Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Al Madre una giornata di studi per il 50° anniversario della mostra nella galleria Modern Agency di Lucio Amelio

  • Scritto da Madrenapoli

Casa Orlandi

In occasione del 50° anniversario della mostra La rivoluzione siamo noi di Joseph Beuys nella galleria Modern Agency di Lucio Amelio, il museo Madre, in collaborazione con il Goethe-Institut di Napoli propone una giornata con la partecipazione di studiosi e critici d'arte internazionali, che ripercorre la vita e la poetica dell'artista - tra i primi a mettere in dialogo l'arte con i temi dell'ecologia e della politica sociale - e il suo rapporto con la città di Napoli e il meridione.

Gli incontri si svolgeranno in modalità blended: la prima sessione online su Zoom e la seconda in presenza al museo Madre. Per la sessione in presenza, ad ingresso gratuito, è consigliata la prenotazione sulla piattaforma Eventbrite; l'accesso sarà consentito fino ad esaurimento posti. Si ricorda che per accedere sarà necessario esibire il Green pass.

A partire dalle ore 11.00 appuntamento con l'incontro dal titolo Self-Help Education: Joseph Beuys and the Free International University for Creativity and Interdisciplinary Research. Dopo i saluti istituzionali di Angela Tecce, Presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, e di Fabio Freud, Vice capo dell'ufficio culturale dell'Ambasciata di Germania, si terrà la lecture in lingua inglese della storica dell'arte e docente di storia dell'arte moderna e contemporanea all'Università di Amsterdam Christa-Maria Lerm Hayes, che, attraverso un collegamento Zoom (https://bit.ly/3Cm2ijn), tratterà il progetto Free International University for Creativity and Interdisciplinary Research (FIU) di Joseph Beuys, fondato all'inizio degli anni '70. L'incontro sarà moderato da Kathryn Weir, Direttrice artistica del museo Madre.

Il programma proseguirà alle ore 18.00: dopo i saluti di Angela Tecce e di Maria Carmen Morese, Direttrice del Goethe-Institut di Napoli, la storica e studiosa di Beuys Petra Richter, la cui ultima pubblicazione è Joseph Beuys: un terremoto nella mente delle persone presenta la lecture Joseph Beuys. Un terremoto nella testa umana. Napoli 1971 – 1985. Un approfondimento su tutto il lavoro svolto e realizzato da Joseph Beuys a Napoli: La rivoluzione siamo noi (1971), Terremoto in Palazzo (1981), e Palazzo Regale (1985). Seguirà una discussione, moderata dalla Presidente Tecce, in cui interverrà il critico d'arte, accademico e saggista Achille Bonito Oliva.