Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Amalfi: 5,2 milioni di euro per la messa in sicurezza della strada per Pogerola e del costone Gaudio

  • Scritto da Barbara Landi

Costone Gaudio PogerolaAvviata un'altra procedura di gara per l'affidamento di un nuovo, corposo, intervento di messa in sicurezza del territorio. Si tratta della sistemazione della strada di via Papa Leone X - arteria di collegamento con la popolosa frazione di Pogerola di Amalfi - e del consolidamento dell'imponente costone Gaudio. Per gli interventi in parola, l'Amministrazione Comunale di Amalfi, guidata dal Sindaco Daniele Milano, ha ottenuto da Acamir e Regione Campania un finanziamento complessivo di 5,2 milioni di euro.

Dopo l'approvazione del progetto esecutivo redatto dallo studio Discetti, il Settore "Lavori Pubblici e Demanio" del Comune di Amalfi, retto dall'ing. Pietro Fico, ha indetto un bando di gara da espletare mediante aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, per un importo a base d'asta pari a 4 milioni di euro oltre gli oneri per la sicurezza. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato alle ore 9:00 del 28 novembre 2022.

La strada rotabile comunale di via Papa Leone X è l'unico collegamento rotabile per raggiungere la frazione di Pogerola, attraversando le frazioni di Lone e Pastena, dalla parte alta della frazione di Vettica di Amalfi nel punto in cui interseca la provinciale "Agerolina". Tutto il tratto sarà oggetto di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza, anche attraverso il rifacimento del manto d'asfalto e la pulizia delle cunette.

L'intervento riguarda inoltre la mitigazione del rischio crolli del Costone Gaudio in località Pogerola, caratterizzato da un livello di degrado diffuso e disarticolato lungo i diversi fronti che ricadono sulla sottostante strada rotabile oltre che sulle attività antropiche presenti, che in diverse occasioni, nel tempo, sono state interessate da problemi connessi alla caduta massi.

«L'attuazione dell'intervento deriva da un articolato iter progettuale che ha visto l'Amministrazione comunale di Amalfi - dichiara il Sindaco Daniele Milano - insieme al team di progettazione continuamente impegnati nei tavoli tecnici ed istituzionali che hanno portato al conseguimento di un cospicuo finanziamento indispensabile per l'estensione dell'ambito di intervento e la finalità di messa in sicurezza».

La progettazione esecutiva è avvenuta sulla sulla base di approfonditi rilievi effettuati da rocciatori specializzati e da indagini specialistiche eseguite anche con tecnologia laser scanner, che hanno consentito di individuare le numerose criticità morfologiche in seguito alle quali sono stati definiti gli interventi da realizzare.

«Nello specifico saranno effettuate opere di contenimento dei fronti e dei massi instabili oltre alla pulizia della roccia e al disgaggio controllato dei piccoli volumi instabili. - sottolinea il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici, Matteo Bottone - A questo si aggiungeranno la realizzazione di un intervento di risanamento corticale attraverso fasciature con funi e chiodature, operazioni necessarie alla piena messa in sicurezza della strada rotabile comunale. Ancora una volta intendiamo ringraziare il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ed il Consigliere Luca Cascone per l'attenzione che riservano ad Amalfi e all'intera Costiera».

Add a comment

Turismo: Un’unica insegna per promuovere il meglio della Sicilia Occidentale

  • Scritto da Angela Abbate

Incontro progetto The Best of Western Sicily a SalemiIl progetto The Best of Western Sicily, che mette insieme diversi partner privati e pubblici che rappresentano il meglio della Sicilia Occidentale, è pronto a intercettare nuovi turisti lavorando alla creazione di vere e proprie esperienze turistiche, itinerari commercializzabili che valorizzeranno i punti di forza di questa area geografica. E' stato questo l'obiettivo dell'incontro, svolto al Castello di Salemi, tra i partner del progetto, ideato dall'agenzia Feedback di Palermo e nato con l'obiettivo di fare rete per raccontare, sotto un'unica insegna, questo territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturali.

Dalla sua nascita, nel 2020, il progetto – che ha coinvolto i Comuni di Alcamo, Castellammare del Golfo, Castelvetrano, Contessa Entellina, Erice, Favignana e Isole Egadi, Gibellina, Marsala, Mazara del Vallo, San Vito Lo Capo, Pantelleria, Partanna insieme a Federalberghi Trapani e Liberty Lines - è riuscito a creare delle sinergie virtuose tra i suoi partner che hanno consentito di promuovere il meglio di quest'area geografica all'interno dei maggiori appuntamenti fieristici dedicati al turismo in Italia: la Bit, Borsa internazionale del turismo di Milano nelle edizioni del 2020 e del 2022 e il TTG Travel Experience di Rimini 2022, la manifestazione di riferimento per la promozione del turismo mondiale in Italia e per la commercializzazione dell'offerta turistica italiana nel mondo.

L'incontro, che si è aperto con il benvenuto del sindaco di Salemi, Domenico Venuti e dell'assessore comunale al turismo e spettacolo, Vito Scalisi, è stato moderato da Marcantonio Ruisi, professore di Scienze economiche, aziendali e statistiche all'Università di Palermo. Il tavolo tecnico tra i partner è stata l'occasione per condividere una visione, rafforzare un'alleanza e operativamente iniziare una ricognizione delle eccellenze dei Comuni di quest'area geografica con l'obiettivo di progettare, con la consulenza dell'agenzia Kukla viaggi, percorsi di valorizzazione e fruizione dei territori della Sicilia occidentale che mettano a sistema in maniera modulare, concatenata e armonica le varie offerte locali, i molteplici prodotti e servizi, dentro uno o più "palinsesti" che possano favorire uno sviluppo socio-economico di tutti i comuni interessati, favorendo al contempo la più efficace destagionalizzazione dei flussi.

"Vogliamo costruire un'identità forte tra i partner del progetto e dare l'opportunità ai territori di raccontarsi – ha spiegato Marcello Orlando, amministratore unico di Feedback – offrendo ai turisti che atterrano negli aeroporti di Palermo e Trapani un vasto ventaglio di opportunità".

Pier Paolo Corso, professore dell'Università degli studi di Palermo, ha inoltre evidenziato le possibili sinergie che potrebbero crearsi con il Progetto SCUSI – Smart Culture in Sicily, finanziato dal PO FESR Sicilia 2014\2020, che svilupperà una piattaforma tecnologica super innovativa per valorizzare la fruizione della Sicilia da parte di turisti, cittadini, esercenti e operatori turistici, istituzioni e amministrazioni locali attraverso la cosiddetta "Customer journey". Nell'ambito dell'incontro è stata inoltre annunciata la media partnership del progetto con il Giornale di Sicilia, Tgs ed Rgs del gruppo Ses.

Add a comment

Amalfi - Aperte le iscrizioni online al Forum dei Giovani

  • Scritto da Barbara Landi

Forum AmalfiL'Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Daniele Milano, promuove la riattivazione del Forum dei Giovani di Amalfi: sono aperte le iscrizioni, gratuite e da effettuarsi esclusivamente online, per tutti i cittadini residenti dai 16 ai 34 anni.

Nel mese di dicembre 2022 saranno aperte le candidature per le cariche sociali, coerentemente con quanto previsto dallo Statuto del Forum dei Giovani di Amalfi. Le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali si terranno presumibilmente il 5 gennaio 2023, salvo imprevisti.

Il Forum è un organismo di partecipazione alla vita ed alle Istituzioni democratiche che offre ai Giovani le condizioni per intervenire direttamente nei confronti degli organi elettivi comunali contribuendo con proposte/pareri, alla fase di impostazione delle decisioni che questi dovranno assumere su temi di rilevante interesse giovanile

Possono aderire tutti i cittadini residenti ad Amalfi che abbiano compiuto il 16esimo anno di età e che non abbiano compiuto il 35esimo anno d'età, senza distinzione di sesso, razza, religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Tra i principali compiti del Forum dei Giovani: favorire tutte le iniziative tendenti a sviluppare la coscienza civica dei Giovani al fine di garantire l'effettiva partecipazione degli stessi alla vita politico amministrativa della Città; avanzare proposte al Comune di Amalfi e ad altri enti pubblici, partecipando attivamente alle forme decentrate di gestione democratica del potere locale; esprimere pareri sulle iniziative del Comune di Amalfi rivolte ai Giovani; organizzare, in accordo e con l'ausilio del Comune di Amalfi, iniziative e attività culturali, sportive, turistiche, ecologiste, sociali e ricreative idonee a soddisfare le esigenze dei giovani e di tutti cittadini; interagire con le associazioni e le forze sociali presenti sul territorio del Comune di Amalfi per promuovere lo sviluppo psicofisico dei Giovani; intrattenere valide relazioni culturali e sociali con altre organizzazioni giovanili di altri comuni d'Italia, dei Paesi esteri, comunitari ed extracomunitari, attraverso rapporti di gemellaggio, al fine di perseguire la cooperazione e la solidarietà tra i popoli; determinare argomenti da porre all'ordine del giorno della Giunta e. del Consiglio Comunale; avanzare istanze e richieste di informazione, al Sindaco o suoi delegati, su temi e problemi che riguardano la complessiva attività amministrativa del Comune di Amalfi ed in modo particolare alle esigenze che provengono dal mondo giovanile.

Add a comment

Finanziamenti alle imprese: più di tre mila aziende campane hanno i requisiti per candidarsi al “Garanzia Campania Bond"

  • Scritto da Roberto Race

finanziamenti impreseSono più di tre mila le aziende campane che hanno i requisiti per essere candidate al "Garanzia Campania Bond", il programma di Basket Bond promosso da Sviluppo Campania e coordinato da Mediocredito Centrale e Banca Finint per il quale si apriranno le candidature dal 16 novembre.

Questo quanto emerge dallo studio realizzato da VVA Debt & Grant, società leader nella finanza strutturata agevolata guidata da Claudio Calvani, in collaborazione con il think tank Competere.EU.

Il programma è finalizzato a favorire la crescita delle PMI campane, non agricole, con operazioni di finanziamento tramite emissione di Minibond, assistite da garanzia pubblica e supportate con un contributo a fondo perduto del 50% sui costi della strutturazione.

Il "Garanzia Campania Bond" prevede l'emissione di titoli obbligazionari da parte delle PMI Campane, assistiti da una dotazione finanziaria di 37 milioni di euro nella forma di Garanzia Pubblica e di 1,9 milioni di euro nella forma di Sovvenzioni.

Dallo studio emerge che sono 1.812 le aziende della provincia di Napoli, 639 di Salerno, 345 di Caserta, 119 di Avellino, 95 di Benevento. Delle società individuate, 2.131 necessitano il preliminare ottenimento di un rating creditizio da parte di un'Agenzia ECAI per inoltrare la manifestazione di interesse, mentre 879 società rispettano tutti i requisiti volti a non dover ottenere un rating di credito in via preventiva. (per un maggior dettaglio sui requisiti si rimanda alla sezione finale dell'articolo)

I 3 settori principali in cui operano le aziende potenzialmente candidabili sono il manifatturiero per il 25%, commercio per il 29% e costruzioni per il 12%. All'interno del settore manifatturiero il principale segmento è quello dell'industria alimentare per il 6%, seguito da quello metallurgico e della lavorazione dei metalli per il 5%.

"Le aziende campane- dichiara il ceo di VVA Claudio Calvani- si sono dimostrate negli anni interessate ai temi della finanza alternativa, come ha dimostrato il successo della prima edizione del Garanzia Campania Bond. In particolare le PMI hanno compreso quanto sia importante poter contare su polmoni finanziari addizionali e alternativi rispetto a quelli tradizionali, soprattutto per finanziare i progetti di investimenti, grazie alla maggiore size delle operazioni.

Dall'analisi emerge come i due terzi delle imprese candidabili non abbiano ancora il rating bancario, condizione necessaria per candidarsi, pur avendo performance spesso migliori delle aziende che hanno il rating bancario. Questo è il segnale delle grandi potenzialità della Campania e di quanto sia importante uno strumento con queste caratteristiche per l'economia del territorio.

Dai dati emerge come le aziende candidabili abbiano in media livelli di indebitamento contenuti e abbiano un tasso di crescita dei ricavi 2021 rispetto a quelli 2020 del 18%. Indice di come le PMI campane candidabili abbiano registrato un tasso di crescita superiore a quello del PIL nazionale, pari al 6,6%.

Dallo studio emerge come le tremila aziende candidabili abbiano un fatturato complessivo superiore ai 34,7 miliardi di euro, un EBITDA complessivo di 3,7 miliardi e più di cento mila dipendenti diretti. Parliamo della spina dorsale dell'economia campana"

"L'aumento dei tassi d'interesse- dichiarano per Competere.Eu il segretario generale Roberto Race e il coordinatore dell'Osservatorio Next Generation Giuseppe Arleo- associato alle preesistenti difficoltà di accesso al credito, impone alle Pmi lo sviluppo di canali di supporto al credito alternativi.

Regioni come la Campania e la Puglia sono state apripista in Italia con i Basket Bond diventando un modello per il resto del Paese.

Per un'azienda, come emerge in uno studio realizzato da Istat in collaborazione con Borsa Italiana, le aziende che fanno emissioni obbligazionarie sono più competitive e pronte alle sfide dei mercati."

Garanzia Campania Bond, giunto alla seconda edizione, ha visto partecipare nella prima edizione sessantacinque Pmi per un importo finanziato di 144 milioni di euro.

Dalle 10 del 16 novembre 2022 sarà possibile presentare le manifestazioni di interesse.

L'analisi
Lo studio è stato realizzato sulle società con sede legale in Campania che, senza considerare i collegamenti, sono considerabili PMI e hanno depositato il bilancio d'esercizio 2021 con un fatturato di almeno euro 1 mln e un EBITDA di euro >500 mila, si è privilegiato come criterio dimensionale l'EBITDA essendo il riferimento principale di rapporto con la PFN (Posizione Finanziaria Netta).

Per una rappresentazione completa della segmentazione delle aziende per tipologia di attività svolta si riporta la seguente tabella, con suddivisione tra aziende che preventivamente necessitano l'ottenimento del rating o meno:
finanziamenti imprese TAB 1

Analizzando con maggiore dettaglio le PMI si ottiene un identikit finanziario delle società differente tra quelle che in via preventiva necessitano o meno l'ottenimento del rating creditizio.

Dalla Tabella 2 è possibile osservare che le società della prima colonna hanno registrato in media ricavi superiori, poiché uno dei requisiti della classe è euro >10 mln di fatturato. Sotto un profilo di marginalità, si osserva un maggiore EBITDA in termini assoluti nel primo gruppo, mentre un rapporto ai ricavi superiore per le società della seconda colonna avendo come requisito nella selezione euro >500 mila di EBITDA. Analizzando l'indebitamento, possiamo osservare che in media entrambi i gruppi societari presentano livelli di indebitamento contenuti e ben lontani da situazioni oggetto di monitoraggio. Il primo gruppo registra valori migliori, avendo come requisito quello di possedere delle leve finanziarie in un range specifico. Infine il numero dei dipendenti conferma dimensionalmente i dati registrati in relazione ai ricavi e all'EBITDA con una numerosità media nella prima classe maggiore rispetto alla seconda. In termini di crescita societaria è stato analizzato il dato mediano, poiché la media è influenzata eccessivamente da crescite stratosferiche di alcune società che non permettono un'analisi corretta. Il dato mediano del tasso di crescita dei ricavi 2021 rispetto a quelli 2020 ottenuto per entrambi i gruppi di società è del 18%, indice di come le PMI campane abbiano registrato un tasso di crescita superiore a quello del PIL nazionale, pari al 6,6%.
finanziamenti imprese TAB 2

Possono candidarsi le imprese che:
-sono PMI;
-hanno almeno una Sede Operativa nella Regione Campania o si impegnano a costituirla entro la data di ammissione al portafoglio;
hanno un Rating valido rilasciato da una Agenzia ECAI, almeno pari a BB- sulla scala Standard & Poor's (od equivalente).

È, altresì, possibile partecipare per le PMI campane comunque potenzialmente idonee a soddisfare le aspettative degli Investitori, non ancora in possesso di un valido Rating BB-, allorché dimostrino al momento della manifestazione di interesse i seguenti requisiti:
-bilanci approvati e depositati per gli ultimi tre esercizi
-non aver realizzato perdite d'esercizio in più di uno degli ultimi 3 (tre) esercizi e, sulla base dell'ultimo Bilancio approvato:

Ricavi di Vendita: minimo Euro 10 milioni

PFN/EBITDA: < [5,0]x

PFN/PN: < [3]x

EBITDA/Ricavi di Vendita: > [4]%

Add a comment

PNRR: NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO PER GLI ENTI LOCALI

  • Scritto da Gilda Camaggio

presidente Agostino Soave 2Una delle riforme abilitanti il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e i suoi vantaggi per la gestione e la governance del settore pubblico è al centro del nuovo seminario formativo organizzato dall'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (ODCEC) di Salerno in programma sabato 5 novembre dalle ore 9.30 presso il Mediterranea Hotel di Salerno.

"PNRR: Opportunità di sviluppo - La nuova contabilità 'accrual'" è il titolo dell'incontro, organizzato in collaborazione con l'Associazione Nazionale dei Certificatori e Revisori degli Enti Locali (ANCREL), in cui si farà luce sulla riforma che prevede un nuovo sistema unico di contabilità economico-patrimoniale basato sul principio Accrual, cioè sulla competenza economica, per tutte le Pubbliche Amministrazioni del nostro Paese. La riforma, che dovrà essere attuata entro l'anno 2026, punta a dotare tutto il settore pubblico italiano di un sistema contabile completo (economico-patrimoniale e finanziario) idoneo a fornire un quadro completo e attendibile della posizione finanziaria ed economica e del risultato di bilancio di un'Amministrazione Pubblica, e, dunque, a rilevare i risultati delle Pubbliche Amministrazioni, con un miglioramento della trasparenza e della leggibilità delle informazioni in forme più standardizzate e coerenti con il contesto internazionale.

La riduzione delle discordanze tra i diversi sistemi contabili mediante un'azione di convergenza in un unico insieme di standard contabili, la definizione di un piano dei conti unico per le PA, in linea con le migliori pratiche internazionali, i vantaggi di un sistema che consente di misurare e quindi migliorare l'efficienza e l'efficacia dei servizi pubblici erogati: sono alcuni dei benefici della contabilità Accrual che saranno sviscerati nel corso del Seminario dell'ODCEC Salerno in cui interverranno Antonio Colaianni Direttore Centrale della Direzione della Finanza Locale del Ministero dell'Interno, Davide Di Russo Commercialista in Torino e Presidente dell'Osservatorio degli Enti Pubblici e Società Partecipate del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Salvatore Bilardo Dirigente Generale della Ragioneria Generale dello Stato Ispettore generale Capo I.Ge.P.A., Emanuele Scatola Magistrato della Corte dei Conti - Sezione Regionale di Controllo per la Campania, Marco Castellani Commercialista -Presidente ANCREL.

"Nel corso del Seminario – spiega il presidente dell'ODCEC Salerno Agostino Soave che aprirà i lavori – ci soffermeremo a lungo anche sul compito fondamentale che avranno i Revisori degli Enti Locali nell'applicazione della riforma. Come già evidenziato dall'ANCREL in più sedi, proprio il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha riportato in primo piano la carenza di competenze tecniche nelle PA italiane e, di conseguenza, il ruolo centrale nel percorso di accompagnamento per l'attuazione del PNRR del Revisore degli Enti Locali, le cui competenze specialistiche sono e saranno determinanti per cogliere al meglio le opportunità del Piano e di questa transizione nel sistema pubblico italiano".

L'incontro sarà moderato da Gianni Trovati Giornalista del Sole 24 Ore. La partecipazione al seminario è gratuita per gli iscritti all'Ordine ed i revisori contabili e consentirà di acquisire 5 crediti formativi validi per l'iscrizione e/o mantenimento al registro revisori enti locali dietro superamento del test finale di 10 domande con il 75% delle risposte estate sugli argomenti trattati (n. 8) ( Min.Int.circ .F/L 7 del 05.04.2012). Per gli iscritti all'ODCEC saranno riconosciuti anche I crediti formative ordinari validi ai fini della FPC.

Add a comment