Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Esistono pietre viventi? In Romania sì

  • Scritto da Redazione

pietrePietre viventi.
Pietre capaci di crescere e riprodursi, proprio come gli esseri viventi. Una follia? No, il risultato di una scoperta in Romania. Anche se è difficile da credere sembra che esistano delle rocce speciali che si comportano come se fossero delle piante.

 

I sassi reagiscono a contatto con l'acqua, sono in grado di crescere e si riproducono. Il sito, al centro di numerosi studi e ricerche, si trova a circa 35 chilometri da Ramnicu Valcea. Le strane pietre sono state soprannominate Trovant (termine che in rumeno significa "sabbia cementata"), ma tutti le chiamano "rocce viventi". I massi "nascono" come formazioni grandi appena 6 o 8 millimetri e crescono diventando rocce dotate di 6-10 metri di diametro.

La crescita avviene in tempi piuttosto lunghi, ma è allo stesso modo davvero sbalorditiva. Per comprendere meglio cosa accade basti pensare che per aumentare di 5 centimetri una pietra ha bisogno di 1200 anni.

Non a caso, secondo gli esperti che le hanno analizzate, le pietre si sarebbero formate oltre 6 milioni di anni fa. Riuscirebbero ad aumentare di volume grazie a diversi fattori, quali l'alta concentrazione di sali minerali, contenuti nell'arenaria che le forma. Al loro interno per i geologi ci sarebbe sabbia cementata con acquee calcaree e carbonato.

Oggi le rocce viventi si possono osservare all'interno della riserva naturale di Muzeul Trovantilor che viene gestita dall'associazione Kogayon con il patrocinio dell'Unesco. Non solo: sembra che in tutta la Romania siano presenti diversi siti in cui si trovano moltissime Trovat.

Come funziona il meccanismo di crescita delle pietre? Quando la pioggia entra in contatto con le varie sostanze chimiche che si trovano nei massi la pressione interna aumenta, provocando un aumento di volume. Analizzando l'interno dei sassi infatti si trovano nei cerchi concentrici molto simili a quelli presenti nei tronchi degli alberi.

Supereva.it