Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

SUMMER CONCERT, Itinerari musicali in Terra di Lavoro, musica classica d’autore in luoghi sacri e musei

  • Scritto da Marco Pirollo

2D192CBA-CCAF-46E4-AA01-63B5C6E925A9Pianoforte, archi e fisarmonica saranno gli strumenti d'elezione per il nuovo weekend musicale in programma tra Teano e Casanova di Carinola nell'ambito della rassegna SUMMER CONCERT, Itinerari musicali in Terra di Lavoro, musica classica d'autore in luoghi sacri e musei.
Venerdì 11 settembre, alle ore 20.00 e 21.30, il Convento di S. Francesco a Casanova di Carinola, per la sezione Pianofestival della rassegna, ospita il doppio concerto al pianoforte di Yilan Zhao, terzo Premio al Concorso Viotti 2019. Alle ore 20.00 la pianista eseguirà musiche di Debussy e di Chopin; alle ore 21.30 invece, in programma brani di Chopin e di Liszt. Yilan Zhao ha studiato alla Juilliard School, dove si è laureata sotto la guida di Hung-Kuan Chen, Robert David Levin e Matti Raekallio. Dal 2018 segue i corsi di Konstantin Scherbakov alla Hochschule di Zurigo. Premiata in importanti concorsi internazionali, quali il Giovan Battista Viotti di Vercelli e il New York Competition, il suo pianismo è stato apprezzato da musicisti come Richard Goode che lo ha definito "profondamente personale e toccante".
Sabato 12 settembre, sempre al Convento di S. Francesco a Casanova di Carinola (ore 20.00 e 21.30) sarà la volta del Quartetto Henao, che eseguirà musiche di Schubert e Beethoven. La formazione, composta da William Chiquito & Simona Cappabianca (violini), Stefano Trevisan (viola) e Giacomo Menna (violoncello) nasce nel 2014 in seno all'orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nel 2019 ha effettuato un tour in Asia e nel febbraio 2020 ha debuttato con l'Orchestra Filarmonica "Arturo Toscanini" di Parma e con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino eseguendo Absolute Jest per quartetto d'archi e orchestra di John Adams. L'ensemble si è subito contraddistinto per la grande passione, precisione, dovuta certamente alla preziosa esperienza maturata in una delle compagini più prestigiose al mondo che gli permette di essere in contatto con alcuni tra i più acclamati solisti mondiali, oltre che dalla profonda amicizia che li unisce. Il vasto repertorio del quartetto spazia dal classico e romantico al contemporaneo. La multiculturalità dei suoi membri permette una perfetta unione d'intenti che permea ogni loro performance.
Doppio appuntamento musicale, invece, in programma domenica 13 settembre. Alle ore 11.00 si torna a Teano, presso il Museo archeologico di Teanum Sidicinum, dove per la sezione Suoni & Immagini della rassegna, il fisarmonicista Flavio Feleppa eseguirà musiche da cinema degli autori più famosi e non solo: da Nicola Piovani (La vita è bella) a Luis Bacalov (Il Postino), da Nino Rota (Il Padrino) ad Astor Piazzolla (Libertango), passando per i classici senza tempo di Ennio Morricone (Nuovo Cinema Paradiso, C'era una volta il West) e molti altri. Flavio Feleppa ha studiato fisarmonica con Nazzareno Fiorillo e jazz presso il Conservatorio Nicola Sala di Benevento laureandosi sotto la guida di Renato Gaudiello, Gianluca Podio, Aldo Bassi, Andrea Beneventano, partecipando alle attività concertistiche dell'Istituto quale componente della Nicola Sala Small e Big Band.
Il lungo weekend musicale si conclude poi domenica 13 settembre al Convento di S. Francesco a Casanova di Carinola (ore 20.00 e 21.30) con il concerto del duo pianistico Eleonora Spina & Michele Benignetti, previsto nella sezione Pianofestival della rassegna. I musicisti eseguiranno brani di Cesar Franck e Franz Schubert. Costituitosi nel 2013, il duo pianistico Eleonora Spina & Michele Benignetti ha ricevuto, il prestigioso Diplôme Supérieur d'Execution presso l'Ecole Normale de Musique Alfred Cortot di Parigi con la menzione "à l'unanimité" e il plauso della giuria. Successivamente ha conseguito cum laude il Master in musica da camera e duo pianistico presso il Conservatorio di Maastricht sotto la guida di Igor Roma ed Enrico Pace. Ha tenuto concerti in Italia, Olanda, Scozia, Inghilterra, Francia, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa e Cina, ospite di importanti festival e sale da concerto. Eleonora & Michele sono docenti presso La Cité de la Musique et de la Danse di Soissons e tengono masterclass in Italia, Cina (Beijing International Music Institute, Tianjin School of Music) e Francia (AcadémieInternationale de Musique de Colombes a Parigi e Académie Internationale de Musique deFlaine). Il duo è Artista Yamaha.
Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è un vero e proprio tesoro nascosto tra le campagne della frazione Casanova del Comune di Carinola, in provincia di Caserta. Secondo diverse fonti fu il santo stesso ad iniziare l'edificazione del Convento. Ancora oggi vi si trova ben conservata la grotta scavata nella roccia che fu giaciglio del Santo. Interamente costruito in muratura di tufo grigio, il Complesso si compone della Chiesa a due navate e del Convento arricchito dal pregevole chiostro. Quest'ultimo ha una struttura quadrangolare con volte a crociera a sesto acuto che si aprono sulla corte centrale - che ricorda quello del Monastero di S. Chiara di Napoli - e con affreschi sulle pareti laterali ispirati alla vita di S. Francesco. Notevoli anche gli affreschi del refettorio attribuibili alla scuola giottesca.

Il Museo archeologico di Teanum Sidicinum a Teano è ospitato all'interno del complesso monumentale tardo gotico detto del "Loggione e Cavallerizza", appartenuto alla famiglia Marzano, fu edificato nel XIV secolo nell'area del castello alto medievale ed ebbe funzioni politiche e civili. L'edificio ospita oggi i reperti rinvenuti durante le campagne di scavo dell'abitato e del territorio di Teano, anticamente abitato dalla popolazione italica dei Sidicini, stanziato al confine tra il Lazio meridionale e il territorio dei Sanniti. Nel Museo sono esposti i reperti provenienti dagli scavi nel centro antico e nel territorio di Teanum Sidicinum. Il Museo ospita anche una sezione dedicata agli scavi urbani, tra i quali l'intervento di maggiore respiro è costituito dal recupero del teatro romano.