Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

È in radio negli store e sulle piattaforme digitali, "RISO SCONDITO" il nuovo singolo inedito di MARCELLO PIERI

  • Scritto da RECmedia

Marcello-Pieri-6-libera-da-diritti

È in radio negli store e sulle piattaforme digitali, "RISO SCONDITO" il nuovo singolo inedito di MARCELLO PIERI, registrato e mixato al Savana Studio di Forlì, con gli arrangiamenti e il basso di Massimo Sutera (storico bassista di Lucio Dalla), le chitarre di Corrado Cacciaguerra e al pianoforte e tastiere Marcello Pieri, mastering di Stefano Cappelli. La foto di copertina è di Francesco Pieri e le grafiche di Fabrizio Emigli.

< "Riso scondito", è un brano blues, che ho scritto di getto - racconta Marcello Pieri - ispirato dalle ingiustizie sociali successe negli ultimi periodi nel nostro paese, alternando nel testo, volutamente, una poetica metaforica ad una molto cruda. Il suono richiama sonorità Endrixiane mescolate a ritmiche hip hop.>

Marcello Pieri nato nel 1965 a Cesena da una famiglia di agricoltori, fin da piccolo ha inseguito e nutrito la passione per la musica che lo ha portato a incidere, tra il 1991 e il 1997, 4 album di inediti, uno tra questi contiene la hit "Se fai l'amore come cammini". Nel 1993 partecipa al Festival di Sanremo con il brano "Femmina". Come autore, collabora alla scrittura di numerose canzoni, tra gli altri, di Gianna Nannini e Karima. Nel 1997 partecipa alla tournée italiana di Bob Dylan e in seguito decide di prendersi una pausa e di allontanarsi dal circuito musicale, senza però smettere di scrivere canzoni. Nel 2018 pubblica dopo molti anni il singolo "Se cerchi un eroe... non sono io". Oggi continua a coltivare la sua terra senza smettere di seguire la passione per la musica scrivendo per sé e per altri artisti. Il 21 aprile 2020 ha pubblicato il singolo "Sino a quando non ti rivedrò" scritto a quattro mani con Riccardo Bondi, mix di David Sabiu e nello stesso anno il 30 ottobre "In Punta Di Piedi", brano che aveva scritto nel 1997 su richiesta di Marco Pantani. A giugno 2021 ha riproposto la sua hit "Se fai l'amore come cammini" per celebrare i 30 anni dalla pubblicazione con un video originale.

Il 19 ottobre 2021 esce "Riso Scondito" brano di denuncia legato alle recenti ingiustizie accadute nel nostro paese. Al momento sta lavorando alla realizzazione di nuovi brani per una futura pubblicazione.

Add a comment

È in radio "Molecole d'Amore", il nuovo singolo di Marco Martinelli

  • Scritto da RECmedia

Marco Martinelli Molecole d Amore Copertina b

È in radio "Molecole d'Amore", il nuovo singolo di Marco Martinelli, disponibile su tutte le piattaforme digitali e in versione video su Youtube, che si è classificato al primo posto dell'edizione 2021 del Premio Lunezia con un giudizio unanime di commissione d'ascolto e pubblico.

"Siamo tutti uguali, costituiti degli stessi atomi che si incontrano e formano legami - dice Marco Martinelli - tra tutti i legami che ci sono, i legami covalenti sono alla base della struttura del filamento del DNA e di tutte le molecole organiche che conosciamo. La cosa sorprendente e meravigliosa è che questi legami sono frutto della condivisione, un evento che può essere letto come un atto d'amore, dove due atomi condividono tra loro una coppia di elettroni per formare questi legami alla base della vita."

"Molecole d'Amore" racconta una visione della vita e dell'esistenza interpretata dallo sguardo di un giovane scienziato che usa la poetica della chimica per spiegare la realtà che lo circonda. E' un brano di speranza che parte dalla materia e dagli atomi per lanciare un messaggio universale di entusiasmo verso il futuro.

"In linea con la canzone - afferma il regista MIMMO VERDUCI – ho scelto di girare il video in un locale, riportandoci ai momenti di condivisione e festa. Ho voluto riprendere Marco in mezzo a scene di incontro. È in quei momenti che sentiamo fortemente scattare la chimica, quella che noi chiamiamo 'empatia'. Ci si aggrega e, senza sapere il perché, ci sono anime affini che si richiamano. Si tratta di quelle attrazioni, di quella vera elettricità di cui la canzone e il suo testo spiegano bene scientificamente. L'attrice protagonista del video è Maria Vittoria Cozzella."

Marco Martinelli è un ricercatore e comunicatore della scienza della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, originario di Lucca con riconosciute doti di performer a 360 gradi, già noto anche sul piccolo schermo per le sue conduzioni di programmi di divulgazione scientifica in Rai (Memex, La Scienza in gioco, Galileo) e su Tim Vision e per i suoi seguitissimi video sulla piattaforma social TikTok (@marcoilgiallino - 200K).

In veste di concorrente, Martinelli si è classificato ai primi posti in vari programmi tv, quali Forte Forte Forte condotto da Raffaella Carrà, e The Apprentice condotto da Flavio Briatore, mentre la sua carriera musicale è seguita da tempo da Mariella Nava, autrice e produttrice con Antonio Coggio di molti suoi brani.

Grazie alla vittoria del Premio Lunezia 2021, Marco Martinelli accede di diritto alle fasi finali di Area Sanremo.

Marco è attualmente in onda su TIMvision nella serie "Scuola TIMVision" dove divulga le scienze ai bimbi di IV e V elementare.

Add a comment

Pinguini Tattici Nucleari: comunicato il nuovo calendario del tour, tappa al PalaSele il 5 marzo 2022

  • Scritto da Gilda Camaggio

PTN nuva data Eboli 2022Saranno i Pinguini Tattici Nucleari a riaccendere le luci del palco del Palasele di Eboli: secondo il nuovo calendario del tour, la band farà tappa a Eboli sabato 5 marzo 2022 (sostituisce la data del 9 ottobre 2021). A causa delle attuali restrizioni per il contenimento dell'emergenza sanitaria e delle ultime direttive ministeriali che confermano le limitazioni delle capienze per i concerti nei palazzetti dello sport, BPM Concerti e Trident Music hanno infatti comunicato lo spostamento del tour dei Pinguini Tattici Nucleari al 2022.

I biglietti già acquistati rimangono validi per le nuove date. Per il concerto di Eboli è possibile acquistare i titoli di ingresso sul circuito ufficiale Ticketone. Radio Italia è radio ufficiale del tour. 

Per informazioni sulla data al PalaSele di Eboli, organizzata da Anni 60 produzioni e Veragency: 089 4685516 www.anni60produzioni.com – www.veragency.it.

IL CALENDARIO LIVE DEL PALASELE. Sarà la prossima primavera dunque a segnare il ritorno della grande musica live al PalaSele di Eboli: un'attesissima stagione di concerti, a cura di Anni 60 produzioni, all'insegna dei grandi live in tour.

Dopo la tappa del tour dei Pinguini Tattici Nucleari, il palco del PalaSele accoglierà Salmo e il suo "Flop Tour", organizzato e prodotto da Vivo Concerti, che lo vedrà portare sui palchi dei principali palazzetti italiani tutta la carica esplosiva dell'omonimo album uscito venerdì 1 ottobre. La tappa al PalaSele di Eboli è fissata per l'8 marzo 2022. i biglietti, già disponibili su vivoconcerti.com, saranno acquistabili dalle ore 12.00 di sabato 16 ottobre 2021 in tutte le rivendite autorizzate.

Riprogrammato nel 2022 il ritorno dal vivo dei Negramaro: il nuovo tour indoor, inizialmente previsto da ottobre 2021 in 15 città italiane, partirà la prossima primavera per poter assicurare la riapertura dei Palazzetti in piena capienza e garantire, come sempre, uno spettacolo all'altezza delle aspettative del pubblico. L'appuntamento al PalaSele di Eboli è fissato per il 16 aprile 2022 (riprogrammazione del 18 ottobre 2021).

Rinviato al 24 aprile 2022 (data che sostituisce il 2 ottobre 2021) la tappa a Eboli del Famoso tour di Sfera Ebbasta, inizialmente programmato per settembre e ottobre 2021 annunciato in concomitanza con l'uscita in tutto il mondo del nuovo album per Island Records. Il tour, prodotto da Trident Music in collaborazione con Thaurus, sarà un ulteriore importante capitolo della dimensione live e della carriera di Sfera.

Anche l'intero tour dei Modà "Testa o Croce" previsto nel 2021 nei palasport è stato posticipato al 2022. Secondo il nuovo calendario, comunicato da Friends & Partners, il "Testa o Croce tour" si chiuderà al PalaSele il 28 maggio 2022 (recupero del 5 ottobre 2021, del 10 marzo e del 13 ottobre 2020),

Riprogrammate anche le tappe di Notre Dame de Paris: l'opera pietra miliare dello spettacolo italiano e mondiale sarà in scena a Eboli sabato 26 novembre 2022 – ore 16:00 e ore 21:00, e domenica 27 novembre 2022 – ore 17:00 e ore 21:00. I biglietti già acquistati in precedenza restano validi per le nuove date. La tournée dello show più importante mai realizzato in Europa, prodotto da David e Clemente Zard, in collaborazione con Enzo Product Ltd, è interamente curata e distribuita da Vivo Concerti.

Add a comment

Arriva in radio e il video su Youtube, "LA VITA DEI MIRACOLI", il nuovo singolo di VALENTINA MATTAROZZI

  • Scritto da RECmedia

Valentina Mattarozzi Foto orizzontale 1  Ph Mauro Cionci copyArriva in radio e il video su Youtube, "LA VITA DEI MIRACOLI", il nuovo singolo di VALENTINA MATTAROZZI tratto dall'album "VIRTÙ NASCOSTE" (Azzurra Music).

Il brano da un punto di vista ritmico e stilistico è un samba lento dove il polistrumentista Stefano Melloni ha suonato il Figulino, uno strumento molto versatile creato dal veneziano Renato Dalla Costa, che è un flauto di terracotta fatto a mano, qui utilizzato tra le primissime volte per una registrazione discografica. Il suo suono rende molto bene la saudade brasiliana che avvolge tutto il brano.

Valentina Mattarozzi racconta: "L'ho scritto di getto dopo aver letto la storia di un grande uomo ora beatificato, Don Olindo Marella, che aiutò con le sue opere i bisognosi a Bologna. Egli dovette superare tanti ostacoli, fino ad arrivare ad essere privato dalla curia che non vedeva di buon occhio la sua missione, della possibilità di officiare la Santa Messa. Come San Francesco con la sua fede e semplicità riuscì comunque a compiere qualcosa di grandioso."

Prosegue l'artista e autrice: "Questo brano non racconta la biografia di Padre Marella, ma è una trasposizione del valore della sua opera nella nostra esistenza. Tutti possiamo a nostro modo, illuminati dall' Amore, dalla Meraviglia e dalla Speranza, riscattare le nostre esistenze e farle diventare dei piccoli miracoli. Non si deve aver paura della vita e di ciò che potrà serbarci. Quando scrivo: 'la bellezza è nell'infinito, è nel sapere che ogni cosa porta con sé sempre una rosa, con i petali ed i profumi, con le sue spine e tuoi sospiri, senza avere dei confini', voglio esprimere che ogni esperienza della nostra vita contiene una dualità. Le esperienze che a noi possono sembrare belle e appaganti potrebbero serbare dei lati bui e quelle brutte illuminare il nostro cammino e per accettare la nostra Vita dobbiamo accoglierle tutte, senza distinzione. Perché quando ci si rialza da qualche vicenda difficile ci si eleva per percorrere la strada della nostra esistenza nel modo più pieno e intenso, questa è la Vita dei Miracoli, i piccoli gesti di tutti i giorni, per creare passo dopo passo quelle cose che pensavamo fossero impossibili, ma che siamo riusciti a realizzare.

"Ritmo incalzante, sorrisi genuini e tanta voglia di ballare: è proprio l'amore profondo per la vita in ogni sua sfumatura che fa da protagonista alle note dalle tinte latine e alle immagini di "La vita dei miracoli", il nuovo video di Valentina Mattarozzi. La leggerezza d'animo di un inno che ci invita alla gioia profonda per le piccole cose è tangibile in ogni inquadratura, nelle movenze e nel luccichio degli occhi della cantante e dei suoi musicisti che diventano soggetto, location e trama stessa del video - afferma il regista Milo Barbieri - L'approccio minimale del mezzo visivo, infatti, lascia la scena a quello che è il vero fulcro del brano ovvero una vibrante e trascinate energia vitale che, con l'integrazione di pochi e mirati interventi d'animazione, è sufficiente a raccontare una storia che non ha bisogno di attori o di teatri di posa, ma solo di ricordarci di non smettere mai di amare la vita per quel viaggio meraviglioso che è, perché in fondo 'ogni cosa porta con sé sempre una rosa'."

VALENTINA MATTAROZZI Bolognese di nascita, artista a tutto tondo. A 6 anni inizia a suonare il pianoforte e 14 a comporre. Studia canto lirico, ma la sua innata curiosità la porta a scoprire tanti generi musicali, (dal pop al rock, dal blues alla fusion). Ed è proprio la mescolanza di tutto questo che la rende unica. Il suo primo vero grande amore è, e rimane, il Jazz che è la sua principale fonte di ispirazione anche quando compone. Collabora con vari artisti bolognesi tra cui Annibale Modoni, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Carlo Atti e Lele Barbieri. Dal 2013 è la vocalist della famosa Doctor Dixie jazz band, che ha visto collaborazioni con Gerry Mullighan, Lucio Dalla, Pupi Avati e Renzo Arbore. Alternando attività musicali e teatrali, è la protagonista di "Lady Day - Omaggio a Billie Holiday" (nel ruolo di Billie Holiday) per la regia di Massimo Macchiavelli e ancora in "Ladies sing the blues", viaggio attraverso la storia e le sonorità blues già portate alla ribalta da grandi interpreti femminili come Bessie Smith e Janis Joplin. Si cimenta anche nella scrittura teatrale, debuttando con "Io sono Billie", spettacolo anche questo, incentrato sulla vita di Billie Holiday. Nel 2014 debutta con l'album di inediti "Vally Doo". Nel 2017 pubblica l'album "I am Billie - Tribute to Billie Holiday", per cui riceve pubblicamente i complimenti da parte del gruppo vocal jazz più famoso al mondo "The Manhattan Transfer". Ad aprile 2020 durante il periodo di lockdown ha partecipato all'iniziativa #jazzadomicilio organizzato dal Bologna Jazz Festival ed il 30 maggio 2020 è stata la cantante del primo concerto in Italia "in condominio", dopo il lockdown, esibendosi con il trio del Maestro Teo Ciavarella a "Borgo Masini". Ha di recente pubblicato il suo album "Virtù Nascoste" e dalla ripresa dei live si è esibita al Salotto Jazz di Bologna per approdare poi a Fermo nella prima serata del Festival "Jazz e non solo Jazz" affiancata per l'occasione da Daniele Scannapieco, sassofonista che vanta pluriennali collaborazioni tra gli altri con Dee Dee Bridgewater e Henry Salvador.

Add a comment

Quartieri Jazz Orkestrine in concerto a Positano - Il 16 e 17 ottobre il grande Jazz sul sagrato della Chiesa madre

  • Scritto da Carmen Cerchiaro

q.j. orkestrine

A presentare l'evento è il sindaco Giuseppe Guida che scrive: "Siamo orgogliosi di ospitare a Positano il grande Jazz. Artisti di livello internazionale si esibiranno sul sagrato della Chiesa Madre che in brevissimo tempo è diventato il salotto culturale della nostra città".

Il concerto di Fabrizio Bosso il 16 ottobre sarà il primo di una serie di appuntamenti che vedranno succedersi eccellenze e personaggi di spicco del panorama jazzistico come Mario Romano capogruppo dei Quartieri Jazz che si esibirà il giorno dopo con la sua band al completo.

IL DISCO 
Il valente chitarrista e compositore napoletano Mario Romano ha dato vita nel 2007 al progetto Quartieri Jazz giunto nel gennaio 2013 (ed. GRAF) al felice esordio discografico intitolato "E strade ca portano a mare", e nel settembre 2016 (ed. M.R.) al secondo lavoro "Le 4 giornate di Napoli". Una produzione in cui si fondono e incontrano in maniera originale il jazz manouche e la tradizione napoletana nel suo ricco retaggio classico e contemporaneo. Un'intensa attività concertistica ha contraddistinto negli anni il percorso di questo progetto, che negli album appena citati, si arricchisce di illustri ospiti e noti esponenti della scena musicale partenopea quali Joe Amoruso (storico pianista di Pino Daniele), Daniele Sepe, Antonio Onorato, Marco Zurzolo e tanti altri.

"LE 4 GIORNATE DI NAPOLI"
Col nuovo album il chitarrista dei Quartieri Spagnoli affronta una nuova sfida all'insegna della consapevolezza e della rivalutazione dell'identità partenopea, attraverso la fusione tra la napoletanità dei vicoli in cui vive l'artista, e il jazz manouche dei caposcuola come Reinhardt e Rosenberg, proseguendo così sulla strada del genere coniato.


Il NEAPOLITAN GIPSY JAZZ

Un disco ispirato al sentimento di "Unione e Ribellione" di quel settembre del '43, dove i napoletani, senza distinzione di classe, imbracciarono le armi in una rivolta spontanea e scacciarono il nemico nazista. E come ieri, oggi spira in città una forte voglia di riscatto e cambiamento, ma oggi è necessario imbracciare le armi della cultura e cavalcare questa nuova "Rivoluzione Napoletana" partita dal basso, facendo "Resistenza Culturale".

A salire sul palco domenica 17 ottobre sarà la formazione Orkestrine al completo composta da Alessandro De Carolis ai flauti, Mario Romano alla chitarra classica, Alberto Santaniello alla chitarra acustica, Luigi Esposito al piano, Ciro Imperato al basso ed Emiliano Barrella alla batteria. Talenti che come Mario Romano provengono dai "Quartieri Popolari" di Napoli e che nel loro sound frizzante e sanguigno hanno saputo riprodurre colori e umori di quella magica e vivace realtà.

Add a comment