Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

borbonico

Cambiano i rifiuti RAEE ed includeranno anche le chiavette usb

  • Scritto da Redazione

chiavetta usbA partire dal 15 agosto 2018 gran parte degli apparecchi elettronici che abbiamo in casa rientreranno a far parte degli oggetti appartenenti alla categoria RAEE, nota anche come Open Scope.

Cosa significa tutto questo? Significa che dovremo iniziare a fare la raccolta differenziata per vari device, chiavette USB comprese.
In pratica a partire dall'estate 2018 dovremo riservare a cavi, caricatori, pennette USB e così via lo stesso trattamento che al momento riserviamo a computer, smartphone, TV e altri gadget elettronici quando dobbiamo smaltirli. La decisione è stata presa dopo che le stime sugli oggetti informatici di scarto nel biennio 2018 e 2019 sono raddoppiate rispetto ai numeri del 2016 e 2017. In pratica al giorno d'oggi produciamo troppa "immondizia elettronica", e in molti casi i vecchi televisori o i vecchi telefoni non vengono smaltiti nella maniera corretta dai consumatori, causando non pochi danni all'ambiente.

Le aziende dovranno adeguarsi
Dal consorzio Ecolight, che si occupa proprio di organizzare lo smaltimento dei rifiuti elettrici appartenenti alla categoria RAEE, fanno sapere che sarà necessario quanto prima organizzare una lista chiara ed esaustiva dei vari apparecchi che a partire dal 15 agosto 2018 andranno smaltiti in maniera differente. Il rischio, infatti, è quello che le aziende produttrici non si adeguino in modo coerente. Causando disservizi durante lo smaltimento dei prodotti di scarto e subendo numero sanzioni. Ci vorranno inoltre dei corsi per formare il personale di moltissime imprese a gestire con consapevolezza gli scarti elettronici prodotti in azienda.

Dove buttare i RAEE
A questo punto la domanda di molti consumatori sarà: dove devo buttare la mia chiavetta USB a partire dall'anno prossimo? Semplice, essendo considerata RAEE (dal 15 agosto 2018) la pennetta USB deve essere trattata come uno smartphone o un computer. Può dunque essere riportata presso il negozio dove abbiamo comprato il device. E sarà poi l'azienda a gestire lo smaltimento dell'oggetto elettronico.

Libero.it