Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

"Facebook connetterà il mondo intero" - parola di Zuckerberg

  • Scritto da Redazione

facebookQuanti siamo su Facebook?
Archiviata la delusione India, paese in cui un suo progetto è stato stoppato, Mark Zuckerberg procede a grandi passi nella missione di voler connettere a Internet tutto il mondo.

E si allea con altri big della tecnologia e con le società tlc di diversi paesi non per «far soldi ma per aiutare le persone ad accedere al web» considerato che verranno consumati sempre più video, streaming e saranno necessarie connessioni 5G, super-veloci. Per spiegare il suo nuovo progetto il fondatore di Facebook sceglie il palco del Mobile World Congress di Barcellona dove orami è un habituè e ne approfitta per difendere Apple nel braccio di ferro con l'Fbi: «Siamo con loro», spiega.

«Siamo davvero focalizzati ad estendere l'uso di Internet a tutti, piuttosto che facilitare le connessioni veloci per pochi. E per far questo vogliamo rafforzare gli imprenditori e le infrastrutture locali», dice Zuckerberg nel presentare Telecom Infra Project, iniziativa che mira ad unire operatori e compagnie per lo sviluppo 'apertò di nuove tecnologie per le infrastrutture di rete per le telecomunicazioni. Tra i partner ci sono anche Intel, Nokia e Deutsche Telekom. L'iniziativa parte da questi numeri: a fine 2015 nel mondo erano online 3,2 miliardi di persone, il 43% della popolazione mondiale, in aumento dai 3 miliardi dell'anno prima e Facebook si impegna così a connettere i restanti 4,1 miliardi di persone nel globo.

Questo progetto la società vuole realizzarlo con tutti i mezzi, anche droni e aerei che vanno a energia solare, e fa parte di Internet.org di cui la costola Free Basics - che dà accesso gratuito ma parziale a servizi web - è stato bloccato in India perchè viola il principio di neutralità della rete. «Da questa vicenda abbiamo imparato che ogni paese è diverso, siamo delusi ma ci concentreremo su altri progetti», spiega Zuckerberg visibilmente accaldato. Per il fondatore della società di Menlo Park i video, lo streaming e la realtà virtuale saranno sempre più i trend del futuro e traineranno la crescita di reti veloci, 5G. «Ogni giorno su Facebook gli utenti guardano 100 milioni di ore di video.

E più di 1 milione di utenti guarda video a 360 gradi», osserva Zuckerberg che aggiunge: «I video hanno cambiato il modo in cui gli utenti fruiscono i contenuti, mentre il live streaming ha dato un potere alle persone che prima non avevano». Dopo aver parlato del sogno di un mondo connesso, nel suo keynote a Barcellona Mark Zuckerberg interviene anche nel braccio di ferro tra Apple e l'Fbi riguardo lo sblocco dell'iPhone del killer della strage di San Bernardino. «Siamo dalla parte di Apple, crediamo nella crittografia e non crediamo che inserire una backdoor sia sinonimo di sicurezza», spiega alla sua intervistatrice Jessie Hempel di Wired. «Allo stesso tempo - conclude - sentiamo di avere una grande responsabilità nel prevenire il terrorismo, infatti abbiamo delle policy rigide in materia. I terroristi vengono tagliati fuori dalla piattaforma e se abbiamo la possibilità di lavorare col governo è una ipotesi che prendiamo sul serio».