Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Presentazione stasera del libro "Macedonia e Valentina” alla sala Fondazione De Martino

  • Scritto da REDAZIONE

libroProssimo appuntamento del ciclo d'incontri Apeiron, coordinati e ideati da Bruno Pezzella, per iniziativa della V Municipalità Vomero-Arenella e con l'adesione di numerosi enti, giovedì 13 novembre 2014, alle 18, alla sala Fondazione De Martino per la presentazione del libro "Macedonia e Valentina. 'O curaggio d' 'e femmene" ( presentazione di Annamaria Ackermann, edizioni ilmondodisuk). Intervengono Delia Morea e Ernesto Paolozzi. Reading di Valeria Ariota e Vincenzo Iavarone, videoproiezioni musicali a cura dell'autore. "Le donne hanno sempre fatto parte della storia.


Spesso hanno fatto la storia.
Eroine, politiche, sante e guerriere, compagne battagliere di uomini battaglieri.
A loro si sono ispirati grandi poeti e letterati, ma è tutto scontato se si pensa alle donne nel quotidiano: casalinghe, mamme, mogli e lavoratrici, tanti ruoli per un grande compito che solo loro possono adempiere.
Il testo è accompagnato dal sottotitolo 'O curaggio d' 'e femmene.
I personaggi femminili di questo libro sono persone forti: carceriere e carcerate, combattenti in nome dell'Amore.
Le due protagoniste (detenuta e suora) si scontreranno con una società bigotta, classista, benpensante.
E con la violenta realtà del carcere.
Il romanzo è tratto da una vicenda vera.
Nomi e luoghi sono un'idea dello scrittore."Breve scheda sull'autore:
Pasquale Ferro debutta nella scrittura con "Gli odori dei miei ricordi" (Atman edizioni 2000). Seguono, "Genny Flowers" (Suklibri 2002), "Mercanti di anime e di usura" (Ancora del Mediterraneo 2005), "La luna esiste?" (Luciano editore 2009), "Una radura verde smeraldo" (Istituto Italiano di Cultura di Napoli 2010).
Tra i numerosi riconoscimenti, il premio Libero Bovio 2012 per "I racconti di un cane camorrista", inedito in Italia e pubblicato in lingua russa nel 2013.
Da alcuni titoli sono state tratte pièce di successo, messe in scena anche per le scuole.Nel corso della manifestazione si svolgerà la II edizione del premio dedicato a Coccinella, pseudonimo di Antonio De Filippo, simbolo della lotta per l' integrazione degli omosessuali a Napoli che affrontò subendo anche l'umiliazione del carcere. Il riconoscimento sarà assegnato alla Tarantina, per l'anagrafe Carmelo Cosma, classe '36, originario di Avetrana, provincia di Taranto che ha raccontato la sua testimonianza di "femminiello" ripudiato dalla famiglia in una recente autobiografia scritta a quattro mani con Gabriella Romano. Glielo consegneranno Vincenzo Cucchiara e Ernesto Guida.Apeiron, ispirato al famoso detto di Anassimandro "...o dell'indefinito, principio di tutte le cose" prevede, oltre a presentazioni di libri, eventi su letteratura, psicologia, arte, filosofia, fino alla primavera dell'anno prossimo.