Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Complice di Cosentino: arrestato maresciallo CC

  • Scritto da Redazione

arresti cc copyComplice.
Avrebbe consegnato all'ex parlamentare del Pdl Nicola Cosentino degli atti d'indagine riservati.

È questa l'accusa per un maresciallo dei carabinieri, adesso agli arresti domiciliari. Nicola Cosentino, nell'ambito della stessa inchiesta, è indagato in stato di libertà per ricettazione. Al momento si trova anch'egli ai domiciliari. Il maresciallo, all'epoca dei fatti, prestava servizio a Castello di Cisterna.

L'indagine si riferisce a documenti riguardanti i presunti rapporti con la camorra di Sant'Antimo dell'ex presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro e di un altro esponente del partito. L'inchiesta è coordinata dai Pm Fabrizio Vanorio e Sandro D'Alessio coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, con le indagini condotte dai carabinieri di Caserta diretti dal colonnello Giancarlo Scafuri.

Il lavoro degli inquirenti è partito dopo il ritrovamento, a casa dell'ex leader regionale di Forza Italia, del verbale di interrogatorio di un pentito di camorra. L'ex esponente malavitoso faceva i nomi di Cesaro e di Silvio Berlusconi, in una serie di dichiarazioni rivelatesi però del tutto fasulle. Contestualmente, venne ritrovata anche una pen drive contenente le informative al centro dell'inchiesta