Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Museo FRaC inaugura la mostra "ARMANDO CERZOSIMO. Appunti per un’iconografia della canzone"

  • Scritto da Barbara Landi

Locandina armando cerzosimo

Venerdì 2 settembre alle ore 19,00, apre al pubblico la mostra di ARMANDO CERZOSIMO. Appunti per un'iconografia della canzone, promossa ed allestita nell'ambito della seconda edizione della rassegna "VISIONNAIRE22, narrazioni tra cinema documentario e teatro".

La mostra, curata da Massimo Bignardi direttore del Museo-FRaC, propone un repertorio di immagini tratte dall'archivio del fotografo Armando Cerzosimo: un repertorio che attraversa i luoghi della musica, ovvero che si fa da guida immaginativa ai personaggi, alle scene, alle trame dei docufilm proiettati nel suggestivo scenario della Terrazza degli aranci.

"La scelta di affiancare, alla seconda edizione della rassegna VISIONNAIRE – evidenzia Gianfranco Valiante sindaco di Baronissi – una mostra di opere dell'artista fotografo Armando Cerzosimo, penso che risponda pienamente a quanto, negli anni, abbiamo costruito e reso 'carattere' dell'azione del Museo-FRaC. La multidisciplinarità, il far convergere e porre in dialogo più e diverse forme dei linguaggi della creatività è una priorità che ha caratterizzato il nostro operato. Cerzosimo in questa meravigliosa sequenza di immagini, ci porta in giro nelle città dell'Europa, di quella libera, ove musica, 'visioni', memorie si fondono".

In mostra, sedici fotografie di grande formato disegnano le tracce di un viaggio tra luoghi che sollecitano la memoria, accompagnandola, nello spazio dei ricordi con la silenziosa armonia di una melodia francese, del suono delle elettriche londinesi, del canto che sale dal Tago.

"In questo tempo della mia vita – rileva Cerzosimo –, utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione, mi ritrovo a ricorrere, spesso, al termine #visione#, accostandolo al mio lavoro di fotografo.

Essere stato invitato da Massimo Bignardi, direttore del Museo-FRaC Baronissi a offrire un mio contributo all'appassionante mosaico, che è la rassegna VISIONNAIRE22, è stato, per me, il corollario giusto per continuare a credere alla potenza di un sogno. Certamente non è facile attraverso le fotografie esposte rievocare la "musica" che mi ha accompagnato nei miei viaggi e che restituisco attraverso immagini a volte oniriche, ma, in fondo, se ci fermassimo solo per un istante in più davanti ad ogni fotografia, "se ci fosse un po' più di silenzio, se tutti facessimo un po' di silenzio, forse qualcosa potremmo sentire" dice Fellini nel suo ultimo film La voce della luna, e io sono sicuro che ognuno di noi troverà il proprio punctum per entrare e trovare la propria visione.

Ho viaggiato, ho fotografato, mi sono fermato ad ascoltare la musica dei luoghi."

Sono immagini, osserva Bignardi, "che ripropongono nella nostra mente luoghi che fanno da scenografia alle tante canzoni a'stipate' nella memoria; vere e proprie 'colonne sonore' della nostra vita. Cerzosimo ha incontrato, nel corso degli anni, la Londra dei Beatles, la Parigi con le strade che ascendono a Montmartre fino a Place du Tertre con l'aria bohemien di Aznavoir oppure il lungo Senna avvertendo l'eco delle canzoni della Piaf. Vale anche per la Roma di Moriconi, di Venditti con 'il Cupolone', la Genova di De André e dei cantautori della nostra generazione, oppure la Sicilia, Nicosia, Siracusa fermando spazi e figure, come fossero un solo luogo. Inoltre, la rapida discesa dal Bairro Alto, da Chiado della vecchia Lisbona, inseguendo la malinconia del 'fado'. La fotografia di Cerzosimo, in particolare quella in bianco e nero, lascia trasparire la sua innata capacità di guardare oltre la dimensione delle cose reali, di lasciare lo sguardo libero di incontrare la 'visione', vale a dire quel connubio tra l'emozione, sensazione propria di un incontro improvviso e, al tempo stesso, il trasporto del ricordo che la memoria ci consegna".

La mostra resterà aperta fino al 18 settembre 2022.