Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

La nobile arte di misurarsi la palla

  • Scritto da MARIA TERESA CARVISIGLIA

copertina amleto 2Enea è un trentanovenne che non ha più nulla da perdere, ha ricevuto fin troppe batoste dalla vita, non gli resta che scegliere di vivere il suo sogno.Per frequentare una scuola di scrittura e magari, con qualche dritta, pubblicare anche un romanzo, il protagonista investe gli ultimi soldi e speranze, entrandofinalmente in quel mondo tanto ambito ma meschino e pericoloso per chi, come lui, non ha ancora acquisito la nobile arte di misurarsi la palla. La costante ironia di Amleto De Silva è una pungente denuncia del conformismo della società di oggi e la costruzione della sua scrittura ricca d'inventiva e di dialoghi pittoreschi ci fa ridere e riflettere anche se a denti stretti. Mentre il tempo va sempre più veloce, la dimensione in cui viviamo si fa sempre più stretta e scomoda per quel conflitto interiore che oscilla tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel che costi! Assaliti dall'ansia e dal dubbio di avere sbagliato o poter sbagliare nelle scelte di vita e di amore, siamo anche guidati da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che è miope, arrivista ed egoista nelle strategie e nei mezzi.

Questa realtà anche se fortemente alienante e di ingrata solitudine, ci porta ad una più chiara visione dei particolari nel quadro d'insieme, e se valichiamo i confini e i nostri limiti può anche aver luogo un salto qualitativo: possiamo penetrare in un altro ordine di idee e capire come sia legittimo per chi vive, lavora veramente e soffre, allontanarsi da meccanismi sociali negativi senza relegare nell'ombra sentimenti e valori.