Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

La Polizia Postale lancia l’allarme: “Attenzione alla nuova moda sul web SFIDA DELLE MAMME”

  • Scritto da Rosalia Gigliano

download copy copyNuova catena di Sant'Antonio o pericolo sul web? E' la domanda alla quale la Polizia Postale sta cercando di rispondere al nuovo fenomeno che sta dilagando su Facebook, dal titolo "Sfida delle mamme".

Uno strano gioco che induce le mamme di tutto il mondo, dopo un invito ricevuto sul social da un amico o un'amica, a condividere foto che ritraggono lei e il proprio bambino o bambina, per far vedere come è bella la sua vita da mamma: "Sono stata nominata da XXX per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri" – è questo l'invito arrivato in queste ultime ore a numerose donne sul web.
Nuova catena di Sant'Antonio?? Lasciando perdere un attimo il santo da Padova (che, poverino, in questo caso non c'entra per nulla), guardiamo invece, ed attentamente, come ha deciso di intervenire prontamente la Polizia Postale.
"Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere" – hanno scritto gli agenti della Polizia tramite le loro pagine social ufficiali e sul sito della Polizia. Se da un lato si può trattare di foto che ritraggono la felicità di mamme e figli, dall'altro può essere un pericolo perché tali foto (specie dei piccoli) potrebbero essere usate da malintenzionati e finire su siti pedopornografici, tramite furto della foto stessa. "Noi ci limitiamo a darvi consigli, poi ognuno è libero di fare come vuole. La nostra casella messaggi è piena di richieste d'aiuto riguardo al furto di foto. Quello che a volte può sembrare un gioco ingenuo per alcuni si è trasformato in un vero e proprio incubo" – ha in ultimo avvertito la Polizia Postale.
Salvaguardare i bambini è una missione che parte anche dal web.