Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Sarà amore eterno? Bastano 12 mesi per scoprirlo!

  • Scritto da Chiara D'Aponte

amore eternoChe cos'è l'amore? E' l'intreccio indissolubile di due anime? E' la volontà di condividere gioie, dolori, attese, speranze? E' l'ardente desiderio di possedere il corpo e il cuore dell'amato? Assolutamente no! O meglio l'amore potrà anche essere tutto ciò ma la durata di questo turbinio di sentimenti ed emozioni è soggiogata a qualcosa che non è propriamente eterea e romantica. Quanto può durare l'amore? E' davvero eterno come dicono o ha una data di scadenza? Per anni si è detto che il punto più critico di un rapporto si tocca raggiunti i 7 anni di relazione. Poi si è passati ai 5 anni. Ora uno studio condotto dalla Worcester University e pubblicato sulla rivista "Evolutionary Psychology" parla addirittura di soli 12 mesi. Dopo un anno ci sarebbe un punto di svolta che potrebbe portare alla rottura o alla prosecuzione del rapporto. Il motivo? I livelli di testosterone nel sangue dell'uomo (ve l'avevo detto che non c'era niente di romantico!).

Il team dell'università britannica ha esaminato 75 uomini dai 18 ai 39 anni ed ha notato che i single e coloro che avevano intrapreso una relazione da poco avevano gli stessi livelli di testosterone, mentre questi livelli crollavano nei soggetti fidanzati da più di un anno. Il motivo è semplice: durante il primo anno di relazione i livelli di ormoni sono ancora alti perché l'uomo è ancora fisiologicamente predisposto alla concorrenza con altri uomini o alla possibilità di cercare altre opportunità di accoppiamento. L'abbassamento di testosterone avrebbe però l'effetto positivo di predisporre l'uomo ad accudire i figli.