Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Eni tra i protagonisti di Heroes 2021

  • Scritto da Ilaria Cuomo

Heroes-con-Eni-scaled

Heroes, l'appuntamento annuale dedicato a innovazione, futuro e impresa
è diventato a tutti gli effetti un cult del fine estate della regione
Basilicata che, arrivato alla sua sesta edizione, decide di cambiare
location e di tornare in presenza – dopo lo stop dello scorso anno
dovuto dall'emergenza sanitaria – in uno dei centri storici più belli
d'Italia: quello di Potenza.

Nella giornata del 9e 10 settembre, il capoluogo potentino ha
fatto, quindi, da palcoscenico ad un vero e proprio sistema
internazionale dedicato al futuro. Ripensare il mondo dell'economia e
dell'impresa, infatti, è l'obiettivo che, sin dalla prima edizione,
Heroes ha portato avanti e che, per quest'anno, vede la collaborazione
di Eni che ha accolto la sfida di confrontarsi sui più stringenti temi
economici e sociali dell'attualità.

Non è un caso, quindi, che il tema di quest'anno sia "Human Connection",
dove il capitale umano rappresenta essere un reale e concreto
investimento del territorio e delle imprese.

Eni, da sempre impegnata nel valorizzare i percorsi di nuove tecnologie
al servizio delle attività e dei territori in cui opera, ha voluto
essere protagonista di questo evento lucano. Durante la due giorni,
infatti, vengono illustrati alcuni dei progetti pensati proprio per la
Basilicata. In Piazza Prefettura si è parlato
di Energy Valley, un nuovo modello di sostenibilità ambientale ed
economica per la Val d'Agri, all'interno di una discussione più ampia
sul tema "Riparti Italia".

A proposito di "Futuro Digitale", riflettori puntati su Joule, la scuola di Eni per l'impresa e il bando "South Up! Agritech e
Startup, la Basilicata riparte", un'iniziativa di scouting e
accelerazione che ha l'obiettivo di individuare e raccogliere progetti
imprenditoriali innovativi e sostenibili in ambito Agritech e
Agroenergia provenienti dalle regioni del Mezzogiorno, per accelerarne
la crescita attraverso il coinvolgimento attivo delle aziende agricole
lucane.