Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Il rapper Frankie Hi NRG Mc con gli & Al Jazeera e Giorgio Li Calzi in un concerto esclusivo sull'incantevole Pianoro di Ciolandrea

  • Scritto da Giulio Di Donna

Frankie vs Aljazzeera  copiaDopo il concerto dello scorso anno di Ludovico Einaudi torna la musica dal vivo sul Pianoro di Ciolandrea, la famosa terrazza naturale, dal panorama mozzafiato, che affaccia sul Golfo di Policastro. Questa volta ad esibirsi è il rapper Frankie Hi NRG accompagnato dagli Al Jazeera con special guest il trombettista Giorgio Li Calzi. Il giorno venerdì 6 agosto, dalle ore 19, ci sarà una speciale performance eseguita nella splendida cornice di uno dei paesaggi più belli del Sud Italia, luogo unico che visivamente unisce quattro regioni a partire dalla Campania, ovviamente, con il Golfo di Policastro e la Costa della Masseta, ma anche la Basilicata, con la sua Costa e il Cristo di Maratea, la Calabria e anche l'arcipelago siciliano delle Isole Eolie.

L'appuntamento è realizzato in collaborazione con il Comune di San Giovanni a Piro è inserito nel cartellone della rassegna Equinozio d'Autunno giunta alla sua diciassettesima edizione.

Rap e Jazz si incontrano in un viaggio fatto di contaminazioni musicali, dissonanze in rima, cortocircuiti geografici. Influenze afroamericane e mediorientali. L'improvvisazione incalzante del fraseggio hip-hop sposa la libera improvvisazione di un jazz dal sapore maghrebino. Ne deriva un'alchimia esplosiva che ha la verve del rock e l'eleganza del jazz.

FRANKIE HI-NRG MC è il pioniere del rap italiano ed esordisce nel 1992 con il singolo "Fight da faida"; l'anno seguente pubblica, tramite l'etichetta BMG, l'album "Verba Manent", il primo album rap italiano a essere pubblicato con una major. Vanta partecipazioni al Festival di Sanremo e collaborazioni con numerosi artisti internazionali. Ama spaziare dalla musica alla fotografia, dal teatro al cinema innescando un cortocircuito di contaminazioni che confluisce all'interno della sua ricerca musicale. 

ALJAZEERA è un collettivo attivo da ormai dieci anni, il trio italiano ha portato una ventata di freschezza al panorama jazz nazionale. Gli Al Jazeera suonano jazz con l'energia del rock, interpretando suggestioni provenienti dalla musica del Maghreb e del Mondo Arabo. Frasi bebop, riff metal di basso distorto, ritmi egiziani, lente melodie all'unisono, libera improvvisazione, ambienti rarefatti e tempeste di sabbia elettronica contribuiscono a creare un sound originale ed imprevedibile.

Con loro sul palco anche il compositore torinese GIORGIO LI CALZI eclettico trombettista legato alla musica elettronica di carattere innovativo e sperimentatore di nuove forme di suono elettroacustico.

Add a comment

Timber Timbre per la prima volta in Campania - Concerto in provincia di Caserta sabato 30 luglio

  • Scritto da Giulio Di Donna

timber timbre eventoTaylor Kirk, il raffinato cantautore canadese anima della band Timber Timbre, si esibirà dal vivo sabato 30 luglio in provincia di Caserta. Sarà la splendida Tenuta al Monticelli di Vitulazio ad ospitare l'esclusivo concerto per l'artista che manca dall'Italia da oltre cinque anni. Sarà possibile rivedere i Timber Timbre dal vivo in una formazione nuova in cui il leader e fondatore del trio di Montreal, Taylor Kirk, è accompagnato solo da Erin Lang.
In apertura di serata suoneranno Joseph Martone, cantautore di blues oscuro amico fraterno di Kirk, che ha anche prodotto il suo album "Honey birds"; e Foundling attualmente in tour con Agnes Obel.

Ad organizzare il concerto sono due realtà locali molto propositive che da anni organizzano concerti per un'area spesso esclusa dai grandi tour: Mr. Rolly's e Manhattan Bar. La location scelta è la suggestiva Tutuni al Monticello luogo ideale per ascoltare dal vivo l'ultimo lavoro, 'Dissociation Tapes Vol. 1', che vede Timer Timbre nell'inedita formazione con Erin Lang.

L'atteso concerto dei Timber Timbre sarà un set per forza di cose minimale, ma non per questo meno ricco di pathos, che riporta idealmente alla nascita di una canzone, alla sua essenza melodica. Ci sarà spazio per i brani pescati dall'ormai corposa discografia della band, con il trittico "Timber Timbre" (2009), "Creep On Creepin' On" (2011) e "Hot Dreams" (2014) come vertice artistico, recentemente ristampati in vinile in una nuova versione "smoke marble". E magari per qualche sorpresa.

Taylor Kirk ha una capacità innata di sfuggire alle classificazioni e ai generi; nelle sue canzoni ci parla di dannazioni e ossessioni umane a tinte noir, in un'atmosfera sognante e inquietante che è diventata marchio di fabbrica dei celebrati album della band canadese. Un'attitudine evocativa che ha portato Taylor a contribuire alla realizzazione delle colonne sonore di serie cult degli ultimi anni, da Breaking Bad a Walking Dead.

Add a comment

MARTINA, in rete il nuovo singolo "Luna Piena"

  • Scritto da Giulio Di Donna

MARTINA

Ritorno discografico per MARTINA che con "Luna piena" lancia un singolo estivo ricco di speranza e positività.
Martina Difonte, attrice di cinema e teatro con collaborazioni nazionali e internazionali, sale alla ribalta nel circuito musicale dopo aver vinto nel 2018 Area Sanremo, il Premio Mia Martini e pubblicato i singoli "Di te" (2016), "Tu che ne sai" (dicembre 2021) e "Giù da me" (agosto 2021). Oggi la cantante pugliese torna con un nuovo singolo dalle sonorità urban-pop prodotto da Francesco Bellomo per la Virginy l'isola trovata e distribuito dalla label FUMO (TheRivati, LDO, Achex, Endly) mentre l'autore è Roberto Strano con le basi di CocoBeatz (già a lavoro per GionniScandal, Clementino, Don Sid).

Una nuova MARTINA in "Luna Piena" nella quale esprime una consapevolezza, e maturità, artistica più definita che rispecchia la sua sincera personalità mettendosi a nudo in un testo quasi autobiografico.

"Sono una ragazza del sud andata via di casa molto presto - afferma MARTINA -, e non è stato sempre facile, ma <>; il mare per me sono gli occhi dei miei genitori a cui devo tutto perché se oggi sono una Donna felice e libera è solo merito loro.
In "Luna Piena" - conclude - mi mostro senza filtri tanto fragile ma a volte indistruttibile, la gente è stanca delle apparenze, di vedere un'immagine della perfezione che non esiste, abbiamo bisogno di verità, di concretezza."

Martina Difonte nasce in Puglia e sin da bambina si mostra interessata al canto. Crescendo inizia a studiare con diversi maestri del settore come Mario Rosini, Roberta Faccani, Fabrizio Palma, Maria Grazia Fontana. Il suo genere è il pop, ma spazia anche nel rock e nel gospel. Tra i suoi brani ricordiamo: "Di te", "Tu che ne sai", "Giù da me". In teatro ha preso parte ad alcune importanti produzioni come "Il berretto a sonagli" di Luigi Pirandello con Gianfranco Jannuzzo, "Parlami d'amore Mariù" con Paolo Conticini e Rocio Morales diretti da Francesco Bellomo, "Fiori d'acciaio" con Tosca D'Aquino, Rocio Morales per la regia di Michela Andreozzi.
Per il cinema ricordiamo "Tommaso" con Willem Dafoe, regia Abel Ferrara, "La guerra del Salento" (coprotagonista) con Marco Leonardi, Pino Ammendola, per la regia di Marco Pollini.
"Non tutto è perduto" (coprotagonista) regia Francesco Bellomo con Brenno Placido, Gioele Dix, Paolo Calissano, Maurizio Micheli che uscirà nelle sale il prossimo autunno.

 

Add a comment

Alburni World Jazz Festival - Ad agosto la XXVIII edizione con Richard Bona, Eugenio Bennato, Andrè Ciccarelli e Sylvain Luc

  • Scritto da Giulio Di Donna

Alburni festival pubblicoNel borgo medievale di Serre, in provincia di Salerno, situato alle porte del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, ai piedi dei Monti Alburni; si svolgerà nei giorni 10-11-12 agosto la ventottesima edizione dell'Alburni World Jazz Festival 2022.

Con la direzione artistica del cantante e pianista jazz napoletano Walter Ricci - affiancato dalla società organizzatrice Mr Few - la manifestazione, tra le più longeve della Campania, cambia denominazione in World Jazz Festival in virtù di una nuova e ristrutturata concezione musicale che vuole aprirsi alle contaminazioni e alle condivisioni di genere.

Tutti i concerti in programma sono ad ingresso libero e si svolgeranno dalle ore 21:30 presso Piazza Ennio D'Aniello.

"La musica costruisce dei ponti che mettono in comunicazione fra loro uomini provenienti da altre culture, che parlano altre lingue e che professano religioni diverse - dichiara il direttore artistico Walter Ricci. La musica è capace di costruire ponti culturali, abbattere i muri dell'indifferenza e assumere anche una funzione sociale presentandosi come un strumento straordinario di integrazione culturale. La musica è un linguaggio universale ed è comprensibile a tutti, anche a chi non l'ha mai praticata e si è solo limitato ad ascoltarla. E' proprio questa la chiave del nuovo festival: offrire agli ascoltatori le potenzialità di uno strumento raffinato e artistico che allo stesso tempo ha funzione sociale." "La mia carriera - conclude Ricci - è iniziata alla tenera età di dieci anni quando mio padre, arrangiatore e produttore musicale, mi ha trasmesso la passione e la grinta per districarmi in questo mondo. Ed oggi essere stato invitato a dirigere una rassegna così importante mi fa sentire onorato e orgoglioso perché posso mettere in pratica i suoi insegnamenti".

"Per la nostra comunità il festival è molto importante e atteso. Nonostante la longevità pensiamo che sia un evento da preservare e al contempo rinnovare anno dopo anno." Dichiara il Sindaco di Serre Antonio Opramolla. "Sono sindaco solo da giugno e quindi ho avuto poco tempo per programmare e ideare questa edizione ma col contributo del nuovo direttore artistico sono convito che sarà un successo. Walter Ricci è stato scelto in quanto professionista serio e artista di caratura internazionale e con lui che questa amministrazione vuole fare un lungo percorso innovativo."

Ad inaugurare il festival ci sarà "lo Sting africano" ovvero Richard Bona; cantante, bassista e compositore del Camerun - di stanza prima a Parigi e poi a New York - che carico della sua cultura contaminata si esibirà il giorno 10 agosto.
Bona ha condiviso il palco con i più grandi artisti jazz contemporanei: Manu Dibango, Salif Keïta, Jacques Higelin, Didier Lockwood, Joe Zawinul, Larry Coryell, Michael e Randy Brecker, Mike Stern, George Benson, Branford Marsalis, Chaka Khan, Bobby McFerrin e Steve Gadd. Il giorno successivo, 11 agosto, sarà la volta di Eugenio Bennato, uno dei massimi esponenti della musica popolare ed etnica italiana. Accompagnato dalla sua band Taranta Power proporrà un misto di ballate e canzoni cantautoriali della tradizione del Sud Italia e inediti del suo lungo repertorio folk che da decenni diffondo messaggi di integrazione tra popoli e culture diverse. A chiudere la tre giorni invece ci saranno due grandi musicisti jazz francesi: Andrè Ceccarelli, musicista di caratura mondiale, performer di classe dotato di sensibilità e controllo incredibili sullo strumento che con il suo drumming raffinato e il suo swing propulsivo è un autentico riferimento per chiunque suoni la batteria. Con lui sul palco il chitarrista, polistrumentista e arrangiatore Sylvain Luc, considerato uno dei grandi nomi del jazz europeo, e il contrabbassista Thomas Bramerie.

Add a comment

MAX PEZZALI - MAX30 IL 7 APRILE 2023 AL PALASELE DI EBOLI

  • Scritto da Gilda Camaggio

max30 tourDopo il successo delle due trionfali date di SAN SIRO CANTA MAX, che hanno unito 120mila voci sui brani simbolo di generazioni intere, Max Pezzali ha annunciato MAX30, il tour nei palasport 2022/2023. Lo show, prodotto e organizzato da Vivo Concerti, arriverà al PalaSele di Eboli venerdì 7 aprile 2023, unica data annunciata al Sud. I biglietti per le date saranno disponibili online e nei punti vendita autorizzati da sabato 23 luglio 2022.

Tra i cantautori più amati del panorama italiano, Max ha celebrato i suoi 30 anni di carriera con la doppia data di SAN SIRO CANTA MAX, uno show che ha trasformato la più prestigiosa e ambita venue per la musica dal vivo in un gigantesco ed emozionante karaoke, regalando al pubblico un concerto indimenticabile, al ritmo trascinante e coinvolgente dei suoi più grandi classici. Cantare a squarciagola, questa è la chiave per due ore e mezza di pura energia: da HANNO UCCISO L'UOMO RAGNO alle iconiche SEI UN MITO e NORD SUD OVEST EST, passando per la romanticissima COME MAI e la nostalgica, commovente GLI ANNI, la scaletta ha ripercorso successi caratterizzati da melodie indimenticabili e testi che sono entrati di diritto nel vocabolario italiano di più generazioni, per un viaggio indietro nel tempo che ha fatto rivivere le emozioni di un passato che nessun altro come Max Pezzali sa riportare alla luce. E in autunno l'appuntamento è nei palasport, per continuare a festeggiare una carriera così straordinaria. Radio Italia è radio ufficiale del tour. FANSHOPPING MERCHANDISING di Dino Bono è il merchandising ufficiale del tour.

IL CALENDARIO DEL #PALASELE 2022 Sempre più ricca la grande stagione di concerti a cura di Anni 60 produzioni al PalaSele che, dopo la pausa estiva, ripartirà sabato 1 ottobre (la nuova data sostituisce il 24 aprile 2022 e il 2 ottobre 2021) con il "FAMOSO TOUR" di Sfera Ebbasta. mentre è fissata per il 27 ottobre la tappa di Marco Mengoni a Eboli con il MENGONI LIVE 2022. L'11 novembre il ritorno live di Biagio Antonacci che si esibirà sul "PALCO CENTRALE" del PalaSele; altro imperdibile ritorno quello di "NOTRE DAME DE PARIS" in scena sabato 26 novembre – ore 16:00 e ore 21:00, e domenica 27 novembre – ore 17:00 e ore 21:00. A dicembre sono attesi i ME CONTRO TE (sabato 3 e domenica 4), Salmo con il "FLOP TOUR" in scena il 6 (sostituzione del 8 marzo 2022), e Alessandra Amoroso con "TUTTO ACCADE TOUR" il 12.

Per il 2023 già annunciato, oltre allo show di Max Pezzali il 7 aprile, anche il grande ritorno di Eros Ramazzotti per l'11 aprile con il "BATTITO INFINITO WORLD TOUR".

Add a comment