Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

La Polizia Postale avverte: "La bufala dello spiare un profilo Facebook"

  • Scritto da Redazione

facebookLa bufala di Facebook.
Scoprire chi visita il tuo profilo su Facebook? Una bufala pericolosissima. "Da qualche tempo – spiega la polizia postale sul profilo Una vita da social - su Facebook è arrivata la mania della condivisione di bufale: tra queste vi è Scopri chi ha visualizzato il tuo profilo".

Non ci vuole poi molto a capire che si tratta di un Fake, in quanto il social network non ha mai concesso questa possibilità, eppure vi è chi è caduto nella trappola.

Negli ultimi giorni, sono iniziate a circolare sulla rete immagini che sottolineano l'arrivo di questa nuova feature entro il 12 aprile. "Tutti gli utenti in possesso di un blog o sito web, potranno sfruttare questa "Fake feature" attraverso l'uso di un apposito tool pensato per monitorare il traffico proveniente da Facebook e quindi verificare quali utenti e per quante volte effettuano l'accesso al profilo".

"Oltre ad essere una bufala e quindi totalmente falsa, la funzionalità altro non è che un link malevolo, cliccando su di esso viene richiesto l'accesso con i dati Facebook, inutile dire che al suo interno si cela un phishing in grado di memorizzare i dati di accesso per inviarli al lestofante di turno, il quale sarà libero di modificare o cancellare il vostro account".

Il consiglio è di non cliccare per nessuna ragione al mondo su link di questo tipo: "Non esiste e probabilmente per rispetto della privacy non esisterà mai un tool (almeno ufficiale) che consentirà di scoprire chi visualizza il profilo e per quante volte". Se Facebook non annuncia ufficialmente una funzione simile, diffidate dalle imitazioni come si suol dire. "Nel caso ve lo state chiedendo, il Phishing è una minaccia che è in grado di catturare e quindi registrare le informazioni di accesso dell'utente, per inviarle ad un server, permettendo al suo creatore di accedere agli account altrui, questa tecnica viene utilizzata spesso con funzioni di questo tipo, attirando il maggior numero di curiosi."