Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

La Campania che si vaccina: adesione al programma del Ministero

  • Scritto da Redazione

vaccinoLa campagna vaccini.
Anche la Campania aderisce al programma triennale sui vaccini varato dal Ministero della Salute lo scorso febbraio.

In ritardo sulla tabella di marcia, dovrà essere a questo organizzato tutto in tempi rapidi.

Sono 10 le vaccinazioni obbligatorie: anti-polio, anti difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. Quattro invece quelle consigliate: anti-meningococco B, anti-meningococco C, anti-pneumococcica e anti-rotavirus.

A proposito di quelle consigliate, le Asl sono obbligate a fare promozione attiva, con i ritardatari che dovranno ricevere telefonate da parte dei medici.

Gratuite, le vaccinazioni dovranno essere erogate da strutture al momento già particolarmente in difficoltà, e soprattutto dovranno riuscire a coinvolgere fasce di popolazione "disinteressate" e quindi con bassa copertura vaccinale.

In particolare, va recuperato anche il cronoprogramma già fissato per il 2017. Vaccinazione anti-meningococcica B ai nuovi nati nel 2017, quindi, e con essa la vaccinazione anti-meningococcica tetravalente (A, C. W, Y in singola dosa nell'adolescente). Inoltre l'anti-pneumococcica da praticare agli over 65, l'anti-varicella ai nuovi nati del 2016, interventi anti-Hpv per i nati del 2006.

Secondo quanto stabilito sarebbe poi previsto entro il 2018 il completamento della vaccinazione contro l'Hpv (recupero non vaccinati nati 2006, e nati nel 2007), l'introduzione della vaccinazione anti-rotavirus a tutti i nuovi nati, l'introduzione della quinta dose di vaccino anti-poliomielite negli adolescenti e l'anti-Herpes Zoster negli over 65. Un piano ambizioso, sulla concreta possibilità di realizzazione del quale gli scetticismi sono molti.