Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

Ravello festival,70 giorni di spettacoli

  • Scritto da Redazione

belvedereVRSettanta giorni di eventi tra spettacoli, musica, teatro e letteratura: e' il festival di Ravello che torna dal 29 giugno all'8 settembre nella localita' della Costiera Amalfitana. La rassegna sara' dedicata a Oscar Niemeyer, il grande architetto brasiliano che ha progettato l'auditorium di Ravello, e al bicentenario di due grandi compositori, Richard Wagner e Giuseppe Verdi. Previsto anche un omaggio a Giovanni Boccaccio, 700 anni dopo la nascita e una mostra dell'artista Mimmo Paladino.

.

Add a comment Leggi tutto: Ravello festival,70 giorni di spettacoli

AL TUNNEL BORBONICO “STOP THE WAR”: UN CONCERTO CONTRO LA GUERRA

  • Scritto da Annacarla Tredici
STOP-THE-WAR-2013_defSabato 1 giugno 2013, l’affascinante location del Tunnel Borbonico si trasforma in palcoscenico: riflettori accesi per Stop The War, un emozionante esibizione musicale nelle grotte di tufo giallo con le canzoni più popolari del panorama internazionale scritte contro la guerra e la violenza. Attraverso il percorso sotterraneo scavato da Enrico Alvino per Ferdinando II nel 1853 e riportato alla luce  dall’Associazione Borbonica Sotterranea, con due turni alle ore 19:30 e 21:00, si svolgerà questo caratteristico concerto che prevede, inoltre, una breve visita guidata nei suggestivi luoghi del Tunnel Borbonico, utilizzati come rifugio antiaereo durante la Seconda Guerra Mondiale e, successivamente, come deposito giudiziario nel periodo post-bellico.

L’appuntamento è presso l’ingresso in via Domenico Morelli (c/o parcheggio Morelli), prenotazione obbligatoria ai numeri 0817645808 o 3662484151, costo biglietto  € 15,00 a persona.

Add a comment Leggi tutto: AL TUNNEL BORBONICO “STOP THE WAR”: UN CONCERTO CONTRO LA GUERRA

Napoli! di Springsteen per una notte

  • Scritto da Maria Teresa Carvisiglia

 

bruce-springsteen-concerto.jpg.pagespeed.ic.oGTY6Xq0Xx_copyAd un anno di distanza dall'esplosione di San Siro, il Boss torna a prendersi gli applausi del pubblico italiano: prima tappa del suo «Wrecking Ball Tour» in Italia, la città di Napoli. Il concerto del grande rocker americano si apre sulle note di "O sole mio", l'uomo nato per correre saluta così, scatenando il pubblico di Piazza del Plebiscito - è bello essere a casa, io sono del Sud Italia - dice in perfetto italiano. Corre, salta, grida, infiamma la folla, gioca e scherza con i suoi fan, un animale da palcoscenico, degnamente accompagnato dalla sua fedele E-Street Band al gran completo. All'improvviso inizia a diluviare, ma questo sembra esaltare ancora di più The Boss. Si scatena cantando "Dancing in the dark", la folla impazzisce e, dopo, sulle note di 'Who'll stop the rain' magicamente, smette anche di piovere. Dedica "My hometown" alla sua famiglia d'origine di Vico Equense - la mia città - racconta commosso. Alle 23, dopo due ore e mezza di concerto, infila senza sosta alcuni dei suoi più celebri successi: "Born to Run", "Hungry Heart", "Out in the Street" e ovviamente "Born in the Usa". Dopo più di tre ore di concerto, dopo una straordinaria cover di "Twist and Shout" e poi di "La Bamba" Springhsteen resta solo sul palco - ancora una per la mia Napoli - e intona una splendida versione unplugged di "Thunder Road". La piazza si ferma come in una sorta d'istantanea, un fermo immagine surreale, la sua sei corde sembra parlare insieme ai suoi occhi, ora il mago è Bruce e questa è la sua chiave per accedere alle emozioni di 20 mila anime, riunite lì solo per lui che ascoltano in un silenzio quasi mistico questa preghiera laica. Il popolo del rock s'incanta e si emoziona, scorgendo ciascuno nella propria mente, la scia di ricordi lontani e persino le nuvole sembrano rispettare l'attimo, aprendosi e cedendo il posto ad una luna immensa, bianca come il latte, circondata da un cielo ormai stellato. Questa è la forza e l'energia della musica e dell'arte, in grado di varcare la porta della percezione e di trasmettere la voglia di sperare ancora. L'uomo nato per correre ci riesce...da sempre! Add a comment

E' morto Little Tony

  • Scritto da Redazione
little-tony-morto-0E' morto a Roma Little Tony. Il cantante - che aveva 72 anni ed era originario di Tivoli (Roma) - era malato. Il decesso è avvenuto a Villa Margherita, dove era ricoverato da tre mesi. I funerali si svolgeranno giovedì al Divino Amore.

 

Little Tony (il nome d'arte e' un omaggio a Little Richard) ha avuto un percorso artistico unico per l'Italia, perche', sul finire degli anni '50, ha iniziato ad avere successo in Inghilterra. ''Nessuno si prende la briga di ricordare la mia storia e pensare alle difficolta' che ho superato - ricordo' all'ANSA quando nel febbraio 2011, in occasione del suo 70esimo compleanno, presento' un suo nuovo disco -. A 16 anni sono andato a Londra senza una lira e senza sapere una parola di inglese a misurarmi con gente come Cliff Richard. Prendevo il treno a carbone e andavo a Manchester da dove andava in onda il programma 'Boys Meet Girls' che ha fatto la storia del rock in tv. L'anno dopo il programma si intitolava 'Wham!', e' da qui che George Michael ha preso il nome della sua prima band, e io ero ospite fisso. Uno degli autori di Elvis scrisse per me 'Too Good', che arrivo' nella top 20 inglese nel 1959. Tornai in Italia senza una lira, con i jeans, il giubbotto di pelle da Teddy Boys alla Marlon Brando, gli occhiali da sole e volevo solo cantare in inglese. A Milano avevamo firmato un contratto con la Durium: avevamo fame, dormivamo in una pensione da 300 lire a notte e mangiavamo in un'osteria a 150 lire. Mi dissero che se volevo cantare in inglese avrebbero stracciato il contratto. Quelli della band (tra cui il fratello Enrico, chitarrista storico, tra l'altro delle colonne sonore di Ennio Morricone) mi convinsero ad accettare di cantare in italiano''. Add a comment Leggi tutto: E' morto Little Tony

È il giorno di Bruce Springsteen

  • Scritto da Redazione

170637102-32ed66df-da16-4b75-af58-a6428e7d6077Il concerto avrà inizio alle 20 e non durerà meno di tre ore. Si svolgerà anche in caso di pioggia. Si potrà accedere alla piazza a partire dalle 15. Due gli ingressi, da piazza Trieste e Trento e via Cesario Console.

Oggi è il grande giorno: il giorno del concerto di Bruce Springsteen. Non sarà sold out: staccati 20.000 biglietti circa, altri 5.000 sono a disposizione dei ritardatari che potranno acquistarli direttamente ai botteghini di piazza Trieste e Trento al prezzo di 65 euro senza diritti di prevendita. Add a comment Leggi tutto: È il giorno di Bruce Springsteen