Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

Parte con la novità di Vigneti Aperti il calendario 2021 del Movimento Turismo del Vino

  • Scritto da MG LOGOS

Vigneti-Aperti

E' un calendario fitto di appuntamenti quello messo in campo da MTV (Movimento Turismo del Vino), tra attese conferme come quelle di Cantine Aperte e Calici di Stelle, iniziative capaci di muovere milioni di winelover in tutta la penisola, e novità intriganti come Vigneti Aperti, in programma a partire dal 20 marzo durante il weekend.

"Si tratta di un format presentato con successo lo scorso anno dalle delegazioni di Lombardia e Friuli Venezia Giulia, che ha incontrato il favore di moltissimi appassionati – spiega Nicola D'Auria – e che proponiamo ora su scala nazionale. Un'esperienza di divertimento formativo all'aria aperta che mai come ora risponde alle esigenze di sicurezza che tutti noi ricerchiamo. L'iniziativa, che durerà per gran parte dell'anno, dal 20 marzo fino all'inizio mese di novembre, offre agli enoturisti l'opportunità di seguire le varie fasi che, stagionalmente, caratterizzano il lavoro prima in vigna e poi in cantina".

La speranza di tutti, ovviamente, è quella che la situazione emergenziale possa rientrare quanto più possibile e non incida, come è successo nel 2020, sui tanti aspetti legati al turismo. Ma il MTV, nello stilare il calendario di eventi, ha ovviamente tenuto conto anche delle possibili difficoltà legate alla pandemia.

"Si tratta di un programma fluido – prosegue D'Auria – studiato per adattarsi, anche con tempi di reazione brevi, alle situazioni che ci troveremo ad affrontare di volta in volta. Da questo punto di vista sappiamo di poter contare su un'ottima squadra e su un'unità di intenti che caratterizza la nostra associazione ora più che mai. Ed è evidente che la priorità resta la sicurezza degli enoturisti".

Quindi, fermo restando il desiderio da parte di tutti, appassionati e vignaioli, di vivere insieme i vari appuntamenti nelle modalità classiche, MTV già da ora sta operando per garantire che ogni situazione sia caratterizzata dal rispetto delle normative di prevenzione, ovviamente anche legate al colore delle varie Regioni. Visite su prenotazione, numeri contingentati e tutte le misure atte a garantire la sicurezza dei visitatori e del personale di vigna e cantina.

"Partiamo anche dal presupposto – conclude il Presidente D'Auria – che la nostra associazione è da molti anni leader nell'ambito del turismo del vino. Le nostre cantine sono attrezzate nel migliore dei modi e le persone che lavorano in questo contesto forniscono delle prestazioni dagli standard elevati. Tutto questo ci consente di guardare al futuro con la sicurezza di una professionalità costruita nel tempo".

CALENDARIO INIZIATIVE MTV NAZIONALE 2021

Vigneti Aperti: in tutti i weekend a partire da sabato 20 marzo fino a novembre
Cantine Aperte: sabato 29 e domenica 30 maggio
Calici di Stelle: da sabato 31 luglio a domenica 15 agosto
Cantine Aperte in Vendemmia: da sabato 28 agosto a domenica 31 ottobre
Cantine Aperte a San Martino: dal 6 al 14 novembre
Cantine Aperte a Natale: dicembre

Add a comment

Vinòforum 2021 a Roma dal 10 al 19 settembre 2021 per la sua 18esima ediziona

  • Scritto da MG LOGOS

vinoforum

La prima conferma è quella della scelta del mese di settembre: si partirà venerdì 10 settembre per un viaggio nel gusto che si concluderà domenica 19 settembre.


La seconda è quella di un di un format che funziona e che si basa su un riuscito mix tra grandi etichette e cucina d'autore, tra divulgazione del vino e business, tra iniziative rivolte agli appassionati e appuntamenti studiati per gli operatori.


La terza è quella relativa all'innovazione di contenuti, per questa edizione infatti Vinòforum apre le porte a protagonisti importanti a cui dedicherà un palcoscenico fatto di degustazioni e incontri con gli esperti.


"Siamo stati tra le poche manifestazioni importanti a non aver mancato l'appuntamento con il 2020 – spiega Emiliano De Venuti, CEO di Vinòforum – e di sicuro vogliamo garantire una edizione 2021 ancora più ricca di iniziative. Sarà la nostra diciottesima e vogliamo festeggiare il raggiungimento della maggiore età nel migliore dei modi. Per questo abbiamo in serbo sorprese e novità che certamente faranno piacere al nostro pubblico di affezionati".

Add a comment

Natale 2020: Tempo di rosso da gustare e da leggere cominciando dall’etichetta, con il Taurasi Opera Mia di Tenuta Cavalier Pepe e La Loggia del Cavaliere premiato come miglior rosso d’Italia per 5StarWine di Vinitaly

  • Scritto da Annalisa Tirrito

taurasi

In commercio per Natale 2020 il Taurasi Opera Mia 2014, vino emblema della Tenuta, riconosciuto D.O.C.G. dal 1993, Taurasi che è sicuramente il vino rosso più pregiato dell'Irpinia. L'Aglianico, vitigno di alta qualità, ha trovato nelle verdi colline irpine il miglior territorio per potersi esprimere, così "Opera Mia" è il risultato della vinificazione in purezza delle uve Aglianico provenienti dai vigneti delle migliori località della denominazione del Taurasi D.O.C.G: "Carazita" e "Pesano".

Non a caso un altro vino di Tenuta Cavalier Pepe, La Loggia del Cavaliere Taurasi Riserva Docg 2013 è stato recentemente premiato come Miglior rosso d'Italia secondo la prestigiosa guida 5StarWine di Vinitaly. Nonostante non ci sia stato il Vinitaly quest'anno, sono state comunque premiate le cantine considerate meritevoli, e tra i vincitori c'è l'Irpinia e l'imprenditrice Milena Pepe, che è riuscita a distinguersi con il Taurasi Docg Riserva la Loggia del Cavaliere, un vino di forte personalità e di complessa struttura, chiara espressione dell'Aglianico in purezza. Riconoscimenti e grande entusiasmo in azienda, se solo si pensa che il vino ha come chiave principale di lettura il terroir, un eccellente vino va giudicato infatti per le sue caratteristiche individuali, ma soprattutto nel suo complesso come rappresentazione del territorio. Il vino è come entrare in un libro e leggerne la sua storia dalle origini alle evoluzioni, al clima, agli abitanti, alle case e all'atmosfera che gli fa da cornice. Analizzarlo insomma in termini culturali e identitari, dimenticando per un attimo tutta la terminologia di degustazione, talvolta astuta ma non per tutti immediata, rispetto al senso puro del suo legame identitario. Un buon metodo è leggere il vino come un libro partire dall'etichetta, il suo enogramma, pensarlo come la copertina di un romanzo appassionante, con la certezza che condurrà dritto al cuore, raccontando di cantine come biblioteche e la sua concentrazione simbolica come portatrice di valori non solo economici, ma anche culturali e identitari.

Add a comment

Sistema Prosecco: un anno di battaglie in difesa di uno dei simboli del Made in Italy

  • Scritto da lastampadelmezzogiorno

Logo-Consorzi LOGHI SISTEMA-1320x505

Sono state oltre 135 le azioni legali portate avanti da Sistema Prosecco nell'anno che sta per chiudersi. Un numero davvero rilevante di vere e proprie battaglie condotte in decine di Paesi dei vari continenti, tutte con il comune denominatore della protezione del nome Prosecco in Italia e all'estero.
Nato nel 2014 grazie alla volontà dei tre Consorzi che rappresentano il "Mondo Prosecco" (Consorzio di Tutela della Doc Prosecco, Consorzio di Tutela della Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco e Consorzio di Tutela della Docg Asolo Prosecco), Sistema Prosecco ha implementato nel corso degli anni il numero di attività legali e le strategie volte alla difesa della notorietà del Prosecco, delle realtà che lo rappresentano e dei consumatori di tutto il mondo.
In poco più di un lustro la società è riuscita a creare una fitta rete di collaborazioni con le autorità nazionali ed estere, siglando anche importanti protocolli ad hoc, soprattutto in quei Paesi dove si è verificato il maggior numero dei problemi concernenti la protezione.
"Se è vero che il successo di un prodotto si misura anche dal numero delle imitazioni che lo riguardano – spiega Stefano Zanette, Presidente di Sistema Prosecco – non possiamo non sottolineare come il Prosecco sia una delle denominazioni più imitate al mondo. Per questo prendiamo molto sul serio la nostra mission e lavoriamo, giorno dopo giorno, per intensificare i nostri strumenti di difesa".
Ed è un vero e proprio fuoco di sbarramento quello che Sistema Prosecco utilizza per disinnescare le centinaia di frodi rilevate, grazie anche alle segnalazioni dei produttori e dei consumatori, necessario supporto a tutta una serie di capillari attività di controllo. Ogni anno, per esempio, viene delegata una società specializzata nei controlli presso punti vendita, bar e ristoranti di diversi Paesi europei ed extraeuropei. E' stato attivato un servizio di sorveglianza sui marchi che agisce a livello globale e che segnala, quasi in tempo reale, depositi di marchi che possano creare fraintendimenti con la parola "Prosecco". E, mai come in questo momento, Sistema Prosecco vigila anche su tutto quello che concerne l'e-commerce con un quotidiano controllo sulle maggiori piattaforme di vendita on line.
Ma rispetto ai primi anni di attività, Sistema Prosecco in questo 2020, anno per molti versi anomalo, ha riscontrato nuovi pericoli che si vanno ad aggiungere a quelli già esistenti. Se la contraffazione pura e semplice segna una battuta d'arresto, in buona parte dovuta anche al buon lavoro svolto, prende sempre più piede il fenomeno dell'evocazione, con dei progetti ben studiati, spesso border line con quanto le leggi concedono.
"Ma anche su questo fronte rispondiamo colpo su colpo – prosegue Zanette – e negli ultimi mesi abbiamo ottenuto degli importanti pronunciamenti legali a nostro favore che determinano fondamentali precedenti giurisprudenziali che certamente ci saranno utili nell'affrontare situazioni analoghe in futuro Questo nell'ottica di consolidare la protezione del nome Prosecco anche per contrapporre lo sfruttamento della reputazione delle nostre Denominazioni nelle etichette di svariati prodotti, dai saponi, ai cioccolatini, dai cosmetici fino addirittura a prodotti che appartengono alla sfera sessuale".
Imperativo per il 2021 è quindi quello di non abbassare la guardia per far fronte ai continui attacchi cui è sottoposto quello che ormai tutti considerano uno dei simboli del Made in Italy.
"Il nome Prosecco è ormai da tempo un patrimonio del nostro Paese – conclude il Presidente Zanette – e noi sentiamo forte la responsabilità di difenderlo e tutelarlo in tutti i modi e con tutti gli strumenti che la legge ci mette a disposizione. Quindi continueremo a batterci su tutti i fronti e approfittiamo di questo momento di consuntivo per lanciare un appello ai consumatori di tutto il mondo. Aiutateci nella nostra missione verificando che il prodotto che vi viene venduto sia autentico Prosecco e, soprattutto, segnalateci tutti i casi che possano apparire dubbi".

Add a comment

Addovà Tour: ogni sabato di novembre visita alla vigna

  • Scritto da Addovà

vignaUn tour tra cultura e natura, dove il trekking urbano viene sfruttato come momento di pausa dal caos cittadino, e dove la lentezza fa da protagonista.
Si discende lungo la collina di San Martino, dal Corso Maria Teresa (dal 1860 Corso Vittorio Emanuele) dove sarà aperto il cancello che condurrà nella dimensione straordinaria dell'antica vigna dei Certosini.

Sabato 7 novembre il primo appuntamento all'ingresso della vigna al Corso Vittorio Emanuele alle ore 10.

Alla fine dell'escursione, per tutti i partecipanti sarà servito un gustoso aperitivo e vino della casa.

Add a comment