Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Mamma mia che stanchezza

  • Scritto da Ugo Parisi

 

parisi_thumb307_Mamma mia che stanchezza
Rosa Russo Iervolino, nonostante l'onesto tentativo dei maldestri giacobini dell'opposizione, la "sindaca" resta al suo posto.
Anzi a voler essere precisi, non solo non molla la poltrona, ma si ripresenta, a distanza di 24 ore più ringalluzzita di prima, promettendo fuoco e fiamme.
L'ennesima farsa si è conclusa.
Quello che mi colpisce e non poco di questa assurda tragicomica commedia è che, stranamente, nessuno si è chiesto come mai la Iervolino , alla fine , riesce a salvarsi grazie alla poca attenzione di un componente l'opposizione che stanco di una serie di questioni , cosa fa, si dimette, lasciando per automatismo il posto ad un consigliere dell'Idv. Nessuno, e dico nessuno, ha gridato allo scandalo , alla mercificazione delle idee, all'opportunità che diventa opportunismo. Nulla di nulla se non un , almeno, dignitoso silenzio da parte degli imbranati ribelli e di chi poteva giudicare e chiarire e non lo ha fatto. Add a comment Leggi tutto: Mamma mia che stanchezza

Chi c'è dietro?

  • Scritto da Ugo Parisi
parisi_thumb307_Cosa sta veramente succedendo nell'area mediterranea? È veramente una questione di cosiddetta "contaminazione"? È possibile che quasi in maniera contemporanea Nazioni intere si sollevino contro i loro denominati "dittatori" che, in qualche caso, sono addirittura considerati diretti discendenti del profeta Maometto? E cosa dobbiamo effettivamente aspettarci noi occidentali da un tale radicale cambiamento?
Molto sinceramente non ho mai saputo di movimenti così radicali che coinvolgono , nel giro di qualche settimana intere nazioni, anche storicamente non ho memoria di una situazione simile, probabilmente l'unico esempio che potrebbe in qualche modo essere citato , potrebbe essere quello della rivolta dei territori dell'allora nuovo mondo (l'America) contro l'Inghilterra, tenendo conto, comunque delle differenze dovute all'epoca ed al contesto, ma se fosse così , dovrebbero avere in comune, i due episodi, un'altra cosa sostanziale, la premeditazione. Add a comment Leggi tutto: Chi c'è dietro?

Napoli nel cuore

  • Scritto da Ugo Parisi
parisi2_thumb307_Napoli è una città bellissima ed io, che sono un vero innamorato di partenope, penso che se un team di architetti, di ingegneri, di artisti e di geologi si fossero uniti ed avessero deciso di creare qualcosa di veramente eccezionale, un vero e proprio paradosso di bellezze artistiche e paesaggistiche incastonate l'una all'interno dell'altra come in un mosaico costruito con maniacale precisione, ebbene, questo team non avrebbe potuto fare di meglio rispetto a quello che Napoli è già. Add a comment Leggi tutto: Napoli nel cuore

Solo una questione cacofonica.

  • Scritto da Ugo Parisi

parisi

In uno stupendo film , credo degli anni '50, un grande Vittorio De Sica parlava ad un altrettanto grande Totò, di alcune parole che lo disturbavano profondamente, parole nelle quali, magari, si ripetevano delle consonanti o delle vocali dando, secondo il personaggio interpretato dal maestro De Sica, a queste ultime una cacofonia particolare che addirittura provocava in Lui reazioni incontrollate. Per come si sviluppava poi la scena, chi ha visto il film a cui mi riferisco lo sa, seguivano una serie di gag divertentissime.
Ma quanta verità c'era in quello che in quel preciso istante credevo si trattasse semplicemente di un paradosso ai fini di una bella e divertente commedia.

Add a comment Leggi tutto: Solo una questione cacofonica.

Stracci e bandiere

  • Scritto da Ugo Parisi
parisi_thumb307_Le guardie particolari giurate, i cosiddetti metronotte, o più impropriamente gli sceriffi , vigilantes, gorilla, e quant'altro di offensivo e stupido si possa immaginare per definire un lavoratore di questo settore.
Ma chi sono le Guardie Particolari Giurate ?
Quanti di noi sappiamo cosa effettivamente rappresentano questi lavoratori della sicurezza e quali problematiche debbono continuamente affrontare, pur facendo un lavoro che per molti versi dovrebbe essere considerato di pubblica utilità?
Non voglio anticipare nulla di quanto verra' trattato negli articoli che pubblicheremo sul mondo della sicurezza privata e nello specifico degli Istituti di Vigilanza, a cominciare da questo numero. Ma visto che ho facoltà di scrivere, vorrei, finalmente, dire quello che penso su una pubblicazione che non sia diretta solo agli addetti ai lavori. Add a comment Leggi tutto: Stracci e bandiere