Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Tramonti di cartone

  • Scritto da Redazione

copertina jpgIl 13 gennaio esce per la casa editrice GM Press, "Tramonti di cartone", un'armonica simbiosi di poesie, prose, fotografie e illustrazioni che dialogano costantemente tra di loro creando un viaggio sensoriale dai molteplici significati.


Tramonti di cartone è un progetto condiviso in cui i tre autori, Marcello Affuso, Valentina Bonavolontà, Giulia Verruti, l'illustratrice Federica Crispo e la fotografa Erica Bardi, scelgono di abbandonare la zona di comfort che permette di celare se stessi nel chiaroscuro delle proprie fragilità, come se la vera essenza di sé fosse qualcosa di cui vergognarsi e si mettono a nudo, parlando di amori vecchi e nuovi, amicizia, perdita, ricordo, incontri, dolore, speranze. Un lavoro corale in cui ciascuno fa la sua parte.
Il ricavato delle vendite verrà interamente devoluto alla Onlus I Care, associazione che che ogni giorno lotta per portare in Africa acqua, istruzione e formazione ad un popolo duramente provato dalla fame, dalla miseria, dalla siccità, dalla guerra e da gravi emergenze sanitarie.
Del tempo passato insieme amo la forza del vento, che mi ha indolenzito le ossa, sciolto il pianto, navigando nei miei dubbi. Questo essere luce e fango, lo strabordare di incertezze, un fitto precipitare nella felicità. La gioia non riesce a spiegare mai le sue ragioni.
Tramonti di cartone è un viaggio, un duplice percorso di parole e immagini (66 sono i contributi totali) attraverso cui il lettore si potrà immergere in una profonda riflessione su se stesso, per riportare in superficie quella sensazione sopita, quell'emozione dimenticata, quel ricordo respinto a fatica sotto un cumulo di nuove esperienze.
Da un incipit nostalgico, con tinte cupe e amare si arriva, scavando a fondo nel proprio io, a un messaggio di speranza e di fiducia verso un futuro ricco di nuovi incontri e di nuovi inizi. Il tramonto diventa dunque apertura verso prospettive ignote ed "estremamente affascinanti nel loro essere potenziali", un preludio a una notte che porta consiglio e che lascia spazio a un inaspettato, tangibile stupore.
Da "un labirinto di periodi ipotetici" si giunge a una "luce straordinaria prima che sorga il sole", a una madre terra che genera fiori nonostante l'arsura, a uno scambio di sguardi che si tinge di azzurro.
Il tramonto indica, metaforicamente, qualcosa che volge al termine, che si dilegua e che, declinando, svanisce sotto la linea dell'orizzonte. Nell'istante che precede la scomparsa della luce un sentimento di malinconia ci assale, come se fosse l'ultima occasione per afferrare "un'effimera illusione".
La presentazione ufficiale è prevista per il 22 gennaio (ore 18) alla Feltrinelli (Piazza Dei Martiri) ma sono già due gli appuntamenti a calendario per i giovani artisti. Il 13 dicembre verrà messo in scena al Teatro TRAM (via Port'Alba, ore 21) una performance ispirata ai temi del libro, mentre il 17 dicembre all'Istituto Nazareth (via Kagoshima 15, ore 17.45) è previsto un reading con esibizioni di artisti ed ex allievi.