Questo sito fa uso di cookie di terze parti per la memorizzazione di dati statistici e pubblicitari.

logo
Menu
Login RSS

“La scuola si apre al territorio": partono i laboratori all'IC Pascoli 2 di Secondigliano

  • Scritto da Redazione

hhSono in fase di realizzazione dal mese di maggio e proseguiranno fino ad ottobre 2021 c/o l'IC Pascoli 2 al plesso Marta Russo nel Rione dei fiori di Secondigliano i laboratori del progetto "La scuola si apre al territorio " finanziato dal MIBAC (Ministero per i beni e le attività culturali) con il bando "Scuola attiva la cultura" del Piano "Cultura Futuro Urbano",in collaborazione con il Comune di Napoli, la VII Municipalità, l' associazione sportiva ARES di Secondigliano, l'associazione teatrale Menabò di Secondigliano , la Cooperativa Era di Napoli
Le attività sono rivolte agli alunni ed agli adulti del territorio per un rilancio delle periferie urbane. La finalità del progetto è quella di fare della scuola un centro di aggregazione culturale per i residenti del quartiere oltre che per gli alunni , creando un raccordo tra la scuola, polo culturale e formativo, e la periferia urbana nord della città metropolitana di Napoli.


Il plesso Marta Russo è allocato nel Rione dei Fiori dove particolarmente marcati sono il disagio familiare e l'abbandono scolastico, esso dispone di ampi spazi verdi , di un campetto di calcio ed una palestra.
L'idea del progetto con i suoi laboratori è nata dopo la riqualificazione urbana attraverso il recupero della facciata esterna con un murales da parte del Comune con la cooperativa Ero e l'educativa territoriale, nostri partner istituzionali.
Le attività in fase di svolgimento sono laboratori di educazione alla cittadinanza attiva che coinvolgono, oltre agli alunni della scuola secondaria di I grado, i genitori degli alunni e i dropout, fuoriusciti dal percorso formativo. Questi i laboratori:
laboratorio teatrale, laboratorio sportivo , laboratorio musicale,laboratori artistici di murales, fotografia e ceramica ed un orto sinergico urbano, essi segnano un approccio innovativo dell'apprendimento in contesti non formali e informali.
Il progetto già finanziato nel 2019 a causa della pandemia da COVID-19 ha avuto una battuta d'arresto ma appena è stato possibile si sono attivati i laboratori che rappresentano un momento di ripresa e di rinascita per la scuola in presenza, particolarmente importante in un quartiere a rischio come quello di Secondigliano su cui insiste il plesso Marta Russo.