Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Un corso di scrittura creativa tenuto dal giovane scrittore napoletano Giancarlo Piccolo

  • Scritto da Redazione

locandina cscGiancarlo Piccolo, autore del volume "Il mio incontro col male" e del best-seller Amazon "Il messaggio segreto di Maria Maddalena", da settembre si dedicherà ad un corso di scrittura creativa interamente online. Il corso è stato bandito dal Centro per gli studi Criminologici, Giuridici e Sociologici di Viterbo ed è aperto ad un numero limitato di partecipanti ( 5 ).

Add a comment Leggi tutto: Un corso di scrittura creativa tenuto dal giovane scrittore napoletano Giancarlo Piccolo

Quarto: Al via la rassegna letteraria nel bene confiscato alla camorra

  • Scritto da Ciro Biondi

quarto - città dei libri - locandina 1

Prende il via la Rassegna letteraria "Quarto città dei libri" - Estate 2022 organizzata a Casa Mehari, bene proprietà del comune di Quarto confiscato alla criminalità organizzata. La struttura è in via Nicotera n°8 a Quarto, Napoli. La struttura, inaugurata lo scorso 20 maggio, è dedicata a Giancarlo Siani, giornalista del quotidiano "Il Mattino"; Mehari è il nome del modello dell'auto Citroën su cui il giovane venne ucciso dalla camorra il 23 settembre del 1985.

Si comincia venerdì 8 luglio, alle ore 19, in compagnia di Pino Imperatore, scrittore, giornalista e umorista, insieme ai sui romanzi concentrati tra realismo, comicità e malavita tutta da ridere. Sarà un'occasione per trascorrere del tempo con l'autore di "Benvenuti in Casa Esposito" e di tanti libri di successo.

Secondo appuntamento venerdì 15 luglio, sempre alle 19, con una "rosa" di autori che con i loro scritti hanno contribuito alla diffusione della cultura, la storia e la valorizzazione dell'archeologia locale, ovvero: Marco Molino con "Neapolis - Puteolim. A spasso sui tornanti della memoria", che conduce il lettore in un percorso romanzato fatto di nostalgie e flashback, ma anche ironia e spregiudicate incursioni nell'attualità dell'antica via Neapolis-Puteolim per Colles, edito da New Media Press; Fulvia Giacco e Franco Taglialatela con "Literna l'ultima Sirena", libro con illustrazioni di Simone Prisco che narra le vicende di Publio Cornelio Scipione l'Africano che disgustato dal clima politico dell'Urbe, decide di allontanarsi da Roma e si dirige verso Puteoli per rifugiarsi a Liternum; i due autori saranno accompagnati da Camilla Tirelli, docente Liceo Classico Carlo Levi di Marano, e da Francesco Piciocchi, attore, che leggerà alcuni passi del libro; Fabio Cutolo con "Il Tesoro di Federico" (prefazione del magistrato Raffaele Cantone), nel quale tre ragazzi vivono rocambolesche avventure che li portano ad interagire con personaggi storici che hanno avuto un reale legame con i luoghi flegrei, tra cui Quarto: entrambe le opere sono state pubblicate dalla Pro Loco Marano Flegrea. Infine Anna Russolillo, Gea Palumbo, Rosario Mattera e Leonardo Costagliola presenteranno odori e sapori della cultura di Procida, Capitale della Cultura 2022, grazie al libro: "Procida - Gente, culture e cucina", dato alle stampe dall'Associazione Culturale Villaggio Letterario.

L'ingresso alla rassegna letteraria "Quarto Città dei libri" è gratuito. I libri presentati saranno donati alla Biblioteca di Casa Mehari, uno dei progetti dell'associazione temporanea di scopo a cui è affidato per la durata di dieci anni "Casa Mehari". L'a.t.s. è composta dall'associazione di volontariato "La Bottega dei Semplici Pensieri" (capofila dell'ats), la cooperativa "La Quercia Rossa", l'associazione culturale "Artemide" e l'associazione di promozione sociale "Dialogos".

Add a comment

Aiòn: in arrivo la rivista aperiodica di filosofia ermetica edita da Stamperia del Valentino sull’esoterismo occidentale e sulla millenaria tradizione partenopea

  • Scritto da Anita Curci

Aiòn 01 copertina

Con "Aiòn" la Stamperia del Valentino inaugura, sotto la direzione di Luca Valentini, una nuova formula editoriale, la rivista aperiodica di filosofia ermetica che mira alla pubblicazione di monografie specialistiche su temi selezionati della cultura classica e dell'esoterismo occidentale, con un occhio di riguardo al bacino del Mediterraneo e alla millenaria tradizione partenopea.

Il solco d'ispirazione è e sarà sempre la cultura esoterica napoletana e la grande spiritualità europea. Dopo il successo del numero 0, ancora acquistabile in libreria e su tutti i canali online di settore, la casa editrice lancia il numero 1 di "Aiòn" (242 pagg, 24 euro) in occasione della Giornata di Studi su Giordano Bruno che si terrà sabato 25 giugno 2022 (dalle 9,30 alle 16,15) alla Sala Consiliare Sanseverino presso la Certosa di San Lorenzo a PadulaSalerno, a cura della Società Operaia Torquato Tasso.

Tra gli argomenti approfonditi in questo numero di "Aiòn", "Tέλος: il compimento iniziatico ed ermetico-teurgico" di Luca Valentini; "Tradizione e Iniziazione: la via del cuore" di Daniele Laganà; "La Tradizione Solare nel pensiero di Massimo Scaligero" di Stefano Arcella"Echi di esoterismo nella poetica di Giovanni Pascoli" di Mauro Ruggiero"L'insegnamento straordinario di un uomo sconosciuto: Georges Ivanovič Gurdjieff" di Vittorio Varano"Pensiero magico e palingenesi alchimica" di Ivan Dalla Rosa; "Tradizione Primordiale e Ordini Iniziatici" di Sigfrido E. F. Höbel"La luce di Venere - Afrodite e quella di Psiche (prima parte)" di Alessandro Orlandi"Cristina Campo e la scrittura magica: verità e simbolo in Parco dei cervi" di Luca Maccaferri. Con pagine di chiusura dedicate a segnalazioni e recensioni librarie a cura dell'editore Paolo Izzo.

"Aiòn era nel mondo misterico primitivo l'antico nume dell'Eternità, il Dio che rappresentava la forza vitale interiore che sublimava sia il tempo sia le forme transitorie di credenza religiosa", spiega Valentini. "Abbiamo deciso di riferisci a tale espressione sacrale perché il senso stesso dell'ermetismo è quello di trascendere l'aspetto formale della spiritualità per cercare di assurgere all'essenza incondizionata che alberga solo nella caverna interiore di ogni uomo".

In base a quali criteri vengono scelti gli argomenti da approfondire?

"Di solito" continua il direttore, "vi è già un'idea di massima sulle linee generali con cui caratterizzare la singola pubblicazione, un argomento comune che possa legare tutti i contributi: per tale motivo abbiamo scelto la forma della monografia. Poi, vi è la fortuna di avere un gruppo di collaboratori e di amici tramite la cui identità di vedute nel merito favorisce la stesura di saggi come un comune indirizzo ermeneutico".

Ogni numero si basa su precisi filoni oppure i capitoli vengono organizzati secondo i temi che le vengono proposti?

"Si decide a priori il tema di fondamento che debba caratterizzare ogni pubblicazione: il n.1 è dedicato al tema dell'Iniziazione, il n. 2 al tema della Magia nel mondo antico; probabilmente, il n. 3, alla straordinaria personalità di Giordano Bruno. Non vi è nulla di casuale".

Sarà sempre presente il capitolo dedicato alle segnalazioni e recensioni?

"Sì, è un capitolo che con l'Editore abbiamo deciso debba essere fondamentale, sia per segnalare le tante pubblicazioni della Stamperia, sia perché riteniamo doveroso informare i nostri lettori sulle più recenti iniziative di stampa nel mondo della tradizione classica ed esoterica".

Quanti numeri prevede e con quale "aperiodica" e orientativa cadenza?

"Questo possono saperlo solo i Numi: ogni numero nasce, si sviluppa e prende corpo quando vi è un'idea di studio che si palesa. Potremmo pubblicare 3 numeri in un anno e 0 in cinque: lo spirito è quello della libera ricerca, senza vincoli, senza doveri, un po' come la Sirena Partenope e la Sapienza a Napoli. Quando "ci va", come ripeto spesso ironicamente a Paolo Izzo, l'Editore".

La casa editrice

Editore dal 2002, Paolo Izzo, alter-ego della Stamperia del Valentino, gestisce con estremo rigore le scelte editoriali della sua "creatura". Il risultato è un catalogo di alto profilo sia nell'ambito della cultura napoletana, che in quello della produzione di stampo umanistico, esoterico e storico.

La Stamperia del Valentino vuole riportare all'attenzione del pubblico la Napoli colta, folkloristica e letteraria. A tal proposito seleziona opere rivolte al curioso colto come allo studioso, con un occhio all'originalità e completezza dei temi proposti.

Add a comment

Premio Strega: la volata del finalisti condotta da Roberto Ippolito a San Benedetto del Tronto

  • Scritto da Roberto Ippolito

Roberto Ippolito con il manifesto del Premio Strega edizione 2022 realizzato da Olimpia ZagnoliIl traguardo della 76ma edizione del Premio Strega si avvicina. Gli autori in lizza incontrano i lettori sabato 25 giugno 2022 alle 21.30 a San Benedetto del Tronto. È la volata finale condotta dallo scrittore Roberto Ippolito nel giardino della storica Palazzina Azzurra, simbolo cittadino liberty: Marco Amerighi, Fabio Bacà, Alessandra Carati, Mario Desiati, Veronica Galletta, Claudio Piersanti e Veronica Raimo dialogano descrivendo il contenuto dei loro libri, con alle spalle una grande conchiglia bianca illuminata con colori alternati.

Alla serata dello #StregaTour (ingresso libero, in Viale Bruno Bozzi 14) interviene Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci promotrice del Premio Strega. L'evento è organizzato dall'associazione culturale I Luoghi della Scrittura e dalla libreria Libri ed Eventi a cura di Mimmo Minuto nell'ambito della 41ma edizione degli Incontri con L'Autore. Ha il patrocinio e il sostegno dell'Amministrazione Comunale Città di San Benedetto del Tronto e della Regione Marche.

Guidati dalla professoressa Adelia Micozzi, partecipano anche i ragazzi del liceo scientifico Rosetti di San Benedetto del Tronto, giurati del Premio Strega Giovani che rivolgono alcune domande ai finalisti. E uno spazio è riservato a Roberta Novelli, studentessa della stessa scuola che ha conquistato un premio speciale. Con "La solida fragilità delle onde", è la terza classificata della prima edizione del Premio Leggiamoci per il migliore racconto inedito, aperto alla fascia di età 13-19 anni.

Con la conversazione guidata da Roberto Ippolito, Amico della domenica, il nucleo storico di giurati del Premio Strega, si entra nelle storie dei libri in gara che propongono uno spaccato dei nostri tempi, tra ricerca della propria identità, legami con i luoghi, relazioni sentimentali o amichevoli. La gara per l'assegnazione, giovedì 7 luglio nel Ninfeo di Villa Giulia a Roma, del più importante riconoscimento letterario è ripartita da zero dopo la proclamazione dei finalisti. Nella prima fase è risultato in testa Mario Desiati autore di "Spatriati" (Einaudi) con 244 voti.

Dietro lui, staccati e con poche differenze fra loro, ci sono Claudio Piersanti con "Quel maledetto Vronskij" (Rizzoli) 178 voti, Marco Amerighi con "Randagi" (Bollati Boringhieri) 175 voti e Veronica Raimo "Niente di vero" (Einaudi) 169. Un punto in meno per Fabio Bacà "Nova" (Adelphi) e Alessandra Carati "E poi saremo salvi" (Mondadori). Il loro ex aequo ha determinato l'allargamento della tradizionale cinquina a sei finalisti. Che per la prima volta sono diventati sette con il ripescaggio di Veronica Galletta, autrice di "Nina sull'argine" (minimum fax), che ha ottenuto 103 voti, per assicurare la partecipazione di un piccolo editore.

Roberto Ippolito è scrittore, giornalista e organizzatore culturale. Autore di libri d'inchiesta best seller sulla legalità e sulla cultura. L'ultimo è "Delitto Neruda" (Chiarelettere) con le rivelazioni sulla morte del poeta. Fra i precedenti "Ignoranti" e "Abusivi" (Chiarelettere), "Evasori" e "Il Bel Paese maltrattato" (Bompiani). Conoscitore del mondo letterario, dà vita a eventi che portano la cultura fra la gente nei luoghi più vari: centri commerciali, mondiali di nuoto, navi, aeroporti, pullman, scuole, musei, siti Unesco, parchi. Ha curato a lungo l'economia per "La Stampa", è stato direttore comunicazione Confindustria e relazioni Luiss di Roma dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.

Add a comment

Il 22 giugno la presentazione di “Vlad - Una leggenda napoletana”, Phoenix Publishing

  • Scritto da Anita Curci

Cover Defcol2 1

Si presenta mercoledì 22 giugno 2022 alle ore 18, alla Libreria Raffaello di via Kerbaker 35 Napoli"Vlad - Una leggenda napoletana", un'altra strepitosa e avvincente opera editoriale della ormai nota casa editrice partenopea Phoenix Publishing che negli ultimi anni si è distinta nel campo del graphic novel. A parlarne con gli autori Emanuele Pellecchia e Francesco Saverio Tisi, lo storico Raffaello Glinni e il direttore del Complesso Monumentale di Santa Maria La NovaGiuseppe Reale. Modera il giornalista del MattinoMarco Perillo.

Inserito come numero speciale all'interno della collana "Leggende napoletane", filone in costante sold out assieme ai primi due numeri, alla Tombola e al Gioco da tavola, il fumetto si basa sulla leggendaria figura del Principe Vlad III di Valacchia, detto "Țepeș", l'impalatore, dai più conosciuto come "Dracula" grazie a Bram Stoker che per elaborare il suo celebre romanzo si ispirò proprio a questo personaggio sanguinario ed enigmatico.

Gli autori della sceneggiatura del suggestivo fumetto sono Emanuele Pellecchia, direttore editoriale della casa editrice, e lo scrittore Francesco Saverio Tisi, che lo hanno ideato assieme alla art director Luna Cecilia Kwok. Le tavole sono opera di Alessio Monaco.

"Vlad" della Phoenix Publishing è qualcosa che va oltre la leggenda per concentrarsi sulle indagini svolte nel 2014 dallo studioso Raffaello Glinni, il cui contributo scritto, assieme a quello di Paolo Barbuto giornalista del quotidiano Il Mattino, ha impreziosito l'opera. Queste testimonianze, che il lettore troverà al termine delle tavole, teorizzano la presenza di Vlad a Napoli, e il ritrovamento di alcuni indizi rinvenuti su un monumento funebre presente nel chiostro del Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova, dove le ricerche di Glinni hanno trovato qualche riscontro, potrebbero confermarlo.

"Si presume che Dracula, ucciso e decapitato dai Turchi nel 1477, sia sepolto in un monastero in Romania" spiega il giornalista del Mattino e scrittore Marco Perillo nell'introduzione. "Eppure, nel 1933 fu dimostrato che quella tomba è vuota. Ecco che si è fatta avanti l'ipotesi napoletana. Come? Grazie a una figlia segreta di Vlad, tale Maria Balsa, portata nella città partenopea e affidata alle cure della corte aragonese".

Di grande suggestione l'intervento di Raffello Glinni di cui vi propongo un breve estratto: "Molto spesso mi viene chiesto come sono arrivato ad individuare la possibile presenza di Vlad III di Valacchia nel Sud Italia. Tutto è partito dal mio luogo natale, Acerenza in Lucania. Il primo a indagare sulla misteriosa principessa Maria Balsa, probabile figlia segreta del voivoda di Valacchia, fu un mio antenato, Giuseppe Glinni, docente all'Università Orientale di Napoli che visse nel 1700. Fu lui, che si occupava di genealogia, ad acquistare un libro stampato del 1666, che ho ritrovato alcuni anni fa". Glinni, Barbuto e Perillo si sono incontrati a Santa Maria La Nova con uno staff tecnico col compito di esplorare, mediante una sonda, gli interni del presunto sepolcro di Dracula. Il resoconto di tali operazioni è stato regolarmente pubblicato in esclusiva sul Mattino da Paolo Barbuto, che si è rivelato di importanza fondamentale nello svolgimento e nella diffusione delle suddette indagini nel Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova. Vi metto a conoscenza di un passo tratto dal suo contributo presente nella pubblicazione della Phoenix Publishing: "In una fredda mattina di fine inverno, davanti alla tomba viene piazzato lo strumento, un apparecchio che riesce a misurare la temperatura di ogni oggetto. Consentirà di scoprire se, e dove, sono i "vuoti" dietro al marmo: l'area vuota risulterà più fredda. Quell'esame servirà per capire in quale posizione dell'ampia area sepolcrale potrebbe essere stato sepolto un corpo. La termocamera s'accende, scopre subito un dettaglio che tuttora mi mette i brividi: c'è un punto del marmo tombale, preciso e ben squadrato, che emette un calore inspiegabile. Non c'è possibilità d'errore". Nonostante la segnalazione del calore, la microcamera non darà soddisfazioni sull'esistenza di un corpo all'interno del sepolcro, poiché non ne inquadra alcuna presenza. Tuttavia, il lavoro mette in luce dei particolari che al momento sono oggetto di studio.

Nell'ambito dei lavori attorno alle suddette operazioni tecniche, fondamentale è stato il ruolo di Giuseppe Reale, direttore del Complesso Monumentale di Santa Maria la Nova, che negli ultimi anni ha fatto restaurare un'iscrizione misteriosa all'interno della chiesa che, secondo le ricerche, potrebbe essere legata alla leggenda di Vlad. Il Complesso ha altresì approfondito le indagini sulla tomba nel chiostro e ne ha favorite ulteriori.

Ma veniamo agli autori. Emanuele Pellecchia e Francesco Saverio Tisi, perché "Vlad"?

"Perché avevamo desiderio di divulgare una leggenda di recente scoperta, basata su una ricerca tuttora in corso, che offre moltissimi interrogativi sulla storia di un personaggio tenuto sempre "in vita" dalla letteratura, che si fonde all'immaginario collettivo e che per un tiro della sorte, si è trovato legato alla città Partenopea".

In che modo lo avete approfondito e qual è la storia che leggeremo?

"Abbiamo fatto domande, ci siamo documentati e abbiamo voluto approfondire il personaggio storico che è alla base dell'ispirazione letteraria di Stoker. Considerato eroe nazionale in madre patria ma che termina, o "inizia", il suo cammino nella nostra amata città. Per quanto riguarda ciò che leggerete, non vogliamo anticipare null'altro per non privarvi del gusto della scoperta".

Dove è ambientata?

"Effettueremo, attraverso le pagine dell'albo, un percorso che parte dai Carpazi fino a giungere alle pendici del Vesuvio. Come era arrivato fino a qui il temuto principe di Valacchia? Il nostro viaggio parte dalla fortezza di Poienari, della quale non è sopravvissuta che qualche rovina e quindi illustrata seguendo la tradizione letteraria. Transita ad Acerenza e Costantinopoli, passando per i monasteri di Snagov e Comana fino a giungere nella città di Napoli".

Che tipologia di struttura avete voluto?

"Il libro è stato concepito in una forma editoriale assolutamente innovativa. Abbiamo voluto, in un volume speciale della saga di "Leggende Napoletane", fondere la struttura narrativa tipica del graphic novel con quella del romanzo didascalico, aggiungendo un tocco cinematografico per rendere l'esperienza quanto più suggestiva ed immersiva possibile".

Nel fumetto, attraverso le tavole spiazzanti per il loro realismo, si compie un viaggio tra le terre della Romania fino a giungere misteriosamente sul suolo napoletano. Il volume è corredato di un codice QR collegato a un breve video che introduce alla storia narrata.

SINOSSI

Un misterioso personaggio, che afferma di aver vissuto attraverso i secoli fino ai giorni nostri, ritiene di essere arrivato ad una svolta importante nella sua ricerca. Approdato a Napoli, scopre, all'interno del chiostro di un edificio monumentale, un sepolcro che custodisce le spoglie del principe Vlad "Țepeș" III di Valacchia, passato alla storia con il nome di "Dracula". Ai più arditi lettori, questo volume consentirà di immergersi in un racconto unico nel suo genere, che fonde graphic novel, romanzo storico e suggestioni cinematografiche, rendendo l'esperienza narrativa inedita e coinvolgente.

Emanuele Pellecchia – Regista, scrittore. Autore della serie a fumetti Leggende Napoletane vol. I e II. Nel 2019 pubblica il romanzo breve Ritorno al 221B di Baker Street e, nel 2020, dirige L'amore oltre il tempo, una vivace commedia che vince il prestigioso Globo d'Oro 2020 come miglior cortometraggio.

Francesco Saverio Tisi – Attore, scrittore. Autore della serie a fumetti Leggende Napoletane vol. I e II. In oltre 20 anni di attività teatrale ha rappresentato molteplici spettacoli, tra classici del teatro napoletano e lavori inediti di autori contemporanei, ed è stato candidato come miglior attore protagonista in due edizioni del Premio Teatrale Nazionale "Portici in teatro", conseguendo il premio in una delle due occasioni. Nel 2018 pubblica, con Phoenix Publishing, la raccolta di racconti L'onda emozionale.

Add a comment