Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

La “Giornata dell’Autismo”: Volla si tinge di blu per sensibilizzare i suoi cittadini

  • Scritto da Rosalia Gigliano

IMG-20160402-WA0003Oggi, 2 aprile è la "Giornata mondiale dell'autismo": capire, conoscere, ma anche sensibilizzare le persone a comprendere cosa sia questa sindrome.
Ma cos'è l'autismo? "L'autismo, chiamato originariamente Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo neuro-psichiatrico che interessa la funzione cerebrale; la persona affetta da tale patologia esibisce un comportamento tipico caratterizzato da una marcata diminuzione dell'integrazione socio-relazionale e della comunicazione con gli altri ed un parallelo ritiro interiore. Attualmente risultano ancora sconosciute le cause di tale manifestazione, divise tra cause neurobiologiche costituzionali e psicoambientali acquisite" – questa è la definizione più comune e precisa.
La giornata dell'autismo non è limitata soltanto a livello locale: parte oggi, sulle reti nazionali RAI, la campagna #sfidAutismo, che proseguirà sino al 6 marzo. Si tratta di una raccolta fondi e, allo stesso tempo, di una campagna di sensibilizzazione sull'argomento proposta dalla Fondazione Italiana per l'Autismo Onlus.


Ma nelle nostre zone? Di certo non ci si è fatti trovare impreparati...in particolare, non si è fatta trovare sprovveduta la città di Volla.
Proprio ieri sera, infatti, tre luoghi simboli della cittadina vesuviana si sono illuminati di blu, colore e segno dello #sfidAutismo: la biblioteca di Volla, la piazza S.Michele e alcuni palazzi dell'edilizia popolare.
Perché scegliere proprio questi tre simboli? "In primis la biblioteca comunale: segno di cultura, ma anche della nostra volontà di conoscere e capire il fenomeno dell'autismo. Piazza S.Michele, perchè piazza intitolata al santo patrono di Volla, e quindi, quale miglior simbolo della città. Ed in ultimo le case dell'edilizia popolare: i luoghi più lontani dal centro della cittadina. Sono il simbolo della periferia...ed abbiamo voluto immaginare che da lì, un bambino autistico, con la sua famiglia, sono quasi impediti dal raggiungere le strutture assistenziali e sanitarie del centro, a causa della mancanza di mezzi di trasporto" – ha dichiarato Ciro Petrazzuolo, giovane cittadino di Volla, impegnato in questa campagna di sensibilizzazione, insieme al suo collega (anche lui cittadino di Volla), Vincenzo Sepe.
Come dimostra la foto, Volla si è tinta di blu...perché anche Volla partecipa allo #sfidAutismo.