidente del Gruppo Tecno Giovanni Lombardi- sono sempre più basate sul valore e l'impatto di questa scelta non solo sulla collettività ma soprattutto sul conto economico dell'azienda. Le imprese sono pronte alla valutazione del business case della sostenibilità, non più vista come scelta etica o ambientale, ma come opportunità di crescita e occasione per accedere ai mercati globali."

Il Gruppo Tecno, fondato nel 1999 da Giovanni Lombardi, conta oltre 3600 imprese clienti in tutti i settori produttivi, e ha il suo quartier generale a Napoli e ha sedi in Italia e all'estero. Dal 2005 player di riferimento per innovazione digitale e sostenibilità ambientale; negli ultimi anni ha ridefinito la propria vision, orientandosi verso investimenti responsabili e in linea con gli SDGs. Dal 2017 è in Elite, il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. Dal 2020 il gruppo Tecno fa parte del Global Compact delle Nazioni Unite, con l'impegno a rispettarne i 10 principi e a comunicare le azioni individuate per perseguirli. Ha pubblicato la prima Communication on Progress 2021 lo scorso ottobre e ha partecipato al tavolo del B20 per le task force: Finance & Infrastructure ed Energy & Resource Efficiency. Ha vinto per la quarta volta il Premio Deloitte Best Managed Companies nel 2021, rientrando così nella categoria Gold. L'azienda è inoltre promotrice di una serie di iniziative dedicate alla rivalutazione del territorio, al restauro e la restituzione alla comunità di opere d'arte.