Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

“Gocce d’Acqua”: il borgo di Casamale di Somma Vesuviana ospita l’installazione artistica di Giuseppe Ottaiano

  • Scritto da Simone Ottaiano

Gocce dacqua - Casamale 01

Dopo il successo dei video realizzati presso il Duomo di San Michele Arcangelo in Casertavecchia e Villa Campolieto di Ercolano, l'Associazione Culturale Terre di Campania rinnova il suo impegno nella valorizzazione dei luoghi d'arte della regione Campania con una ulteriore tappa del percorso espositivo virtuale dedicato all'installazione artistica "Gocce d'Acqua", ideata da Giuseppe Ottaiano nell'ambito del progetto "Campania Bellezza del Creato".

Questa volta, ad ospitare una selezione delle oltre 180 sagome di gocce, dipinte da 51 artisti e da oltre 100 allievi di 7 istituti artistici campani, è stata la Collegiata di San Pietro Apostolo in Santa Maria Maggiore, uno dei luoghi simbolo del centro storico del Casamale in Somma Vesuviana.

L'edificio religioso, risalente al XII secolo e costruito su una chiesetta già esistente, in onore di San Giacomo e di Santa Maria della Sanità, fu il centro attorno al quale si sviluppò il borgo medievale di Casamale, successivamente delimitato dalle imponenti mura aragonesi. Il borgo si conserva ancora oggi integro nonostante le sovrapposizioni strutturali ed estetiche dei secoli successivi, rappresentando il cuore vivo di Somma Vesuviana. Il borgo è legato inoltre alla tradizionale e suggestiva "Festa delle Lucerne", che ha luogo ogni quattro anni. Il video realizzato presso la Collegiata aggiunge, dunque, un altro importante tassello al percorso di promozione dei luoghi d'eccellenza del nostro territorio regionale che sta compiendo l'installazione artistica collettiva ideata da Giuseppe Ottaiano, in attesa di essere esposta dal vivo non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.

Un'installazione artistica, lo ricordiamo, pensata per promuovere la salvaguardia e la conoscenza dell'immenso e prezioso patrimonio idrico della Campania.

L'iniziativa è stata realizzata in collaborazione con l'Associazione Gli Amici del Casamale e con il patrocinio morale di Gori S.p.A. e dell'Amci sezione diocesana di Nola. Un ringraziamento particolare per il supporto fornito all'iniziativa va a Padre Giuseppe D'Agostino, Parroco della Chiesa Collegiata San Pietro Apostolo in Santa Maria Maggiore - Casamale – Somma Vesuviana; a Giovanni Maione, amico e sostenitore del progetto; Antonio Falcone, Presidente Amci sezione diocesana di Nola e a Dora Barbato, per aver indossato gli abiti dell'atelier Antise di Linda Isernia. Tra le gocce selezionate per la realizzazione di questo video, vi sono quelle realizzate dagli allievi dell'istituto di Istruzione Superiore "Alberto Galizia" di Nocera Inferiore (SA).

Il video sarà disponibile, a partire da venerdì 16 aprile, sulla pagina Facebook di Campania Bellezza del Creato, e degli Amici del Casamale.

Add a comment

Al via le Menarini Pills of Art Junior, le video pillole di arte realizzate dai ragazzi per i ragazzi

  • Scritto da Simonetta de Chiara Ruffo

Logo Menarini Pills of Art Junior

"Chi sono i personaggi della Primavera e perché ballano in un frutteto e non in una sala da ballo?" E ancora. "Perché la Medusa è raffigurata su uno scudo?" Sono solo alcune delle domande dei giovanissimi protagonisti delle Pills of Art Junior, online sul canale YouTube Menarini Group in italiano e in inglese, per conoscere e far conoscere ai loro coetanei alcuni capolavori senza tempo. I brevi video descrivono curiosità, dettagli ancora da svelare e aneddoti sulle opere d'arte più celebri, principalmente del Rinascimento italiano. E lo fanno grazie alle domande di giovanissimi e alle risposte semplici e dirette di (quasi) altrettanto giovani esperti del mondo dell'arte.

La Medusa di Caravaggio, la Primavera del Botticelli e la Madonna della seggiola di Raffaello sono le prime Menarini Pills of Art Junior di questo canale, che si arricchirà ogni mese di nuove micro pillole affiancando, in una nuova sezione, le seguitissime Menarini Pills of Art. Queste ultime, video racconti di poco più di un minuto, hanno ottenuto un successo incredibile con 18 Milioni di visualizzazioni in otto lingue diverse (italiano, inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo, turco e cinese) e sono riuscite a incuriosire e avvicinare all'arte gli utenti più disparati.

"Il mondo dell'arte è fatto di colori, storie, figure affascinanti che nelle spiegazioni tradizionali sono però oscurati da linguaggi che spesso risultano noiosi, specialmente per i ragazzini" – hanno detto Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, azionisti e membri del Board di Menarini – "Con le Menarini Pills of Art Junior abbiamo voluto scoprire l'arte con i loro occhi e la loro curiosità, in un viaggio alla scoperta di un mondo dell'arte diverso, ricco di sfumature, leggende e divertimento che riporta anche a noi adulti quei dettagli che da grandi abbiamo smesso di notare".

Le Menarini Pills of Art Junior rappresentano una delle tappe di un lungo percorso iniziato più di 60 anni fa con la prima pubblicazione della monografia annuale Menarini, tuttora edito, e proseguita poi con l'esperienza delle video pillole, a conferma dell'attenzione all'arte italiana che da sempre caratterizza il Gruppo Menarini.

Add a comment

Martedì 6 aprile - Viaggio in Campania a Capodimonte visita virtuale su Luca Giordano

  • Scritto da Scabec

GIODANO EVENTO

Viaggio in Campania - arte, storie e luoghi: quarto tour via Google Meet a cura di campania>artecard e Scabec alla scoperta dei tesori e l'arte del territorio campano ma anche di mostre internazionali.

Come per questo appuntamento, in programma martedì 6 alle ore 21, con una visita guidata virtuale ad una selezione di opere provenienti dalla mostra "Luca Giordano, dalla Natura alla Pittura" inaugurata l'8 ottobre scorso dal Museo e Real Bosco di Capodimonte.

A guidarci Stefano Causa e Patrizia Piscitello curatori della mostra attualmente installata nella sala Causa del Museo e Real Bosco di Capodimonte, e purtroppo rimasta per diverso tempo chiusa a causa delle restrizioni previste per l'emergenza sanitaria Covid-19, che chiuderà il prossimo 11 aprile.

Un'occasione imperdibile dunque, riservata a sole 150 persone, quella di poter accedere, seppur virtualmente, ad una visita guidata con i curatori dell' es posizione che accompagneranno gli spettatori all'interno del Museo ed anche nel making of della mostra.

Pittore geniale, raffinato e multiforme, Luca Giordano (1634-1706) attraversa il Secolo d'oro della Pittura a Napoli incantando le corti d'Italia e d'Europa.

Add a comment

Garbatella IMAGES 2021 - VISIONI: Una ricerca visiva attraverso il territorio e la storia del quartiere Garbatella

  • Scritto da Chiara Crupi

10b Photography

10b Photography presenta il primo ciclo del progetto triennale Garbatella IMAGES, intitolato VISIONI, con la direzione artistica di Francesco Zizola e la curatela di Sara Alberani e Francesco Rombaldi (YOGURT Magazine).

Dal 10 al 20 aprile 2021, in mostra le opere fotografiche inedite di 6 autrici/autori e la loro pubblicazione fotografica (prima di 3). La mostra sarà allestita presso la galleria 10b photography e nei lotti 24, 29, 30 e 55. L'intenzione è di favorire il lavoro site-specific, ovvero in stretta relazione con il quartiere Garbatella. Il progetto rappresenta il primo capitolo di un percorso che si svilupperà in tre anni e che affronterà le tematiche Visioni, Corpo e Spazio.

Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020/2021/2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

Il primo capitolo della ricerca triennale sul quartiere Garbatella, VISIONI, si concentra sull'immaginazione e sulle potenzialità creative del linguaggio fotografico in relazione allo storico quartiere romano, così carico di un suo immaginario legato al patrimonio storico, sociale, architettonico. Il territorio viene reinterpretato dalle fotografe/i selezionati – Mary Baldo, Luca Brunetti, Luigi Cecconi, Simone D'Angelo, Federica Leone, Linda Pezzano - attraverso i nuovi linguaggi della fotografia contemporanea, per un lavoro capace di riabitare lo spazio urbano della città-giardino, di catturare suggestioni invisibili o profondamente radicate, di costruire una realtà "altra", filtrata dalle narrazioni collettive e personali degli autori e degli abitanti.

Il quartiere si destruttura in sei narrazioni che con la propria ricerca reinterpretano l'identità della zona, declinandola in una sorta di atlante immaginifico, e portando avanti sei diverse progettualità, indipendenti ma complementari. I temi di indagine spaziano dal lavoro sugli archivi fotografici personali degli abitanti, allo scenario notturno dei lotti, dalle storie femminili che ne hanno disegnato il carattere sociale, agli elementi marini che ne compongono la storia urbana, fino ad un lavoro site-specific di abitazione di un lotto per un periodo forzato e continuativo, in relazione all'impossibilità di movimento ai tempi del lockdown.

Visioni si pone come una riflessione complessa e alternativa di una realtà che negli ultimi mesi abbiamo imparato ad abitare con altri strumenti, in primis adoperando i dispositivi e i linguaggi digitali, in questo caso al servizio degli autori per spingere gli elementi caratterizzanti il quartiere un po' più in là rispetto alla canonizzazione comune con cui li riconosciamo e tenere aperta la relazione tra realtà e interiorità.

La novità di questa edizione è rappresentata dalla collaborazione con Francesco Rombaldi, direttore e curatore di YOGURT Magazine, rivista e network di cultura fotografica di stampo internazionale, che cura la selezione e la ricerca visiva degli autori, in dialogo costante con la 10b photography e la sua presenza sul territorio.

Le opere prodotte saranno visibili all'interno del quartiere in una mostra collettiva dal 10 al 20 aprile, curata da Sara Alberani, in collaborazione con Francesco Rombaldi e Francesco Zizola, sia dentro gli spazi della 10b Photography dal lunedì al sabato dalle 18.00 alle 20.00 previa prenotazione, che negli storici lotti del quartiere, concependo gli spazi degli stenditoi come elemento urbano collettivo ed espositivo.

I lavori degli autori trovano spazio anche in un volume fotografico (primo di tre) che andrà a comporre una narrazione complessiva triennale su Visioni – Corpo – Spazio, a cura di Francesco Rombaldi in collaborazione con Sara Alberani e Francesco Zizola. Il volume sarà arricchito dal contributo artistico di un giovane e talentuoso illustratore, Mattia Ammirati, che firmerà la copertina della prima delle tre pubblicazioni.

Completa il programma una serie di visite guidate, aperte e gratuite su prenotazione, per condurre gli abitanti e un pubblico più vasto lungo il percorso della mostra e della sua pubblicazione.

Add a comment

Venerdì Santo al Museo FRaC - Procida: la Processione dei Turchini - L'antropologo Paolo Apolito in dialogo con il critico d'arte Massimo Bignardi

  • Scritto da Barbara Landi

venerdì santo museo frac

Nell'ambito del programma di manifestazioni ed eventi che il Comune di Baronissi e il Museo-FRaC progettato a sostegno di "PROCIDA2022", venerdì 2 aprile 2021, alle ore 19, il prof. Paolo Apolito (Università Roma Tre) terrà una conferenza dedicata alla Processione dei Misteri nota anche come Processione dei Turchini, significativo momento che l'isola di Procida vive nella Settimana Santa.

La conferenza in diretta streaming sui canali digitali del museo e del Comune di Baronissi, segue le iniziative che, ad oggi, hanno registrato il concerto del Quartetto d'archi della Camerata Strumentale dell'Università di Salerno dedicato a musiche di Franz Joseph Haydn tenutosi martedì 30 marzo e l'inaugurazione giovedì 1 aprile, della mostra online Gianni Zanni In Cœna Domini.

La processione del Venerdì Santo di Procida è una tradizione fortemente radicata nello spirito della comunità isolana: è un momento di solidarietà e di senso profondo dolore che vede unita l'intera isola. La Processione dei turchini, segue quella degli Apostoli Incappucciati, organizzata dall'antica confraternita dei Bianchi, nota anche come Confraternita del SS. Sacramento, che si tiene la sera del Giovedì Santo dopo la 'lavanda dei piedi'.

"Uno squillo di tromba e la risposta di tre colpi di tamburo. Comincia così, di primo mattino, la 'Processione dei Misteri' del Venerdì Santo a Procida. Una tradizione antichissima, risalente alla fine del Seicento, con ogni probabilità mutuata dalla Processione dei Misteri organizzata a Palermo e a Napoli dalla 'Congregazione di Nostra Signora de la Soledad'. Nella piccola Procida, invece, è la 'Confraternita dell'Immacolata Concezione' fondata nel 1629 dai Gesuiti – detta anche 'dei Turchini' per via della mantella azzurra indossata dai confratelli – a organizzare da più di 300 anni questa suggestiva manifestazione che richiama migliaia di fedeli e curiosi da ogni parte dell'arcipelago flegreo. Ischia, compresa".

Add a comment