Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

L’AD di Smet punta al rilancio nel Mediterraneo con la creazione di nuove rotte, in collaborazione col Gruppo Grimaldi

  • Scritto da Emilio D'Arco

alis-domenico-de-rosaIn qualità di Amministratore delegato del Gruppo SMET, Domenico De Rosa è stato intervistato nell'ambito del TG News dell'Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile, il format di ALIS Channel, canale dedicato al trasporto e alla logistica. Al centro dell'intervista (visualizzabile sul canale You Tube di Smet Logistics), le strategie che il Gruppo vuole intraprendere per il 2021.

Dottor De Rosa ci vuole dire le novità della sua azienda e i suoi progetti?

«Sicuramente, come di consueto, ogni anno noi variamo il nostro progetto di sostenibilità con il relativo bilancio. Anche per questo anno, 2021, che ci aspetta nonostante il rallentamento naturale dovuto al Covid, noi rilanceremo per il 2021 le nostre iniziative intermodali. Tra cui, sono allo studio con il Gruppo Grimaldi dei nuovi tracciati con le rotte del mare».

Uno scoop, quali sono?

«Cercheremo, con l'arrivo delle nuove navi, di congiungere dei paesi del Mediterraneo che oggi non sono ancora toccati adeguatamente a nostro avviso da questa modalità di trasporto. Per cui con le nuove navi in arrivo da 500 trailer cadauna di capacità contiamo di potere avviare con l'armatore delle nuove opportunità di business sia per le imprese italiane per delle esportazioni efficienti, sia dal punto di vista della sostenibilità dei trasporti che invece oggi vengono puntualmente fatti da altri operatori via gomma e quindi con un gravoso impatto di CO2 per l'atmosfera».

Lei è un convinto sostenitore della decarbonizzazione del pianeta e della necessità di usare mezzi e tutte le strategie possibili per sostenere l'ambiente, vero?

«Questa è una nostra vocazione naturale. Nel nostro DNA da oltre 25 anni ci sono le Autostrade del Mare. Un valore che oggi ci distingue dagli altri operatori. Con l'intermodalità, che noi chiamiamo al quadrato, cioè Autostrade del Mare insieme alla ferrovia, ci rende un prodotto esclusivo e assolutamente di grande pregio in termini di sostenibilità non solo economica ma anche ambientale».