Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

“Napulitanamente”: il dialetto napoletano si studia a scuola

  • Scritto da Rosalia Gigliano

NAPULITANAMENTEPotrà sembrar strano ma, a scuola, si insegna il “napoletano”.

Ebbene sì: il dialetto della Regione Campania, da qualche tempo nominato patrimonio dell’UNESCO (www.lastampadelmezzogiorno.it/napoli/11436-il-dialetto-napoletano-diventa-patrimonio-dell%E2%80%99unesco-%C3%A8-la-seconda-lingua-d%E2%80%99italia.html) e seconda lingua d’Italia dopo l’italiano, diventa anche materia scolastica.

Il tutto parte dalla scuola media "Viale delle Acacie" del Vomero. – La dirigente ha approvato, fra le altre attività extracurricolari della propria offerta formativa, il progetto del prof. Ermete Ferraro dal titolo: NAPULITANAMENTE.

Si tratta di un corso di lingua e cultura napoletana che ha la finalità di insegnare agli alunni le regole di pronuncia e lettura del napoletano, ma anche d'introdurli alla grande tradizione culturale di Napoli.

Il prof. Ferraro, che insegna Lettere presso questa scuola, si occupa da molti anni di rivalutazione della lingua napoletana.

Collaboratore dell' Istituto Linguistico Campano, Ermete Ferraro ha tradotto in napoletano vari testi (fra cui i primi 50 Salmi della Bibbia dall'ebraico) ed è autore di una piccola grammatica in napoletano di questa lingua.

Nulla deve esser lasciato al caso…può darsi che il napoletano si faccia strada come vera e propria lingua (e materia curricolare) da studiare a scuola.