Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

La macchia marrone nelle acque di Pozzuoli non è tossica: lo dice l'Arpac

  • Scritto da Redazione

Fogna-La-Pietra-1-676x450La macchia marrone nelle nostre acque non fa paura.
Marrone e maleodorante, una macchia di dubbia provenienza aveva la scorsa settimana invaso il mare lungo la costa da Torregaveta ad Acquamorta, spaventando i residenti. Allertate, capitaneria di porto di Pozzuoli e Arpac hanno eseguito lo scorso martedì dei prelievi, il risultato delle cui analisi è stato reso noto stamane.

 

La macchia era riconducibile "ad una fioritura di mucillagine: un bloom algale non tossico determinato dall'aumento delle temperature". Insomma, un "fenomeno del tutto naturale", come spiegato dal comandante dell'Ufficio circondariale marittimo di Pozzuoli Angelo Benedetto Gonnella.

"L'Arpac ha assicurato che si tratta di una fioritura di alghe – ha proseguito Gonnella – e del resto il fenomeno si è ripresentato durante gli anni scorsi nello stesso periodo". Dopo i primi prelievi era già stato escluso l'inquinamento da idrocarburi o sostanze chimiche, così come non veniva considerata possibile l'ipotesi la macchia provenisse dal depuratore di Cuma, situato sul versante opposto.

Il fenomeno intanto si è ridimensionato fino praticamente a scomparire, date anche le correnti marine che hanno condotto le alghe al largo.