Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Alla scoperta dei dieci rilievi rupestri assiri nel Kurdistan Irachenol

  • Scritto da Leader srl

BMTA2020 FIRMA ITA

L'International Archaeological Discovery Award, il Premio intitolato a Khaled al-Asaad, Direttore dell'area archeologica e del Museo di Palmira dal 1963 al 2003, che ha pagato con la vita la difesa del patrimonio culturale, è l'unico riconoscimento a livello mondiale dedicato al mondo dell'archeologia e in particolare ai suoi protagonisti, gli archeologi, che con sacrificio, dedizione, competenza e ricerca scientifica affrontano quotidianamente il loro compito nella doppia veste di studiosi del passato e di professionisti a servizio del territorio.
La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e Archeo, la prima testata archeologica italiana, hanno inteso dare il giusto tributo alle scoperte archeologiche attraverso un Premio annuale assegnato in collaborazione con le testate internazionali, tradizionali media partner della Borsa: Antike Welt (Germania), Archéologia (Francia), as. Archäologie der Schweiz (Svizzera), Current Archaeology (Regno Unito), Dossiers d'Archéologie (Francia) e da quest'anno anche con British Archaeology (Regno Unito) la testata del prestigioso Council for British Archaeology.
Nella 1ª edizione (2015) il Premio è stato assegnato a Katerina Peristeri per la Tomba di Amphipolis (Grecia); la 2ª edizione (2016) all'INRAP Institut National de Recherches Archéologiques Préventives (Francia), nella persona del Presidente Dominique Garcia, per la scoperta della Tomba celtica di Lavau; nel 2017 a Peter Pfälzner Direttore della missione archeologica che ha scoperto la città dell'Età del Bronzo presso il villaggio di Bassetki nel nord dell'Iraq; nel 2018 a Benjamin Clément, Responsabile degli scavi, per la scoperta della "piccola Pompei francese" di Vienne; nel 2019 a Jonathan Adams, Responsabile del Black Sea Maritime Archaeology Project (MAP), per la scoperta nel Mar Nero del più antico relitto intatto del mondo.

Le cinque finaliste dello scorso anno candidate alla vittoria per il 2020:
- Cambogia: la città perduta di Mahendraparvata capitale dell'impero Khmer nella foresta sulle colline di Phnom Kulen a nord-est di Angkor;
- Iraq: nel Kurdistan presso il sito di Faida, a 50 km da Mosul, dieci rilievi rupestri assiri, gli dei dell'Antica Mesopotamia;
- Israele: a Motza a 5 km a nord-ovest di Gerusalemme una metropoli neolitica di 9.000 anni fa;
- Italia: a Roma la Domus Aurea svela un nuovo tesoro, la Sala della Sfinge;
- Italia: nell'antica città di Vulci una statua di origine etrusca raffigurante un leone alato del VI secolo a.C.

Pertanto, la sesta edizione dell'International Archaeological Discovery Award "Khaled al-Asaad", secondo le segnalazioni ricevute dalle suddette testate, va alla scoperta dei "dieci rilievi rupestri assiri nel Kurdistan Iracheno": presso il sito archeologico di Faida, a 50 km da Mosul, dieci rilievi rupestri assiri dell'VIII-VII secolo a.C. portati alla luce dal team di archeologi "IAMKRI Italian Archaeological Mission to the Kurdistan Region of Iraq", coordinato da Daniele Morandi Bonacossi dell'Università di Udine con la Direzione delle Antichità di Duhok guidata da Hasan Ahmed Qasim. Si tratta di pannelli imponenti, grandi 5 mt e larghi 2 mt, scolpiti lungo un antico canale d'irrigazione lungo 8,5 km, alimentato da un sistema di risorgenti carsiche, oggi sepolto sotto spessi strati di terra depositati dall'erosione del fianco della collina. Ma nell'antichità dal canale si diramava una rete di canali più piccoli, che consentivano di irrigare i campi circostanti, rendendo ancora più fertile le campagne coltivate nell'entroterra di Ninive, capitale dell'impero. La mitologia assira raffigurata sulla roccia è un campionario significativo di divinità e animali sacri. Le figure divine rappresentano il dio Assur, la principale divinità del pantheon assiro, su un dragone e un leone con corna, sua moglie Mullissu, seduta su un elaborato trono sorretto da un leone, il dio della Luna, Sin, anch'egli su un leone con corna, il dio della Sapienza, Nabu, su un dragone, il dio del Sole, Shamash, su un cavallo, il dio della Tempesta, Adad, su un leone con corna e un toro e Ishtar, la dea dell'Amore e della Guerra su un leone.

Il Premio sarà consegnato a Daniele Morandi Bonacossi, Direttore della Missione Archeologica Italiana nel Kurdistan Iracheno e Ordinario di Archeologia e Storia dell'Arte del Vicino Oriente Antico dell'Università di Udine, venerdì 20 novembre alla presenza di Fayrouz, archeologa e figlia di Khaled al-Asaad, in occasione della XXIII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

I rilievi rupestri del Kurdistan Iracheno si aggiudicano anche lo "Special Award", il Premio alla scoperta con il maggior consenso sulla pagina Facebook della BMTA.

L'edizione 2020 della Borsa si svolgerà a Paestum presso il Centro Espositivo Savoy Hotel, la Basilica, il Museo Nazionale, il Parco Archeologico da giovedì 19 a domenica 22 novembre.

Add a comment

Natura, cultura e tradizione a Monte Solaro per ravvivare l'autunno caprese

  • Scritto da Monte Solaro Capri

autunno anacapriUna salita in seggiovia per raggiungere il tetto di Capri per un tour nel verde. Un'Iniziativa green dedicata agli amanti di Capri, della natura e delle tradizioni storiche dell'isola. Ad accompagnare i gruppi di turisti a Monte Solaro, seguendo le indicazioni previste dalle norme saranno guide specializzate che narreranno la storia del luogo, attraversando i sentieri o seduti ai tavolini del bistrot "La canzone del Cielo" dove si potrà consumare un lunch o gustare i dolci tipici del luogo. La passeggiata continuerà fino all'Eremo di S.Maria in Cetrella, la chiesetta che risale al XV secolo in una posizione particolare sulla valletta di Cetrella che si affaccia su Marina Piccola. Poi ancora una tappa culturale alla villa Mackenzie, la piccola e caratteristica dimora di Compton Mackenzie, l'intellettuale e scrittore scozzese che visse sull'isola a metà del secolo scorso dove ambientò due delle sue importanti opere "Vestal Fire" e " Exrtaordinary Women". Infine il tour si conclude con la discesa a piedi fino al centro di Anacapri. La salita in seggiovia alla Canzone del Cielo quest'anno è diventato un must, hanno preferito la passeggiata nel verde invece di un tuffo in mare stranieri, vacanzieri e personaggi importanti. Tra questi Rocco Barocco, lo stilista italiano caprese d'adozione, che ha voluto fare ammirare un panorama unico dell'isola dall'alto di Monte Solaro a 580 metri dal mare.

Add a comment

Innobiliare Sud Ovest a Edenlandia l'agenzia che mette in vendita beni pubblici

  • Scritto da Sarah Manocchio

NATO 009

Apre a Edenlandia (via J. F. Kennedy, 76 - Napoli) la prima agenzia che mette in vendita beni pubblici: nasce "Innobiliare Sud Ovest", il nuovo progetto del fotografo napoletano Giovanni Scotti, declinato attraverso un'operazione di marketing artistico e sociale e volto alla sensibilizzazione sulla proprietà e sulla privazione degli spazi pubblici. Lo spazio sarà fruibile, nel rispetto di tutte le normative anti Covid-19, da mercoledì 7 ottobre dalle ore 18:00 alle ore 21.30; l'ingresso sarà limitato a due persone per volta. La performance si ripeterà con l'apertura dello spazio tutti i weekend fino all'8 novembre, il venerdì dalle ore 18.00 alle ore 21.30, e il sabato e la domenica dalle ore 11.00 alle ore 24.00.

Un'azione "etica", iniziata già prima del lockdown sui social e sul web e proseguita nei mesi, che ha visto la creazione di una vera e propria "agenzia immobiliare" con tanto di annunci, fondata da Scotti con il coinvolgimento della scrittrice Chiara Zocchi, dello storico dell'arte e docente all'università Ca' Foscari di Venezia Diego Mantoan, e dell'editor Ernesto Tedeschi.

L'operazione artistica e sociale è supportata dalla galleria aA29 Project Room, e ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli.

"Innobiliare Sud Ovest" (ISO) è parte del progetto "Cinnamon Heart: Classified", che s'inserisce nella ricerca sullo spazio e sui confini che Giovanni Scotti conduce da diversi anni. L'agenzia, così come tutto l'immaginario che ruota attorno ad essa, diventa strumento per indagare la dimensione d'interdipendenza tra spazio e uomo, ed è strutturata rielaborando e riadattando i meccanismi del dispositivo utopico/distopico. La ex-Base Nato, come il Parco dello Sport o l'ex area Italsider a Bagnoli, diventano luoghi della transizione, dove l'essere non coincide più con l'abitare, e dove il paesaggio si trasforma in passaggio. L'azione dell'Innobiliare si pone su questa soglia, sul limite tra luogo abitato e in-abitato (lasciato a se stesso), per determinare il rovesciamento e la rivalutazione critica dei valori convenzionali. Da qui il concetto cardine su cui si basa l'intera agenzia: il Controspazio.

ISO è un'agenzia iNNobiliare, poiché dietro le sembianze di una vendita immobiliare tradizionale, si intra-leggono sin da subito le pratiche poco nobili di una vendita di immobili che sarebbero già nostri.

Ispirandosi a "Office of the Organization for Direct Democracy" ("Ufficio dell'organizzazione per la democrazia diretta"), realizzato da Joseph Beuys durante Documenta 5, l'Artista, o meglio l'AD (Artista Delegato), diventa catalizzatore di pensatori indipendenti, intermediario per conto dell'agenzia che propone affari da sogno a partire dagli spazi dell'ex-Base Nato di Bagnoli, un bene pubblico non ancora restituito ai cittadini. Darà, inoltre, la possibilità ai visitatori/clienti di sottoscrivere un contratto per l'acquisto, a corpo e non a misura, del diritto all'esercizio delle funzioni di cittadino attivo, cioè con potere decisionale sulla futura destinazione d'uso delle unità immobiliari facenti parte dello storico complesso Costanzo Ciano e del connesso parco. Il tutto avverrà nel contesto di Edenlandia, il più antico parco di divertimento d'Europa, per sottolineare la commistione fra realtà e finzione, intrattenimento e impegno, valorizzazione degli spazi e spaesamento.

Presentata in anteprima ad ArtVerona 2019, l'agenzia Innobiliare ha già in programma l'apertura di una succursale nel ferrarese, trasformandosi per l'occasione in "Innobiliare Nord Est" e ponendo sotto i riflettori l'area dell'ex sanatorio di Tresigallo.

Add a comment

Una tavola rotonda per la seconda edizione di PASS

  • Scritto da MG LOGOS

passSi è svolta ieri la seconda edizione di PASS (Professionalità, Accoglienza, Servizio, Squadra), caratterizzata dalla tavola rotonda "Il ruolo della sala nel rilancio della ristorazione".

La vera notizia è che, per una volta, l'emergenza legata al Covid19 non è stata protagonista assoluta di una diretta streaming. A rubare la scena è stato il servizio in sala, declinato in tutte le sue varie accezioni. Si è svolta oggi, infatti, la tavola rotonda dal titolo "Il ruolo della sala nel rilancio della ristorazione", organizzata a Roma dall'associazione Noi Di Sala nell'ambito della seconda edizione di PASS (Professionalità, Accoglienza, Servizio, Squadra), alla presenza di: Andrea Berton (Ristorante Berton), Marcello Masi (Rai), Paolo Marchi (Identità Golose), Paolo Cuccia (Presidente Gambero Rosso) Alessandro Federzoni (Direttore Première Srl), Savino Muraglia (Frantoio Muraglia), Antonello Magistà (Ristorante Pashà), Rossella Cerea (Ristorante Da Vittorio), Alessandro Roja (attore e appassionato gourmand), Marco Reitano (Presidente NDS e Chef Sommelier de La Pergola), Marco Amato (Responsabile didattica NDS e Maitre e Sommelier Imago), Alessandro Pipero (Responsabile Comunicazione NDS e Proprietario Pipero Roma) e Joe Bastianich, che nel suo nuovo libro, "Le Regole per il successo", ha raccolto i segreti, i consigli e gli insegnamenti su cui ha fondato la propria carriera. A moderare il giornalista Paolo Fratter (Skytg24).

"La ristorazione in questo momento – ha detto Marco Reitano, Presidente di Noi Di Sala – deve valorizzare ancora di più il servizio in sala, per fare la differenza e rafforzare l'immagine delle nostre imprese".

Un valore aggiunto, quello del servizio in sala, che punta molto sulla formazione, come sottolineato da Marco Amato (Responsabile didattica NDS e Maitre e Sommelier Imago) e che non a caso è al centro della nuova collaborazione tra Noi Di Sala e Gambero Rosso Academy, ricordata oggi da Paolo Cuccia (Presidente Gambero Rosso) nel corso del suo intervento.
Formazione fondamentale anche nella proposta dei vini, come giustamente ricordato da Alessandro Federzoni (Direttore Première Srl) e Antonello Magistà (Ristorante Pashà). E forse ancora di più per un prodotto "difficile" come l'olio extravergine d'oliva che, come evidenziato da Savino Muraglia (Frantoio Muraglia), fatica ancora a far comprendere la sua importanza e che non dovrebbe essere concepito come un costo ma come un ricavo.

A sottolineare l'importanza della ristorazione in questo momento storico è stato Paolo Marchi (Identità Golose) che ha ribadito come spesso chi ci governa non conosce nemmeno la differenza tra un ristorante, un bar e uno stabilimento balneare. E che proprio i ristoranti per igiene, cura dei dettagli e naturale distanziamento rappresentano forse in questo momento i luoghi più sicuri d'Italia.
Per Andrea Berton (Ristorante Berton) e Rossella Cerea (Ristorante Da Vittorio), sala e cucina costituiscono un'unica squadra che lavora con un obiettivo comune, vale a dire offrire al cliente un'esperienza quanto più appagante possibile.

E, a proposito di cliente, molto apprezzato è stato l'intervento dell'attore Alessandro Roja, chiamato in causa in veste di appassionato e frequentatore abituale di ristoranti, che ha ricordato l'importanza del concetto di empatia, vale a dire far sentire il cliente al centro della scena, consigliandolo e invogliandolo a scoprire piatti, prodotti ed etichette.
E che la sala rappresenti una sorta di prima linea in grado anche di farti passare sopra eventuali pecche della cucina è stato uno dei temi affrontati da Marcello Masi (firma storica di alcuni dei più interessanti programmi Rai dedicati all'agroalimentare e all'enogastronomia) che ha anche puntato i riflettori sugli istituti alberghieri non sempre in grado di garantire la preparazione necessaria.

"Di base – ha detto il ristoratore e imprenditore Joe Bastianich - sono un cameriere e sono orgoglioso di esserlo. Ricordo ancora quando da bambino provavo un minimo di imbarazzo per il lavoro dei miei genitori che gestivano un ristorante. Ora fortunatamente la percezione è cambiata, così come è destinata a cambiare la ristorazione. Il mondo post Covid vedrà sempre più assottigliarsi il confine tra sala e cucina. Il consumo del cibo diventerà sempre più un'esperienza a 360°".

Da Alessandro Pipero (Responsabile Comunicazione NDS e Proprietario Pipero Roma), infine, un invito alle guida di settore e ai media in genere a stimolare quanto più possibile il personale di sala con premi e riconoscimenti al pari degli chef, affinché il ruolo del servizio non venga più considerato come una semplice appendice.

Conclusione d'obbligo a Marco Reitano, che non poteva non fare cenno all'attuale situazione: "Ma lo faccio con il sorriso, lo stesso sorriso che "indosso" sotto la mascherina ogni volta che ho un cliente di fronte. Con la speranza che soprattutto i nuovi clienti possano tornare, in un futuro ci auguriamo prossimo, anche per scoprire il volto che in questo momento si cela dietro la mascherina".

Add a comment

Google investirà un miliardo di dollari in 3 anni per sostenere l'editoria

  • Scritto da Ansa

Google-2Google investirà un miliardo di dollari in tre anni per sostenere l'editoria attraverso partnership con realtà editoriali su scala mondiale. Lo rende noto il Ceo Sundar Pichai in un post in cui annuncia la nascita di un nuovo prodotto, chiamato "Google News Showcase". A differenza di Google News, l'aggregatore di notizie online contro cui più volte si sono mossi gli editori chiedendo di essere ricompensati per i contenuti usati, adesso la società californiana «pagherà gli editori per creare e curare contenuti di alta qualità per un diverso tipo di esperienza di notizie online», spiega Pichai.

Saranno gli editori a scegliere quali notizie mostrare e come farlo. Google News Showcase prende il via oggi in Brasile e in Germania, attraverso partnership con diverse realtà editoriali tra cui Der Spiegel e Die Zeit, per poi espandersi in altri Paesi. Gli accordi già siglati sono circa 200 in Germania, Brasile, Argentina, Canada, Regno Unito e Australia.

Add a comment