Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Caffè Borbone - Parte Ri-Scatto il progetto sociale che avvicina i giovani al mondo della fotografia

  • Scritto da Roberta Raja

Ri-scatto Caffè-Borbone Na

Immortalare con uno scatto le bellezze nascoste nei vicoli di Napoli, le antiche botteghe che resistono alla modernità, che si snodano in scorci senza tempo, promuovendo, allo stesso tempo, la socialità è l'intento del progetto Ri-Scatto, dedicato ai ragazzi e promosso dall'Associazione Miniera.

Un progetto sostenuto da Caffè Borbone, azienda napoletana impegnata nella valorizzazione del territorio, la promozione culturale, e iniziative che creino valore sociale.

L'associazione Miniera, con sede ai quartieri spagnoli, ha dato il via a un laboratorio dedicato a ragazzi dai 10 ai 14 anni. A partire da sabato 23 aprile fino alla fine di giugno, sempre in piccoli gruppi, saranno intrapresi 9 percorsi: Quartieri Spagnoli, centro storico, Forcella, Santa Lucia, e altre zone rappresentative della veracità napoletana, sono alcune delle tappe del "tour metropolitano" guidato dai volontari di Miniera, guide turistiche e fotografi, Una volta terminati i laboratori fotografici sarà allestita una mostra dedicata "scatti più belli", con tanto di didascalia dove i giovani autori racconteranno ciò che hanno fotografato e le sensazioni che hanno provato.

La finalità del progetto è quella di promuovere la collaborazione reciproca lavorando insieme, e fare leva sul senso di appartenenza al territorio, si propone, inoltre, di coinvolgere in modo particolare bambini e ragazzi delle realtà difficili. Fare squadra, conoscere ed apprezzare la propria città, il proprio quartiere e insegnare ai ragazzi che esiste una realtà differente, luminosa e allo stesso tempo inclusiva, sono i buoni propositi di questa iniziativa.

Così Salvatore Iodice - presidente dell'associazione Miniera - commenta l'iniziativa:

"Siamo in debito verso la città, una città che regala bellezza ad ogni sguardo. È importante sostenere gli uomini del futuro, i nostri figli, dandogli la possibilità guardare con occhi diversi ciò che ci circonda. Essere sostenuti da un'azienda dedita alla valorizzazione del caffè napoletano è importante per noi, perché è un emblema della nostra cultura, che comunica socialità, convivialità. In fondo il caffè si offre solo alle persone gradite, e noi ne siamo onorati."

Catturare il tempo, fermare un istante, raccogliere e condividere le emozioni che si provano al momento dello scatto, saranno uno stimolo per i giovani fotografi a guardare con occhi diversi la bellezza di una città eclettica come Napoli, attraverso l'arte della fotografia.

Add a comment

“Nucleo Studio” compie un anno e lancia campagna e Open Day per ambiente e società migliore

  • Scritto da Mimmo Caiazza

ZTg7FPpQNucleo Studio, agenzia di comunicazione ed eventi ad impatto zero compie un anno, e per festeggiare lancia una campagna di sensibilizzazione incentrata su tutela ambientale e innovazione sociale, oltre all'organizzazione di un Open Day aperto alla cittadinanza che si terrà venerdì 22 aprile 2022 dalle ore dalle 15:00 alle 21:00 presso la sede sita in via Salvatore Piscopo, 46 a Casoria (Na).

La campagna di comunicazione tesa a sensibilizzare le persone su temi ambientali e sociali è incentrata sulla parola chiave: "Piantala!", ed è attiva sia sui canali social dell'agenzia che in modalità off-line

Add a comment Leggi tutto: “Nucleo Studio” compie un anno e lancia campagna e Open Day per ambiente e società migliore

Inaugura l’Accademia del caffè napoletano, per la promozione e valorizzazione del rito partenopeo

  • Scritto da Roberta Raja

Accademia-del-caffè NapoliÈ stata inaugurata l'Accademia del Caffè Napoletano, dedicata alla valorizzazione e alla promozione del rito del caffè napoletano.

Una realtà fortemente voluta dall'associazione Medeaterranea in collaborazione con Caffè Borbone, che ha preso forma negli spazi della Mostra d'Oltremare di Fuorigrotta (Padiglione Piscina, primo piano), dove a febbraio si terranno le prime lezioni. Tre, i livelli, aperti a chiunque volesse specializzarsi o entrare nel mondo del lavoro, ma anche a semplici appassionati. I primi due comprendono lezioni teorico-pratiche di base, il terzo più specifico e avanzato, trasformerà i discenti in veri e propri cultori del caffè napoletano. Una buona occasione per chi è già introdotto nel settore alberghiero e vuole approfondire la materia, ma anche per chi vuole avvicinarsi al mondo del caffè per la prima volta.

In programma, corsi a numero chiuso, cui avranno accesso 20 partecipanti per volta.

Ricche, accattivanti ed utili, le aromatiche lezioni, durante le quali si avrà modo di scoprire, tra l'altro, origini, storia e provenienza del caffè, la differenza tra "arabica" e "robusta", come servire nel modo migliore il caffè nei vari contesti, focus sul valore sociale che si snoda attorno al "rito del caffè" e moduli interessanti come quello dedicato alla semiotica del caffè. Ma, soprattutto, non mancheranno dritte su gusto, qualità, sicurezza e visite allo stabilimento di Caffè Borbone. Al terzo livello, si aggiungeranno, inoltre, nozioni legate al marketing, alle tecniche sensoriali, all'analisi dei consumi relativi al caffè ed altri approfondimenti.

L'intento è quello di creare un polo esclusivo dedicato alla divulgazione dei molteplici aspetti inerenti alla cultura, produzione e consumo di caffè: un'Accademia, che non poteva che nascere a Napoli, città che ha fatto del rito del caffè un culto, tramandato da generazioni, conosciuto ormai in tutto il mondo.

Della gestione dell'Accademia, ospitata nei locali accreditati dalla Regione Campania della Sire Ricevimenti - divisione Academy, si occuperà l'associazione Medeaterranea specializzata in attività di divulgazione scientifica, ricerca, formazione e valorizzazione del settore agroalimentare e della cultura enogastronomica. Inoltre, ha contribuito all'approvazione della candidatura a Patrimonio Unesco del Dossier "La Cultura del Caffè Napoletano tra Rito e Socialità " promosso dalla Regione Campania attraverso l'iscrizione al registro Ipic, con l'avvio all'iter di approvazione da parte del Mipaf.

Al fianco di "Medeaterranea" per il progetto "Accademia del Caffè napoletano" Caffè Borbone. L'azienda partenopea ha contribuito allo sviluppo dei contenuti, alla fornitura dell'attrezzatura professionale e degli accessori per la didattica Il brand provvederà, inoltre, alla fornitura delle materie prime oggetto di studio, come caffè crudo, in grani e monoporzionato, che serviranno a regalare ai discenti pause caffè di qualità, fortemente radicate al territorio e a rafforzare il valore che si snoda attorno al "rito del caffè", elemento essenziale della cultura napoletana.

Add a comment

PREMIO DI POESIA, MUSICA E FOTOGRAFIA “CESARE FILANGIERI”

  • Scritto da Giancarlo Piccolo

premioAnche quest'anno si rinnova il consueto appuntamento con il Premio Filangieri che si arricchisce di una nuova sezione, quella musicale.

Giunto alla IV edizione, il concorso desidera valorizzare non solo Napoli e tutto il territorio vesuviano, ma anche le meravigliose tradizioni che caratterizzano l'Italia nel mondo. D'altro canto, il concorso quest'anno accende i riflettori su temi molto caldi e delicati: infatti, con consapevolezza e tenacia, tende a denunciare il terribile cambiamento climatico e il problema delle numerose violenze di genere che, come un fiume in piena, travolge le nostre città.

Add a comment Leggi tutto: PREMIO DI POESIA, MUSICA E FOTOGRAFIA “CESARE FILANGIERI”

La Giornata dei calzini spaiati all’IC 46 Scialoja Cortese di Napoli

  • Scritto da Rosa Stornaiuolo

IMG-20220204-WA0074La Giornata dei calzini spaiati può sembrare una ricorrenza divertente per tutti coloro che ad ogni bucato si ritrovano a fare i conti con calzini che restano spaiati...Ma in realtà questa ricorrenza ha un altro significato: per questo, da oltre un decennio si celebra indossando volontariamente due calzini di colore diverso il primo venerdì di febbraio.

Qual è il significato della Giornata dei calzini spaiati e perché ha preso piede in tutto il mondo, accolta con entusiasmo soprattutto nel mondo della scuola?

IMG-20220204-WA0085Il "viaggio" dei calzini nella lavatrice, che al termine del ciclo si ritrovano da soli, simboleggia la solitudine e la diversità di cui possono soffrire le persone che nella vita si trovano in una condizione di svantaggio di qualunque tipo. Non a caso, nel paesi anglosassoni la giornata si chiama Odd socks day, e la parola Odd significa non solo dispari, ma anche strano, bizzarro.

Ma trovarsi soli, odd o "strani" può significare anche essere aperti a nuove conoscenze, a lasciare andare il vecchio per incontrare nuove possibilità, nuove amicizie. L'incontro con la diversità è infatti fonte di incredibili occasioni di arricchimento.

La Giornata dei calzini spaiati è la celebrazione della bellezza di non essere tutti uguali.

Per questo il 4 febbraio, primo venerdì del mese, all'IC 46 Scialoja Cortese allievi, docenti e non docenti hanno indossato due calzini di colore diverso: si sta bene e si può essere felici anche se uno è rosa e uno a pois, uno è a righe e l'altro a tinta unita, uno è corto e uno più lungo...

E cosi all'interno del cortile del plesso Scialoja, accarezzati da un tiepido sole, allievi, docenti, non docenti ed operatori dell'Associazione Figli in Famiglia si sono cimentati in una coreografia celebrativa delle diversità sfoggiando ciascuno, orgogliosamente, la propria peculiarità.

La Dirigente scolastica Rosa Stornaiuolo si ritiene soddisfatta dell'iniziativa e sottolinea che è necessario attraverso azioni ed esempi quotidiani sollecitare i giovani, sin dalla più tenera età, a conoscere, riconoscere e valorizzare le differenze per costruire una società più equa ed inclusiva.

Add a comment