Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

E' smartwatch mania: boom di acquisti

  • Scritto da Redazione

smartwatchLo smartwatch batte tutti.
Orologi intelligenti che hanno mille app e possono anche telefonare, braccialetti che monitorano la salute e l'attività fisica, visori per la realtà aumentata che ci trasportano in un videogioco.

Ma anche i cari e vecchi auricolari senza fili. Sono i dispositivi indossabili, un settore che annovera sempre più gadget e che, partito in sordina, nel 2016 vedrà una crescita a due cifre. Secondo la società di ricerca Gartner, infatti, nei prossimi mesi si prevede una crescita del 18% del settore. Dei quasi 29 miliardi di dollari di ricavi che saranno generati, 11 miliardi e mezzo arriveranno proprio dagli smartwatch come gli Apple Watch.

«Saranno i dispositivi indossabili col maggiore potenziale fino a tutto il 2019, quando raggiungeranno 17 miliardi e mezzo di dollari di ricavi», spiega Angela McIntyre di Gartner che però avverte: «Nonostante le vendite di smartwatch siano quelle più forti tra tutti gli indossabili la loro adozione comunque rimane molto al di sotto le vendite di smartphone». A dare un impulso alla diffusione degli orologi intelligenti, potrebbe essere proprio la maggiore autonomia dai cellulari. Ad esempio i dispositivi che hanno a bordo Android Wear, il sistema operativo di Google, grazie a un recente aggiornamento riescono a fare chiamate vocali ma anche ad attivare funzioni senza toccare lo schermo. Secondo Gartner, al di là degli smartwatch, in termini di unità vendute la categoria degli indossabili che vince su tutte al momento è ancora quella degli inossidabili auricolari senza fili (quest'anno ne saranno venduti oltre 128 milioni).

Mentre un mercato emergente è quello dei visori per la realtà aumentata e virtuale, dispositivi nati nell'ambito di costosi programmi militari che stanno diventando familiari a consumatori e imprese. Non a caso i big della tecnologia sono tutti scesi in campo, da Facebook con i suoi Oculus VR, ai Gear VR di Samsung fino agli Hololens di Microsoft che però non sono ancora sul mercato. Nel 2016 saranno venduti 1,4 milioni di questi dispositivi, nel 2017 la cifra supererà i sei milioni. «Miglioreranno l'esperienza degli utenti, creando attrazioni interattive, film, eventi sportivi e i contenuti ancora più personali. E dovrebbero avere anche applicazioni nel settore del lavoro», sottolinea Brian Blau di Gartner. Non è un caso che il vecchio progetto dei Google Glass sia morto, in favore di un altro tutto proiettato al mondo delle imprese. A conferma della crescita del settore dei dispositivi indossabili, qualche giorno fa è anche arrivato il rapporto Cisco sulle connessioni «mobili» globali: secondo la società il mercato degli indossabili in cinque anni crescerà di sei volte. Nel 2020 ci saranno 600 milioni di dispositivi indossabili in uso, in netto aumento dai 97 milioni rispetto al 2015.