Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

La Giornata dei calzini spaiati all’IC 46 Scialoja Cortese di Napoli

  • Scritto da Rosa Stornaiuolo

IMG-20220204-WA0074La Giornata dei calzini spaiati può sembrare una ricorrenza divertente per tutti coloro che ad ogni bucato si ritrovano a fare i conti con calzini che restano spaiati...Ma in realtà questa ricorrenza ha un altro significato: per questo, da oltre un decennio si celebra indossando volontariamente due calzini di colore diverso il primo venerdì di febbraio.

Qual è il significato della Giornata dei calzini spaiati e perché ha preso piede in tutto il mondo, accolta con entusiasmo soprattutto nel mondo della scuola?

IMG-20220204-WA0085Il "viaggio" dei calzini nella lavatrice, che al termine del ciclo si ritrovano da soli, simboleggia la solitudine e la diversità di cui possono soffrire le persone che nella vita si trovano in una condizione di svantaggio di qualunque tipo. Non a caso, nel paesi anglosassoni la giornata si chiama Odd socks day, e la parola Odd significa non solo dispari, ma anche strano, bizzarro.

Ma trovarsi soli, odd o "strani" può significare anche essere aperti a nuove conoscenze, a lasciare andare il vecchio per incontrare nuove possibilità, nuove amicizie. L'incontro con la diversità è infatti fonte di incredibili occasioni di arricchimento.

La Giornata dei calzini spaiati è la celebrazione della bellezza di non essere tutti uguali.

Per questo il 4 febbraio, primo venerdì del mese, all'IC 46 Scialoja Cortese allievi, docenti e non docenti hanno indossato due calzini di colore diverso: si sta bene e si può essere felici anche se uno è rosa e uno a pois, uno è a righe e l'altro a tinta unita, uno è corto e uno più lungo...

E cosi all'interno del cortile del plesso Scialoja, accarezzati da un tiepido sole, allievi, docenti, non docenti ed operatori dell'Associazione Figli in Famiglia si sono cimentati in una coreografia celebrativa delle diversità sfoggiando ciascuno, orgogliosamente, la propria peculiarità.

La Dirigente scolastica Rosa Stornaiuolo si ritiene soddisfatta dell'iniziativa e sottolinea che è necessario attraverso azioni ed esempi quotidiani sollecitare i giovani, sin dalla più tenera età, a conoscere, riconoscere e valorizzare le differenze per costruire una società più equa ed inclusiva.