Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

Addovà Tour: ogni sabato di novembre visita alla vigna

  • Scritto da Addovà

vignaUn tour tra cultura e natura, dove il trekking urbano viene sfruttato come momento di pausa dal caos cittadino, e dove la lentezza fa da protagonista.
Si discende lungo la collina di San Martino, dal Corso Maria Teresa (dal 1860 Corso Vittorio Emanuele) dove sarà aperto il cancello che condurrà nella dimensione straordinaria dell'antica vigna dei Certosini.

Sabato 7 novembre il primo appuntamento all'ingresso della vigna al Corso Vittorio Emanuele alle ore 10.

Alla fine dell'escursione, per tutti i partecipanti sarà servito un gustoso aperitivo e vino della casa.

Add a comment

Din Doc: il nuovo format che racconta il vino a Denominazione di Origine

  • Scritto da Mg logos

DBABBB70-D287-4FD9-859D-4482E76C7C30L'appuntamento è per oggi, giovedì 5 novembre quando, a partire dalle 11.00, i vari canali social di Federdoc ospiteranno la prima puntata di Din-Doc un format che prevede 6 puntate di circa 3 minuti ciascuna condotte da Tinto. Il quale si aggirerà, novello Roger Rabbit, tra cartoon ed effetti speciali, accompagnando lo spettatore per mano in un viaggio nell'affascinante mondo dei vini a denominazione di origine. Il tutto con uno stile semplice e divertente, in grado di coinvolgere anche i neofiti, curiosi di approfondire la propria conoscenza su argomenti che spesso risultano di difficile comprensione per i non iniziati.

"Se c'è una critica che viene di frequente mossa a chi racconta il mondo del vino è quella di usare un linguaggio per addetti ai lavori – commenta Riccardo Ricci Curbastro, Presidente Federdoc - Succede nelle degustazioni, dove alcuni termini risultano spiazzanti. Figuriamoci quando si devono affrontare temi come l'etichettatura, i disciplinari, il sistema dei controlli o la piramide qualitativa. Con Din-Doc abbiamo voluto provare a proporre un approccio più semplice e coinvolgente".

Un'iniziativa originale che desta curiosità, come testimoniano i moltissimi contatti ottenuti dai trailer di presentazione che già da diversi giorni vengono veicolati attraverso i canali social Federdoc (Facebook, Instagram, e il sito dedicato, DinDoc.it); pillole rapide e divertenti, apprezzate anche dal pubblico dei più giovani, che dimostrano come sia possibile proporre argomenti in apparenza complessi, utilizzando un linguaggio in grado di creare immediata empatia. Un mood efficace con una commistione tra persone reali e immagini da cartoon, frutto della creatività e del lavoro di Zowart, agenzia di comunicazione da anni in prima linea nella divulgazione del vino, in Italia e all'estero.

E con il fondamentale apporto di Nicola Prudente, in arte Tinto, insider del mondo del vino e che già da anni ha adottato uno stile non accademico per raccontare i territori, le etichette e le storie che caratterizzano il comparto.
"Sono convinto che la semplicità finisca per essere sempre un valore aggiunto – racconta Tinto – Ed è per questo che ho accolto con grande piacere l'invito di Federdoc a partecipare a questa avventura che ha tutte le caratteristiche per incontrare il gradimento anche di chi non ha con il vino un rapporto quotidiano ma che certamente è curioso di conoscerne le tante sfaccettature".

L'operazione, che conta anche sul contributo del Mipaaf, ha inoltre le giuste caratteristiche per poter proseguire anche in futuro con nuove puntate.

"Prendendo in prestito il linguaggio delle serie televisive diciamo che questi 6 episodi potrebbero costituire una sorta di prima stagione – conclude Ricci Curbastro – Ma i temi da esplorare sono talmente tanti che certamente potremmo decidere di mettere in cantiere nuove puntate già da ora, soprattutto considerato il gradimento che abbiamo riscontrato, soprattutto tra le fasce più giovani, nel corso di alcune "anteprime" che abbiamo utilizzato per testare il format".

Add a comment

VINÒFORUM - LO SPAZIO DEL GUSTO 2020: ULTIMO WEEK-END PER L’APPUNTAMENTO PIU AMATO DAGLI APPASSIONATI

  • Scritto da MG LOGOS SaS

0A6B7BF8-3623-46A9-B5FD-337648F25737Tutti gli appassionati di enogastronomia di qualità hanno a disposizione un ultimo week-end per veder esauditi i propri desideri. Prosegue infatti fino a domenica 20 settembre, all'interno degli oltre 12.000 mq del Parco Tor di Quinto, a Roma, la 17^ edizione di Vinòforum – Lo Spazio del Gusto.
In bella mostra oltre 600 tra le più interessanti realtà vitivinicole della Penisola (e non solo), per un totale di circa 2.500 etichette disponibili in degustazione. A completare l'opera i piatti firmati da alcuni dei migliori chef della Capitale e del Lazio e i tanti incontri tematici in calendario, su vino, olio extravergine d'oliva, caffè. Sempre massima l'attenzione per il rispetto delle normative vigenti in ambito sanitario.

Ampio e variegato dunque il menu dei temporary restaurant, dove si alternano cuochi e osti top level, proponendo al pubblico (a partire dalla democratica cifra di 6 euro a portata) tre tra le proprie creazioni più gustose.
Venerdì 18 sono presenti ai fornelli: Ciro Scamardella di Pipero (Roma), Adriano Baldassarre della Trattoria L'Avvolgibile (Roma), Giuseppe Di Iorio di Aroma (Roma), Gen Nishimura e Mario Boni di Da Francesco (Roma), Tommaso Pennestri di Trattoria Pennestri (Roma) e Mattia Filosa di Civico 57 (Formia).
Mentre le ultime due giornate di evento, sabato 19 e domenica 20, sono affidate alle mani di: Emanuele Paoloni di AquaLunae (Roma), Eleonora Marziali di Centorti (Roma) Arcangelo Dandini de L'Arcangelo (Roma), Giovanni Cappelli de Le Tamerici (Roma,) Davide del Duca di Osteria Fernanda (Roma) e Paolo Trippini del Ristorante Trippini (Civitella del Lago, TR), unica presenza "extra-laziale".
Davvero infinite le possibilità di abbinamenti, con i vini reperibili presso i banchi d'assaggio e con le etichette di Krug, Dom Perignon, Veuve Cliquot, Moët & Chandon e Ruinart, presenti nel Bar à Champagne di Vinòforum.

Imperdibili, per tutti coloro che vogliono approfondire la propria conoscenza del mondo enologico, gli ultimi incontri delle Top Tasting, degustazioni guidate da personaggi di spicco del settore. Venerdì 18 focus su "Il potenziale evolutivo dei grandi vitigni autoctoni del Lazio firmati Casale del Giglio"; sabato 19 duplice appuntamento, alle 19.45 con "Brunello di Montalcino Poggio alle Mura Banfi: un viaggio tra ricerca, innovazione e tradizione" e, alle 21.30, con "La magia della Borgogna narrata da Giancarlo Marino"; domenica 20 chiusura in bellezza con "La macerazione nei vini bianchi naturali raccontata da Vinàmica".

Con l'obiettivo di dare sempre più spazi di visibilità ai Consorzi, Enti e Istituti che promuovono la produzione vitivinicola italiana, Vinòforum, dopo aver accolto il Movimento Turismo del Vino Toscana, Le Donne del Vino Lazio e la Doc Friuli Venezia Giulia, dà il benvenuto al Consorzio del Prosecco DOC, in questo momento probabilmente il vino con maggior appeal al mondo, come testimoniato dai numeri. Il Consorzio sbarca a Vinòforum con una proposta basata sul gusto e la versatilità del prodotto.

Ma il vino come detto non è l'unico prodotto sotto le lenti dei riflettori di Vinòforum. Ogni sera vanno in scena infatti i laboratori (gratuiti e con prenotazione in loco) su un'eccellenza italiana come l'olio extravergine d'oliva, con la conduzione di Unaprol ed Evoo School Italia, e sul caffè, grazie alla guida di Caffè Hausbrandt. Senza dimenticare infine gli incontri firmati dal Club Amici del Toscano in cui l'arte della degustazione del sigaro si abbina a grandi etichette.

Continua il successo della Business Lounge, un vero e proprio salotto del vino messo a disposizione di tutti gli attori del comparto e atto a favorire le pubbliche relazioni e gli scambi commerciali. Venerdì 18 l'azienda Marchesi Frescobaldi, icona della Toscana, presenta il progetto Oculus, realtà virtuale che permetterà agli ospiti di immergersi a 360 gradi nelle tenute di Castel Giocondo, Perano e Castello Nipozzano. Sabato 19 è il turno dei produttori facenti parte del Consorzio Friuli DOC, denominazione tra le più importanti del panorama nazionale. Domenica 20 si chiude con deGustate, che da anni si occupa di selezionare label italiane e francesi, con un occhio di riguardo alla mitica Borgogna.

Add a comment

VINÒFORUM - LO SPAZIO DEL GUSTO 2020: OLTRE 37.000 GLI INGRESSI TRA APPASSIONATI E ADDETTI AI LAVORI

  • Scritto da MG LOGOS

buyerSono stati oltre 37.000 gli ingressi registrati dalla 17^ edizione di Vinòforum – Lo Spazio del Gusto, andata in scena a Roma, dall'11 al 20 settembre, all'interno dei 13.000 mq del Parco Tor di Quinto.
Un successo importante, soprattutto in virtù del fatto che Vinòforum 2020 è stata a tutti gli effetti la prima grande manifestazione a tema enogastronomico ad aprire i battenti dopo gli annullamenti, della scorsa primavera/estate, causati dall'emergenza sanitaria.

"Dato il momento storico – commenta Emiliano De Venuti, CEO di Vinòforum – si tratta senza dubbio di un risultato andato oltre le nostre aspettative, per il quale non possiamo che essere enormemente soddisfatti. La città ha risposto bene, appassionati e addetti ai lavori hanno dimostrato di essere un pubblico maturo, accorrendo in maniera numerosa ma composta. Tutto si è svolto nel pieno rispetto delle normative vigenti. Ringraziamo per questo le realtà partecipanti e i nostri partner, che insieme a noi hanno creduto fin da subito nella possibilità di dar vita all'evento".

Tra le carte vincenti di Vinòforum 2020, le oltre 600 cantine presenti, con circa 2.500 etichette disponibili in degustazione. Enorme è stato poi il successo dei temporary restaurant, dove si sono alternati più di 30 tra i migliori chef della Capitale e del Lazio. Sold out per tutti gli incontri tematici andati in scena: dalle Top Tasting sul vino ai laboratori sull'olio extravergine d'oliva (con la conduzione di Unaprol ed Evoo School Italia), passando per i mini corsi sul caffè (grazie alla guida di Caffè Hausbrandt); senza dimenticare gli appuntamenti organizzati dal Club Amici del Toscano. Di grande importanza strategica infine la Business Lounge, punto d'incontro fondamentale tra aziende e operatori del settore. Riguardo quest'ultimi, in particolare, si è registrato un aumento esponenziale delle presenze, con un incremento del 15% rispetto alla precedente edizione. Dato che sottolinea la crescita dell'evento sul fronte business, senza nulla togliere alla sua naturale vocazione di entertainment.

"Siamo felici – conclude De Venuti - di aver dato nuova linfa a un comparto che ne aveva e ne ha grande bisogno, messo in ginocchio dalle vicende degli ultimi mesi e per il quale manifestazioni come Vinòforum sono di importanza vitale. Abbiamo dimostrato che organizzare eventi del genere, nonostante le giuste restrizioni in essere, è possibile e ci auguriamo di aver stimolato e spronato molti dei nostri colleghi".

E, proprio per dare il buon esempio, l'organizzazione di Vinòforum è già al lavoro per l'edizione 2021 che tornerà a svolgersi, come di consueto, nel mese di giugno.

Add a comment

La festa del vino a Taurasi

  • Scritto da Redazione

Calice-di-vino-rosso-960x450Il festival.
Tutti i weekend dal 6 al 22 dicembre si svolgerà a Taurasi il evento natalizio dedicato al mondo del vino: il "Christmas Wine Fest". Non a caso nel borgo cinquecentesco di Taurasi dal quale prende il nome uno dei vini italiani più celebri, riconosciuto a livello mondiale.

Add a comment Leggi tutto: La festa del vino a Taurasi